Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Terrorismo islamico, la Polizia Penitenziaria vigila nelle celle del carcere di Reggio Emilia

Polizia Penitenziaria - Terrorismo islamico, la Polizia Penitenziaria vigila nelle celle del carcere di Reggio Emilia


Notizia del 21/04/2016 - REGGIO EMILIA
Letto (804 volte)
 Stampa questo articolo


Per evitare il proselitismo di chi predica la jihad gli agenti di Polizia Penitenziaria tengono occhi ed orecchie ben aperte nel carcere della Pulce.

Perché a Reggio il rischio di reclutamento nella fila dell’Isis – come ha evidenziato nei giorni scorsi, allarmato, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti parlando di tutte le strutture penitenziarie italiane – esiste eccome, vista anche l’alta percentuale di detenuti musulmani in cella (alla Pulce sono circa 100 su 131 stranieri, ben il 76 per cento). In occasione delle stragi di Parigi e Bruxelles una decina di detenuti nelle carceri italiane ha platealmente esultato, applaudiva, urlava »Allah Akbar», alzava il volume del televisore che in diretta proponeva quelle immagini di morte negli attentati. «A Reggio tutto ciò non è accaduto – dice Michele Malorni, segretario del Sappe – ma come Polizia Penitenziaria osserviamo attentamente quanto avviene dentro le celle, perché il rischio di radicalizzazione può esserci, visto l’alto numero di detenuti di quella fede religiosa presenti nel carcere». «In Italia in cella vi sono 500 ragazzi abituati a stare su Internet – ha spiegato il numero uno della Dna – che possono facilmente entrare in contatto con i siti che predicano la Jihad: sono a rischio altissimo di radicalizzazione. In Italia pensiamo di correre pericoli inferiori ai francesi e ai belgi. Probabilmente è vero: la comunità musulmana nel nostro Paese è diversa, le seconde generazioni qui sono ancora adolescenti. Ma se non interveniamo subito, tra cinque-dieci anni ci troveremo nella stessa situazione di Bruxelles o delle banlieue parigine. Già oggi la minaccia crescente sono i giovani che dall'Italia vogliono andare a combattere in Siria, superiore al numero che conosciamo. Un fenomeno che stiamo cercando di fermare».

Sono 400 i nomi ad alto rischio di radicalizzazione entrati nell'ultimo rapporto del Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap) ed ora al centro di accertamenti in tutta Italia. Si tratta di arabi che stanno scontando pene minori per furto, immigrazione clandestina, spaccio.

Gente, quindi, con esperienza criminale consolidata, che sa come muoversi in certe situazioni, con tanta vita da strada e poca conoscenza di cosa sia effettivamente l'Islam e il Califfato.

gazzettadireggio

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE