Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Traduzioni Polizia Penitenziaria accompagnano anche Magistrati in carcere:Tribunali senza benzina

Polizia Penitenziaria - Traduzioni Polizia Penitenziaria accompagnano anche Magistrati in carcere:Tribunali senza benzina


Notizia del 27/01/2015 - UDINE
Letto (2546 volte)
 Stampa questo articolo


Nelle auto di servizio del tribunale di Udine non c’è più un goccio di benzina. Le scorte ministeriali sono finite con tre mesi di anticipo e acquistare altro carburante non è permesso. Risultato: magistrati appiedati e paralisi dell’attività giudiziaria, sia penale che civile, svolta al di fuori del palazzo. Non è uno scherzo, ma la kafkiana situazione con la quale da qualche giorno gli uffici di largo Ospedale vecchio sono costretti a barcamenarsi. La circolare della presidente, Alessandra Bottan, porta la data della settimana scorsa e ieri pomeriggio il neo coordinatore dell’ufficio gip-gup, Daniele Faleschini Barnaba, ha improvvisato una riunione per affrontare l’emergenza.

Le auto di servizio

Le vetture ferme nel parcheggio sono soltanto due e pure datate. «Una Croma e una Punto che dovremo fare durare il più a lungo possibile – afferma la presidente del tribunale –, perchè ci è già stato anticipato che non saranno sostituite». Il loro utilizzo è legato esclusivamente a fini di servizio. I giudici per le indagini preliminari le adoperano per recarsi nella casa circondariale di via Spalato e nel carcere di massima sicurezza di Tolmezzo, per le udienze di convalida e per gli interrogatori. Ci vanno accompagnati dai rispettivi cancellieri e con una frequenza che varia a seconda delle esigenze di ciascun turno: più arresti ci sono, più trasferte si fanno. I giudici della sezione civile, invece, se ne servono soprattutto per le udienze a domicilio dei casi di amministrazione di sostegno nei quali l’istruttoria non possa avvenire in tribunale, per impedimento dei beneficiari. Per garantire la prosecuzione dell’attività, ora, è in corso una febbrile ricerca di soluzioni alternative.

A secco fino ad aprile

«Stiamo cercando di sbloccare l’impasse e di riuscirci nel più breve tempo possibile – dice Bottan –. Il problema riguarda tutta l’Italia ed è destinato ad aggravarsi, per la decisione del ministero di Giustizia di ridurre ulteriormente le scorte, in futuro». La questione è più complessa di quanto sembri: per ovviare alla temporanea indisponibilità delle auto di servizio, in teoria, i magistrati non possono neanche arrangiarsi con le rispettive vetture private. «Non godrebbero della dovuta copertura assicurativa per sè e tanto meno per chi dovesse viaggiare con loro», spiega Bottan. «Non appena ci è stato comunicato l’esaurimento del contingente – continua –, abbiamo chiesto di poter attingere con anticipo alla nuova dotazione, disponibile da aprile, e ci siamo anche rivolti alla Corte d’appello per vedere se nel resto del Distretto vi fosse ancora qualche residuo. Ma entrambi i tentativi sono andati falliti».

Aiuto dall’Azienda sanitaria

L’unica via di scampo praticabile, a questo punto, pare quella dei “passaggi”. «Stiamo valutando la possibilità di cercare supporti nelle Aziende sanitarie o in altri enti del territorio – assicura la presidente –. Quest’anno abbiamo registrato un aumento degli assistiti dell’amministrazione di sostegno e per questo avevamo chiesto già un incremento del carburante: si tratta per lo più di persone anziane, allettate e con disagi anche psicologici. Il nostro – aggiunge – è un bacino assai vasto e buona parte dei beneficiari abita o è ospite di case di riposo della zona di Palmanova. Trattandosi di questioni di valenza anche socio-sanitaria, ritengo che a farsene carico possano essere anche le altre istituzioni».

In carcere con la “scorta”

Nel caso dei gip, a dare uno “strappo” ai magistrati potrebbe essere la stessa Polizia Penitenziaria. Più facile a dirsi che a farsi, visto che il “favore” comporterebbe all’istituzione penitenziaria una continua rivisitazione dei turni di servizio e l’impiego di più personale al giorno. «L’anno scorso eravamo riusciti a tenere duro fino ad aprile – ha concluso Bottan – e finora siamo stati costretti ad accorpare le udienze e far fronte a quasi tutte le scadenze. Ma le doglianze dei cittadini sono già cominciate e questa paralisi va risolta in tempi rapidi».

messaggeroveneto.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA
Statistiche carceri Regione Friuli-Venezia Giulia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?