Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Tre Poliziotti condannati per lesioni e abusi su detenuti nel carcere di Sollicciano

Polizia Penitenziaria - Tre Poliziotti condannati per lesioni e abusi su detenuti nel carcere di Sollicciano


Notizia del 22/06/2013 - FIRENZE
Letto (2774 volte)
 Stampa questo articolo


Si è chiuso così il processo a carico di quattro poliziotti penitenziari del carcere di Sollicciano accusati di lesioni e abuso di autorità nei confronti di alcuni detenuti. I fatti risalgono al 2005, un arco di tempo lungo quattro mesi: da settembre a dicembre.

I tre agenti di Polizia Penitenziaria sono stati condannati dal tribunale a pene che vanno da otto mesi a un anno e sei mesi di reclusione e al risarcimento dei danni in favore delle parti civili. Tre gli episodi contestati a vario titolo agli agenti, accusati di aver applicato "misure di rigore non consentite dalla legge", sferrando schiaffi contro i detenuti o colpendoli con oggetti contundenti.

L'episodio più grave risale al 26 ottobre 2005, quando, secondo l'accusa, uno di loro colpì ripetutamente un detenuto con il manico di una scopa "sino a spezzarglielo addosso in più parti". I condannati sono l'allora ispettore responsabile dell'unità operativa del reparto di polizia giudiziaria, ora in pensione; un assistente capo ancora in servizio a Sollicciano; e un agente di Polizia Penitenziaria ora in servizio in Campania. Le indagini partirono dalle segnalazioni delle associazioni L'Altro diritto e Antigone, costituitesi parti civili. Cinque gli agenti inizialmente imputati nel processo, uno dei quali poi deceduto.

''La condanna è stata possibile - ha dichiarato l'avvocato Michele Passione, componente del direttivo dell'Osservatorio Carcere dell'Unione delle Camere Penali Italiane, che ha rappresentato nel giudizio le associazione Antigone e Altro Diritto, costituitesi parti civili - grazie alla denuncia coraggiosa delle vittime, alcune delle quali ancora detenute, e dunque ancora esposte a possibili ritorsioni. Sono paradossalmente loro che fanno le veci dello stato nel pretendere il rispetto delle leggi in carcere''.

Secondo Passione, inoltre, ''in assenza del reato di tortura, si e' sempre detto che l'art. 608 del codice penale (Abuso di autorità contro arrestati o detenuti) fosse inidoneo a punire condotte simili. La sentenza di oggi dimostra il contrario. I maltrattamenti verso i detenuti possono e devono essere accertati e sanzionati anche con le norme vigenti, fermo restando che in assenza del reato di tortura le pene sono esigue ed i tempi di prescrizione restano brevissimi''. ''In questo caso si e' riusciti ad arrivare alla sentenza di primo grado, ma la prescrizione certamente interverrà prima dell'appello'', aggiunge.

“Una sentenza che – spiega l’avvocato di parte civile Mariagrazia Stigliano - secondo me non mirava al risarcimento. E’ stata una questione di principio, per mettere nero su bianco il caso del carcere di Sollicciano e di queste persone che erano state ripetutamente segnalate”. 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

10 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna