Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Terrorismo islamico, la Polizia Penitenziaria vigila nelle celle del carcere di Reggio Emilia

Polizia Penitenziaria - Terrorismo islamico, la Polizia Penitenziaria vigila nelle celle del carcere di Reggio Emilia


Notizia del 21/04/2016 - REGGIO EMILIA
Letto (1263 volte)
 Stampa questo articolo


Per evitare il proselitismo di chi predica la jihad gli agenti di Polizia Penitenziaria tengono occhi ed orecchie ben aperte nel carcere della Pulce.

Perché a Reggio il rischio di reclutamento nella fila dell’Isis – come ha evidenziato nei giorni scorsi, allarmato, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti parlando di tutte le strutture penitenziarie italiane – esiste eccome, vista anche l’alta percentuale di detenuti musulmani in cella (alla Pulce sono circa 100 su 131 stranieri, ben il 76 per cento). In occasione delle stragi di Parigi e Bruxelles una decina di detenuti nelle carceri italiane ha platealmente esultato, applaudiva, urlava »Allah Akbar», alzava il volume del televisore che in diretta proponeva quelle immagini di morte negli attentati. «A Reggio tutto ciò non è accaduto – dice Michele Malorni, segretario del Sappe – ma come Polizia Penitenziaria osserviamo attentamente quanto avviene dentro le celle, perché il rischio di radicalizzazione può esserci, visto l’alto numero di detenuti di quella fede religiosa presenti nel carcere». «In Italia in cella vi sono 500 ragazzi abituati a stare su Internet – ha spiegato il numero uno della Dna – che possono facilmente entrare in contatto con i siti che predicano la Jihad: sono a rischio altissimo di radicalizzazione. In Italia pensiamo di correre pericoli inferiori ai francesi e ai belgi. Probabilmente è vero: la comunità musulmana nel nostro Paese è diversa, le seconde generazioni qui sono ancora adolescenti. Ma se non interveniamo subito, tra cinque-dieci anni ci troveremo nella stessa situazione di Bruxelles o delle banlieue parigine. Già oggi la minaccia crescente sono i giovani che dall'Italia vogliono andare a combattere in Siria, superiore al numero che conosciamo. Un fenomeno che stiamo cercando di fermare».

Sono 400 i nomi ad alto rischio di radicalizzazione entrati nell'ultimo rapporto del Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap) ed ora al centro di accertamenti in tutta Italia. Si tratta di arabi che stanno scontando pene minori per furto, immigrazione clandestina, spaccio.

Gente, quindi, con esperienza criminale consolidata, che sa come muoversi in certe situazioni, con tanta vita da strada e poca conoscenza di cosa sia effettivamente l'Islam e il Califfato.

gazzettadireggio

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Frosinone, 5 agenti di Polizia Penitenziaria aggrediti da un detenuto

5 Poliziotto aggredito e sequestrato nel carcere di Nisida: detenuti gli rubano le chiavi e aprono le altre celle

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Petardi lanciati nel carcere di San Vittore Francesco Di Cataldo nella notte di capodanno: due Poliziotti penitenziari al pronto soccorso

8 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

9 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

10 Uno Bianca, i fratelli Savi nello stesso carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

8 La XVII Legislatura volge al termine. Il futuro è molto incerto

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione