Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

Polizia Penitenziaria - Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande


Notizia del 22/08/2017 - PRATO
Letto (3653 volte)
 Stampa questo articolo


Situazione preoccupante all'interno del carcere della Dogaia. A segnarlo sono i sindacati Sappe e Uilpa.“Continuano le condizioni di forte criticità all’interno del reparto di Media Sicurezza della Casa Circondariale di Prato - afferma il Sappe - , dove sono stati  consumati ennesimi eventi fortemente pregiudizievoli per l’ordine e la sicurezza interna dell’Istituto e per l’incolumità del personale di Polizia Penitenziaria. Nei fatti, nella giornata di lunedì 21 agosto, verso le  13 alcuni detenuti di nazionalità magrebina, hanno creato disordini in tre distinte sezioni detentive del reparto. In particolare, nell’ambito della terza sezione, alcuni reclusi hanno bloccato l’accesso alla Sezione creando una barricata con alcune brande in metallo asportate impropriamente dall’interno delle celle, nel contempo nella 5° sezione venivano frantumati i vetri del cancello di ingresso. Poco prima e durante l’evento sono stati messi in atto gesti autolesivi, consistenti nel procurarsi ferite sul corpo mediante l’ausilio di una lametta opportunamente privata dell’involucro in plastica e nell’ingerimento di corpi estranei, per il quale è stato necessario l’invio urgente del recluso presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Prato".

"I disordini, durati fino al tardi pomeriggio, pare siano scaturiti dalla refrattarietà di alcuni detenuti di etnia magrebina nell’accettare le regole di turnazione per l’ammissione al lavoro interno. Il personale di Polizia Penitenziaria, al termine del proprio turno è stato trattenuto ulteriormente in servizio, per porre termine all’evento, nonché per procedere all’esecuzione di una perquisizione straordinaria all’interno della 3° sezione, protrattasi fino alle ore 20, che ha portato al rinvenimento di numerosi oggetti la cui detenzione non è consentita all’interno degli Istituti penitenziari".

"Nell’evento - continua il Sappe - nessun operatore di Polizia Penitenziaria ha riportato danni alla propria incolumità fisica, ma non per questo bisogna sminuire l’accaduto in quanto le azioni poste in essere, per futili motivazioni, risultano veri e propri atteggiamenti di sfida nei confronti di uomini in divisa, che rappresentano l’istituzione Stato e che giornalmente cercano di svolgere la propria attività lavorativa con dignità, seppure con sempre più notevoli difficoltà. Purtroppo, nonostante nel mese di luglio la particolare situazione di criticità della Casa Circondariale di Prato sia stata posta all’attenzione delle autorità mediante un comunicato congiunto ed un sit-in tenutosi innanzi la struttura, da parte del Sappe e delle altre organizzazioni sindacali, con ampia diffusione degli organi di stampa e televisivi, ad oggi non sono stati posti in essere interventi tesi alla riorganizzazione dell’Istituto ed improntati al rispetto delle norme, che disciplinano la vita intramuraria”.

Sostegno alla protesta del Sappe della Toscana lo esprime Donato Capece, segretario generale del primo Sindacato della Polizia Penitenziaria. “Ogni giorno arrivano dagli Istituti di pena della Toscana resoconti inquietanti rispetto ai continui eventi critici che si verificano. Mi appello al Ministro della Giustizia Orlando perché riservi una particolare attenzione per la risoluzione delle criticità toscane. Le carceri sono più sicure assumendo gli Agenti di Polizia Penitenziaria che mancano, finanziando gli interventi per potenziare i livelli di sicurezza delle carceri. Altro che la vigilanza dinamica, che vorrebbe meno ore i detenuti in cella senza però fare alcunchè. Non ci si ostini a vedere le carceri con l’occhio deformato dalle preconcette impostazioni ideologiche, che vogliono rappresentare una situazione di normalità che non c’è affatto”.  

