Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Trento: preannunciata protesta anarchica di fronte al carcere per i diritti dei detenuti

Notizia del 26/08/2011 - TRENTO

Trento: preannunciata protesta anarchica di fronte al carcere per i diritti dei detenuti

letto 2598 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Un presidio di area anarchica è annunciato per il 3 settembre alle 15 al carcere di Trento, a Spini, il primo dall'apertura del nuovo istituto, a dicembre. Volantini in proposito sono stati distribuiti ieri davanti alla struttura ai parenti dei detenuti, in quello che è uno dei due
giorni di accesso per i colloqui, insieme al sabato.

"Libertà: la privazione della libertà non 'educa' nessuno" è l'esordio, in cui si paventa un eventuale ritorno al sovraffollamento e una carenza di servizi rispetto alle prospettive iniziali presentate. Si chiude con un invito a detenuti e familiari a fare conoscere le proprie situazioni, con la promessa di farsene carico e sostenere eventuali proteste.

I volantini sono firmati dalla "Assemblea dei parenti, amici e solidali di Stefano Frapporti", operaio edile di Rovereto, cinquantenne, deceduto in carcere poche ore dopo l'arresto nel luglio del 2009. Un suicidio che i familiari contestarono, mettendolo in dubbio, su cui venne aperta e poi archiviata un'indagine. Nel volantino viene riaffermata la volontà di lottare per lui.

La risposta dei vertici del carcere non si è fatta attendere. "Per com'erano i vecchi carceri di Trento e Rovereto avevano ragione, fermo restando che disapprovo le modalità e l'assenza di proposte alternative". Cosi' il direttore della casa circondariale di Trento, a Spini, Antonella Forgione, commenta l'annunciata protesta di area anarchica in programma il 3 settembre al nuovo istituto di pena.

"Disapprovo - prosegue - come hanno cavalcato il caso di Stefano Frapporti. Quanto alla loro nota posizione di un assoluto 'no al carcere' e 'tutti fuori', chiedo cosa propongano in alternativa, quale risposta a chi dei reati è stato vittima. Le istituzioni sono tutte contestabili in un sistema democratico, ma non mi sembra di averli mai visti proporsi per accogliere forme di detenzione alternativa. Così diventano solo strumentali".

Di protesta intanto una c'è stata dall'interno nei giorni scorsi, quando le televisioni sono state spente all'1 di notte, anziché alle 2. ''Il prolungamento dell'orario - ha chiarito Forgione - era stato chiesto da chi, durante il Ramadan, dorme di giorno per sopportare meglio il digiuno e sta più sveglio la notte. Il ritorno dalle ferie di un operatore ha causato il disguido. Non sapeva del prolungamento e ha spento all'1. Un addetto alla vigilanza però l'ha informato non appena si è accorto che i detenuti battevano sulle sbarre e ne ha chiesta la ragione, così il malinteso è finito e le tv sono state riaccese".

Neppure è l'unica delle rimostranze dei detenuti, che protestano ad esempio quando intendono aggiudicarsi all'interno i lavori migliori, i più remunerati e di fiducia, come quello della cucina, tra i più contesi. Un'altra richiesta di questi giorni è nell'usare la palestra, che partirà a fine settembre.

"Certo è che le proteste - ha aggiunto Forgione - me le trovo pure dai sindacati, perché l'aumento delle attività cambia il lavoro degli operatori. E' diverso vedere gente chiusa tutto il giorno in una cella o doverla fare entrare e uscire, accompagnarla, perquisirla, per le attività, ma è fondamentale ed è in questo che c'impegnamo, anche nei periodi di ferie, in cui l'organico è ridotto, come ora. per ragioni esterne è sospesa qualche attività formativa, però una serie di

laboratori proseguono, come quelli di ceramica, di assemblaggio e di digitalizzazione dell'Archivio storico delle acque, finanziato dalla Provincia".

Partite non risolte d'altra parte ce ne sono, spiega Forgione col comandante della polizia penitenziaria, Domenico Gorla. "Una è quella dei rifiuti, che alcuni gettano dalle finestre, giù nei prati delle aree comuni, che non hanno accessi e che dobbiamo provvedere a pulire. E non si riescono a individuare i responsabili. Eppure stiamo pensando anche alla differenziata e ci stiamo muovendo per avere anche un compattatore, così come per ottenere un ritorno economico da carta e cartone".

STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)