Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Tubercolosi in carcere: 35 detenuti posti sotto sorveglianza sanitaria per probabile contagio nel carcere di Messina

Polizia Penitenziaria - Tubercolosi in carcere: 35 detenuti posti sotto sorveglianza sanitaria per probabile contagio nel carcere di Messina


Notizia del 03/04/2013 - MESSINA
Letto (1775 volte)
 Stampa questo articolo


Tubercolosi in carcere: nuovo caso nel carcere di Messina, si sospettano 35 detenuti contagiati.

35 detenuti posti precauzionalmente in isolamento sanitario dopo la scoperta ed il ricovero in ospedale di un detenuto italiano affetto da Tbc: è quando accade nel carcere di Messina, dove la vicenda ha suscitato l’ovvia preoccupazione di poliziotti, detenuti e familiari di questi ultimi, alcuni dei quali non hanno potuto oggi fruire del colloquio in Istituto.

“Purtroppo quanto accaduto nel carcere di Messina è un evento critico che sempre più frequentemente si verifica nelle carceri del Paese: questa malattia, riemersa dal passato, riveste in carcere una particolare gravità soprattutto in un contesto di sovraffollamento e promiscuità, dove non possono essere salvaguardate neanche le più elementari norme di medicina preventiva. Ma non può costituire un alibi per l’Amministrazione penitenziaria centrale l’assenza di un “programma di prevenzione” che preveda momenti formativi ed informativi sui rischi di contagio, affinché si evitino ingiustificati allarmismi, con la sottoposizione periodica degli operatori penitenziari a vaccinazioni, la dotazione degli istituti di kit di protezione ai rischi biologici da utilizzare nei casi di possibile trasmissione, quali immobilizzazioni, colluttazioni, perquisizioni personali ed ambientali, interventi occasionali da gesti anti conservativi, l’impiego della forza per resistere ad una violenza o per respingere un’aggressione e situazioni similari, l’indicazione di una scrupolosa profilassi da eseguire, soprattutto per i nuovi giunti, anche in relazione al periodo di incubazione dei vari agenti patogeni/biologici.

Siamo vicini ai colleghi di Messina per quanto accaduto, ed auspichiamo urgenti interventi da parte dell’Amministrazione Penitenziaria”.

E’ il commento di Donato CAPECE, Segretario Generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE (il primo e più rappresentativo della Categoria), alla presenza di un detenuto affetto da Tbc nel carcere di Messina.

“Auspico che il Ministro della Giustizia intenda assumere urgenti iniziative. Sono evidenti anche le responsabilità del Capo DAP Tamburino, che pontifica di vigilanza dinamica e patti di responsabilità con i detenuti, e del Vice Capo Pagano, che parla di rivoluzione nel trattamento penitenziario, a dimostrazione di come siano entrambi distanti molti anni ormai dalla quotidianità della vita in carcere. Peraltro, la necessità di uno screening su scala nazionale” conclude Capece, che auspica contestualmente un intervento ragionato e proiettato nel tempo da parte dell’Amministrazione penitenziaria “risulta quanto più utile ed opportuno in considerazione dell’alto tasso di detenuti stranieri provenienti da Paesi ove patologie, che in Italia sono da. tempo state debellate, sono assai radicate e diffuse, come dimostra il caso di Messina, anche in considerazione che il sovraffollamento favorisce, e non poco, la possibilità di contagio.”

Sappeinforma

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto