Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Trasferimento 250 boss mafiosi: il DAP risponde alle richieste di chiarimento da parte del Ministro Orlando

Polizia Penitenziaria - Trasferimento 250 boss mafiosi: il DAP risponde alle richieste di chiarimento da parte del Ministro Orlando


Notizia del 11/04/2014 - ROMA
Letto (3316 volte)
 Stampa questo articolo


"Nel caso di Provenzano, e di altri detenuti in età avanzata, le ragioni della movimentazione hanno riguardato anche la necessità di allocare tali soggetti in Istituti dotati di centri clinici particolarmente attrezzati e siti in territori dello stato dove l'offerta sanitaria è notoriamente migliore". E' quanto scritto dal Dap nella risposta alla richiesta di chiarimenti del ministro della Giustizia Andrea Orlando sul trasferimento del capo di Cosa Nostra Bernardo Provenzano da Parma a Milano.

Bernardo Provenzano è stato trasferito il 6 aprile dall'Ospedale Civile di Parma dov'era ricoverato dal giugno del 2013, presso l'istituto penitenziario di Milano Opera: "il trasferimento - scrive il Dap - è parte di una più generale movimentazione disposta da questa Direzione Generale che ha riguardato circa 250 detenuti, ristretti in regime di 41 bis e reclusi nel medesimo penitenziario da oltre cinque anni".

Bernardo Provenzano "è costantemente monitorato e le sue condizioni di salute sono stazionarie", scrive il direttore generale dei detenuti e del trattamento, in una lettera con cui fornisce delucidazioni al Guardasigilli Andrea Orlando sul trasferimento di Provenzano da Parma a Milano. Il Dap assicura che informerà il gabinetto del ministro "di ogni eventuale mutamento delle condizioni" del boss.

IL RICOVERO - Ieri il boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano è stato ricoverato all'ospedale San Paolo di Milano. Provenzano, 81 anni, affetto da patologie neurologiche, è detenuto in regime di 41 bis. Nei giorni precedenti era stato trasferito dal carcere di Parma, a quello di Opera, nell'Hinterland di Milano.

LA RICHIESTA DI CHIARIMENTO - Su questo trasferimento il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha chiesto delucidazioni al Dipartimento di amministrazione penitenziaria. Il ministro intende approfondire se lo spostamento sia legato ad esigenze di sicurezza o ad una modifica delle condizioni di salute del boss.

Il 27 marzo scorso il Guardasigilli aveva prorogato il regime di 41 bis per Provenzano ritenendo che sussistessero ancora dei rischi di "diramazioni di direttive criminose all'esterno del circuito penitenziario" e risultando ancora "conclamata oggettivamente la pericolosita'" del boss mafioso.

La scorsa settimana, poi, la Cassazione aveva respinto il ricorso dei legali del capomafia, Rosalba Di Gregorio e Francesco Masarà, che avevano chiesto la sospensione della pena per il boss sostenendo che le sue condizioni di salute non erano compatibili con il carcere.

ilgiorno.it

Il DAP trasferisce tutti i principali boss mafiosi al 41-bis in carceri diverse

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico