Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Troppi ordini di pizza: così è stato trovato il terrorista più ricercato in Europa

Polizia Penitenziaria - Troppi ordini di pizza: così è stato trovato il terrorista più ricercato in Europa


Notizia del 19/03/2016 - ESTERO
Letto (1286 volte)
 Stampa questo articolo


A volte ci vuole anche fortuna. E stavolta è arrivata: la pigione non versata che ha messo in allerta gli investigatori, la «traccia» su un bicchiere. E soprattutto quell'insolita richiesta per cena: troppe porzioni per sole tre persone. Ed è scattato il blitz.

A volte ci vuole anche fortuna. Nel caso degli apparati di sicurezza belgi, che in questi mesi non hanno brillato per lungimiranza, ne serve tanta. L'hanno avuta, e almeno ne hanno fatto buon uso. Samir Bouzid, il nom de plume utilizzato da Mohammed Belkaid, complice degli attentati del 13 novembre, sospettato di essere il coordinatore dei tre commando suicida che quella notte colpirono al Bataclan, allo Stade de France e nei ristoranti dell'undicesimo arrondissement, forse era un terrorista, ma di sicuro non pagava l'affitto. La casa al numero 60 di rue de Dries in quel di Forest, oggetto della perquisizione da cui è cominciato questo ultimo atto di una caccia all'uomo durata quattro mesi con esiti spesso frustranti, era «scoperta» da cinque mesi. Questo dettaglio è all'origine del modo avventato con il quale è stata condotta la perquisizione, durante la quale probabilmente Salah Abdeslam è scappato con un complice, circostanza al momento ancora smentita dagli inquirenti, mentre Belkaid è stato ucciso. Dopo aver ricevuto la segnalazione, gli inquirenti pensavano che fosse disabitata. Ma quel ritardo nei pagamenti è stato l'inizio.

La «reliquia» preziosa

All'interno dell'appartamento è stata poi trovata una reliquia preziosa. Su un bicchiere appoggiato a un tavolo e usato di recente, sono state rilevate le impronte digitali di Salah Abdeslam, il grande latitante. Forse non la prova definitiva della sua presenza, ma di sicuro la certezza del fatto che non poteva essere lontano. Il terzo e ultimo colpo di fortuna, quella definitivo, consiste in un inusuale ordine di pizza effettuato al telefono. La casa al numero 60 di rue du Quatre vents a Molenbeek, il comune nella regione di Bruxelles dal quale provengono Salah Abdelsam e altri membri del commando stragista, era sotto controllo da molti mesi. La ragione è semplice. Ci abitava Amin Choukri, una delle persone poi arrestate, amico di lunga data di Abdeslam. Lo scorso 3 ottobre, durante un controllo alla frontiera tra Germania e Ungheria, i due viaggiavano insieme.

Troppa pizza

Gli agenti presero le impronte digitali di Choukri, anche questo potrebbe essere un nome falso, che corrispondono a quelle rilevate nella casa di Auvelais utilizzata dai kamikaze parigini durante la settimana precedente la loro partenza per la capitale francese. C'erano buone ragioni per «mettere sotto» i telefoni di quella abitazione. Era un possibile covo. Quando gli investigatori in ascolto hanno sentito la richiesta di un numero abbondante di pizze, incongruo con quello del nucleo familiare di tre persone che abitava in quella casa popolare assegnata dal comune di Molenbeek, il significato era chiaro. C'erano altre persone, gli ospiti avevano fame. In quel momento è cominciata l'operazione che ha finalmente portato alla cattura di Salah Abdeslam. E' divertente nel suo candore quanto racconta a Politico una fonte dell'Interpol che preferisce restare anonima. «Sapevamo tutti che Salah era in Belgio, ma questo significava che sfortunatamente solo la Polizia belga poteva catturarlo». Ci è voluta una discreta serie di circostanze fortunate, compreso un inusuale ordinativo di pizza. Ma alla fine ce l'hanno fatta. Il legale ha subito annunciato che, almeno «in questa fase», Abdeslam «coopererà» con la polizia ma «rifiuterà l’estradizione» richiesta dalla Francia (il completamento della cui procedura richiederà comunque qualche settimana), anche se il premier belga Charles Michel ha assicurato di non avere alcuna «obiezione politica» a concederla. Ci sarà modo di discutere e di raccontare una incredibile latitanza da fermo durata quattro lunghi mesi. Ma a caval donato, non si guarda in bocca.

corriere.it

Arrestato Abdelslam Salah, il terrorista più ricercato in Europa dopo gli attentati di Parigi

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)