Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Torna in carcere Michele Aiello: era agli arresti domiciliari per "favismo"

Polizia Penitenziaria - Torna in carcere Michele Aiello: era agli arresti domiciliari per


Notizia del 10/04/2013 - PALERMO
Letto (2565 volte)
 Stampa questo articolo


E' considerato il restanome di Bernardo Provenzano: torna in carcere Michele Aiello, ai domiciliari per "favismo".

E' tornato in carcere Michele Aiello, ex re della sanità privata siciliana, condannato a 15 anni e 6 mesi nel processo per le “talpe” alla Dda di Palermo come prestanome del boss Bernardo Provenzano e manovratore di una rete che carpiva informazioni riservate sulle indagini. Aiello, che ha 58 anni, scontava la pena agli arresti domiciliari nella sua abitazione di Bagheria (Palermo), perché affetto da una forma di favismo ritenuta incompatibile con la reclusione.

ADEGUATA ASSISTENZA - Ora il Tribunale di sorveglianza di Palermo, presieduto da Alberto Bellet, in base anche ad alcune perizie, ha stabilito che nel carcere milanese di Opera esistono le condizioni per garantire ad Aiello adeguata assistenza e ha perciò disposto il suo trasferimento in quel penitenziario. La scarcerazione di Aiello era stata disposta dal Tribunale di sorveglianza dell'Aquila, perché all'epoca era detenuto a Sulmona, dal 22 gennaio del 2011, dopo essere stato condannato definitivamente.

INDAGINE INTERNA - La decisione dei giudici aquilani aveva suscitato polemiche, e il ministro della Giustizia, Paola Severino, aveva disposto un'indagine interna. Accertamenti erano stati avviata separatamente anche da Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria. Con il rientro di Aiello in Sicilia, a Bagheria, la competenza sul suo caso è tornata al Tribunale di sorveglianza di Palermo, che su richiesta del procuratore generale Mirella Agliastro, dopo le necessarie consulenze mediche, ha individuato nel carcere di Opera l'istituto adatto per accogliere Aiello e garantirgli la dieta particolare che deve seguire per il favismo.

corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Boss mafioso scarcerato per favismo: Direttore del carcere non fu negligente

Prestanome di Provenzano scarcerato per favismo: archiviata l'indagine ministeriale

Sonia Alfano (IDV): scarcerazione di Aiello è anomalia preoccupante

Boss mafioso scarcerato perché mangiava troppe fave e piselli in carcere

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”