“Da quando sono stati introdotti nelle carceri vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto, sono decuplicati eventi gli eventi critici in carcere”, conclude. “Se è vero che il 95% dei detenuti sta fuori dalle celle tra le 8 e le 10 ore al giorno, è altrettanto vero che non tutti sono impegnati in attività lavorative e che anzi trascorrono il giorno a non far nulla. Basti pensare che solamente nei primi sei del 2017 ci sono stati nelle carceri italiane 22 suicidi di detenuti, 567 tentati suicidi, 4.310 atti di autolesionismo, 3.562 colluttazioni e 541 ferimenti. Questo a testimoniare la tensione che continua a caratterizzare le carceri, al di là di ogni buona intenzione. Le carceri sono più sicure assumendo gli Agenti di Polizia Penitenziaria che mancano, ben 8mila in meno rispetto all’organico previsto, finanziando gli interventi per potenziare i livelli di sicurezza delle carceri. Altro che la vigilanza dinamica, che vorrebbe meno ore i detenuti in cella senza però fare alcunchè. Non ci si ostini a vedere le carceri con l’occhio deformato dalle preconcette impostazioni ideologiche, che vogliono rappresentare una situazione di normalità che non c’è affatto. Gli Agenti di Polizia Penitenziaria devono andare al lavoro con la garanzia di non essere insultati, offesi o – peggio da una parte di popolazione detenuta che non ha alcun ritegno ad alterare in ogni modo la sicurezza e l’ordine interno. Non dimentichiamo che contiamo ogni giorno gravi eventi critici, episodi che vengono incomprensibilmente sottovalutati dall’Amministrazione Penitenziaria”.

iltirreno.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sissy Trovato Mazza torna a casa: l''Agente penitenziaria colpita alla testa da un proiettile nell''ascensore dell''ospedale di Venezia è fuori pericolo

2 Arrestato poliziotto penitenziario in aspettativa. Rubava bancali di legno per rivenderli a 4 euro

3 Il caso dell''Agente Lepore deceduta in ospedale: a processo il medico per firme false e omicidio colposo

4 Poliziotto penitenziario speronato più volte da un''auto mentre era sul suo scooter: preso il pirata della strada

5 Arrestato Agente penitenziario in servizio a Rebibbia: aveva droga e telefonini da smerciare in carcere

6 Espulso dall''Italia il detenuto marocchino Rachid Assarag che accusò i Poliziotti penitenziari di maltrattamenti

7 Agente penitenziario si getta nel fiume Volturno e salva un uomo che voleva suicidarsi

8 Detenuto tenta di strangolare un Poliziotto penitenziario nel carcere di Sollicciano: salvato dagli altri detenuti

9 Detenuto prende a pugni e testate gli Agenti e incita alla rivolta nel carcere di Salerno

10 Orlando incontra i Radicali: decreti attuativi della riforma penitenziaria pronti entro fine mese


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Poliziotto Penitenziario si suicida: in servizio all''NTP di Palermo Pagliarelli si è tolto la vita con la pistola d''ordinanza

2 Appena 48 ore dopo un altro Agente Penitenziario si spara un colpo alla testa: Finanziere chiama i soccorsi, ma il collega muore nel tragitto

3 1990: ultima Festa del Corpo Agenti di Custodia. Il video della spettacolare cerimonia.

4 In memoria di Francesco Rucci, Brigadiere degli Agenti di Custodia ucciso da terroristi di Prima linea il 18 settembre 1981

5 In memoria dell''Appuntato Pasquale De Santis, ucciso da un detenuto durante un tentativo di evasione dal carcere di Porto Azzurro l''11 settembre 1943

6 Filippo Facci su Libero fotografa alla perfezione la situazione attuale della Polizia Penitenziaria

7 Direttore e Comandante si schierano con i Sindacati: Andrea Orlando rinuncia alla visita al carcere di Bologna

8 In memoria di Antimo Graziano, Brigadiere degli Agenti di Custodia ucciso dalla camorra il 14 settembre 1982

9 Perché la Polizia Penitenziaria sarà in piazza a manifestare il 19 settembre 2017. Donato Capece (SAPPE) lo spiega al Ministro della Giustizia Andrea Orlando"

10 Il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per i 200 anni della Polizia Penitenziaria