Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Timbri e certificati del carcere: infermiere assicurava assunzioni in Guardia di Finanza

Polizia Penitenziaria - Timbri e certificati del carcere: infermiere assicurava assunzioni in Guardia di Finanza


Notizia del 27/02/2014 - VENEZIA
Letto (2942 volte)
 Stampa questo articolo


Un (ex) infermiere del carcere di Santa Maria Maggiore è stato condannato per truffa pluri aggravata a un anno di reclusione (pena sospesa), per aver raggirato una decina di creduloni dai quali si faceva pagare 7-800 euro, in cambio del “nullaosta medico”, che - prometteva ai suoi incauti clienti - avrebbe loro aperto le porte di un posto di lavoro presso la Guardia di Finanza.

D.C., 40 anni, pensava di aver trovato un metodo facile facile per fare soldi: approfittare della fame di lavoro delle persone - della loro ingenuità, ma anche furberia nel pensare di potersi farsi strada e superare le selezioni, pagando - prospettando il modo per assicurarsi l’ingresso alla Guardia di Finanza, senza concorsi né esami, ma superando i test medico legali di prestanza fisica e sana e robusta costituzione.

L’infermiere dava loro appuntamento in una sorta di “ambulatorio mobile”, li sottoponeva ad una falsa visita e poi consegnava loro un (presunto) certificato medico, inviandoglielo a casa. Naturalmente dopo essersi fatto pagare per il servizio: circa 800 euro a testa, per ognuno dei dieci casi accertati dalla Procura.

A questo punto, però, D.C. aveva “strafatto”: la consegna dello pseudo nullaosta medico - reso più pomposo e “ufficiale” da sigilli con i timbri della casa circondariale di Santa Maria Maggiore, sottratti alla direzione - era, infatti, accompagnata da una lettera intestata alla Guardia di Finanza, con la quale si invitava l’aspirante finanziere a presentare un certo giorno, ad una certa ora, alla caserma delle Fiamme Gialle in via Costa, a Mestre.

È evidente che i finanzieri (quelli veri) in servizio si siano insospettiti all’arrivo di quelle persone convinte di poter vestire la divisa, facendo così partire l’indagine che nel giro di breve tempo ha portato all’individuazione dell’infermiere del carcere maschile di Venezia, che naturalmente ha subito perso il posto di lavoro.

È così scattata l’accusa di truffa pluriaggravata, che si è conclusa ieri in un’aula del Tribunale di Venezia, davanti al giudice monocratico Rocco Valeggia.

D.C. - assistito dall’avvocato Mauro Serpico - se l’è cavata con una condanna a un anno di reclusione, che non solo ovviamente non sconterà in carcere, ma che è stata anche sospesa. Naturalmente, però, è stato licenziato e non potrà fare ritorno al suo lavoro di infermiere all’interno del carcere di Santa Maria Maggiore.

nuovavenezia.gelocal.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane