Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Tenta di scappare dal carcere di Montacuto: bloccato dalla Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Tenta di scappare dal carcere di Montacuto: bloccato dalla Polizia Penitenziaria


Notizia del 17/04/2014 - ANCONA
Letto (2352 volte)
 Stampa questo articolo


Ancona, 17 aprile 2014 - Demolisce il muro della cella per avere accesso alle tubature dell’acqua, che conducono ai sotterranei, ma viene scoperto dai secondini e punito con l’isolamento. Ieri anche il tribunale di Ancona ha inferto la sua punizione: è stato condannato per tentata evasione e danneggiamento ad un anno e 2 mesi di reclusione Gennaro Giuffrida, 35enne brindisino, che nel luglio 2011 aveva tentato di emulare le gesta di Frank Morris, epico protagonista del film Fuga da Alcatraz.

Il giovane si trovava a Montacuto dopo aver tentato l’evasione dal carcere di Ascoli Piceno, dove aveva scavato un buco nel muro della cella. Anche nel carcere dorico aveva provato a scappare. Se ne erano accorte le guardie carcerarie, che proprio in virtù del precedente tentativo di evasione avevano sottoposto la sua cella ad un’ispezione.



Su una parete, nascosti da un lenzuolo, i secondini avevano trovato gravi danneggiamenti: il muro era stato in parte demolito per rimuovere un pannello messo a copertura delle condutture idriche. Secondo la ricostruzione fatta ieri in aula dalle guardie carcerarie, Gennaro Giuffrida aveva il fisico abbastanza minuto da riuscire ad introdursi nel piccolo spazio tra le tubature e, seguendo queste, avrebbe potuto raggiungere il seminterrato e di qui le fogne. L’intenzione del detenuto, insomma, era proprio quella di evadere.

La versione fornita in aula dagli agenti della Polizia Penitenziaria, evidentemente, è stata più convincente di quella della difesa, che ha ridimensionato il fatto al semplice danneggiamento. Secondo la tesi difensiva, Giuffrida non voleva scappare dal carcere e comunque non avrebbe potuto evadere, visto che, una volta uscito dall’edificio, avrebbe incontrato l’ostacolo della cinta muraria. Gennaro Giuffrida, detto ‘Gerri’, era stato arrestato in Emilia Romagna nel maggio del 2007 perché ritenuto complice di Fabio Fornaro, brindisino accusato di aver ucciso a colpi di pistola un pregiudicato di 33 anni nel corso di un agguato.

Successivamente Giuffrida era stato condannato anche per essere stato uno dei componenti della ‘Banda Antonino’, ritenuta autrice di estorsioni, furti e rapine. Per questo anche la Corte d’Appello di Lecce, nel 2010, gli aveva inflitto 6 anni e 3 mesi.

ilrestodelcarlino 

STATISTICHE CARCERI REGIONE MARCHE
Statistiche carceri Regione Marche







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

6 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

3 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia