Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Trovati 8 telefonini e schede sim negli armadietti dei poliziotti corrotti di Padova

Polizia Penitenziaria - Trovati 8 telefonini e schede sim negli armadietti dei poliziotti corrotti di Padova


Notizia del 13/07/2014 - PADOVA
Letto (4977 volte)
 Stampa questo articolo


Verrà sentito come persona informata sui fatti il direttore del carcere Salvatore Pirruccio. Gli inquirenti, che lo hanno convocato per il prossimo 22 luglio, intendono ottenere da lui informazioni utili a completare l’inchiesta «Apache» sulla corruzione al Due Palazzi. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Marco Calì e coordinate dal pm Sergio Dini, hanno portato martedì all’arresto di 15 persone tra cui sei secondini accusati di fornire ogni tipo di merce - droga, telefonini, film porno - ai detenuti e in particolare ai boss mafiosi in regime carcerario duro, in cambio di soldi e di sostanze stupefacenti.

La verità del direttore. Le ricostruzioni di Pirruccio sono importanti per gli inquirenti per definire i contorni della corruzione che, stando a quanto emerge dal quadro accusatorio, imperversava all’interno del Due Palazzi. In particolare la Procura intende capire se c’erano persone che sapevano degli scambi illeciti tra poliziotti e detenuti e che hanno taciuto. Insomma si tratta di accertare eventuali, ulteriori, responsabilità.

Lo spacciatore dei poliziotti penitenziari ammette. Intanto, ieri mattina, è stato interrogato dal gip Mariella Fino, e difeso dall’avvocato Leonardo Arnau, Karim Ayari detto Kimu, 27 anni, residente in via Dini a Padova, ritenuto il pusher dei secondini. Le sue parole hanno sostanzialmente confermato l’impianto della Procura. Il giovane ha infatti ammesso le cessioni di cocaina contestate: tra i suoi acquirenti c’è l’assistente di Polizia Penitenziaria R. D. P. detto Kelos. Che, stando a quanto emerge dalle intercettazioni, si rivolgeva a lui in modo estremamente amichevole e non lesinava di mandare «bacioni» in chiusura di telefonata. Interrogata ieri a Rovigo anche Michela Marangon, l’avvocato di 51 anni di Porto Viro finito ai domiciliari. Secondo l’accusa, la donna avrebbe a sua volta fatto consegnare merce all’interno del carcere per i detenuti. In due occasioni, poi, avrebbe dato 500 euro a P. R., poliziotto con un ruolo di primo piano nella vicenda. «È tutto un grosso equivoco», ha detto ieri la donna al giudice negando ogni addebito.

Schede sim negli armadi. Le deposizioni di ieri di Karim Ayari rendono più difficile la posizione degli assistenti di Polizia Penitenziaria. Ma non ci sono soltanto le dichiarazioni degli indagati, le intercettazioni telefoniche e le immagini registrate da telecamere nascoste all’interno del Due Palazzi, a rendere complessa la situazione delle guardie indagate. Gli investigatori, nel corso delle perquisizioni, hanno rinvenuto all’interno degli armadietti di alcuni agenti ben dodici schede telefoniche (peraltro prive della confezione che le ricopriva) e otto telefonini. Come spiegare tutto quel materiale? È, appunto, quello che dovranno fare  i poliziotti i cui interrogatori di garanzia inizieranno lunedì prossimo.

mattinopadova.gelocal.it

Padova: Poliziotto penitenziario filmava film hard e li distribuiva in carcere 

 

Agenti spacciatori a Padova, il Direttore: fuori le mele marce

 

Un capoposto del quinto piano il Poliziotto corrotto che gestiva il traffico di droga a Padova

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

6 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

7 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

8 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

9 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

10 Detenuto evade da permesso premio: in carcere per sequestro di persona, spaccio, furto e rapina, porto abusivo di armi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto