Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Tutti a piedi!! La manovra lascia a terra tutto il comparto sicurezza

Notizia del 18/07/2011 - MODENA

Tutti a piedi!! La manovra lascia a terra tutto il comparto sicurezza

letto 2137 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

La manovra finanziaria vede tutti i sindacati che si occupano di sicurezza - ventuno le sigle, fra polizia, polizia penitenziaria, corpo forestale e dei vigili del fuoco - protestare uniti contro i tagli. È la prima volta che lo schieramento è compatto nel denunciare i rischi dei provvedimento del governo «anche a nome delle rappresentanze militari che non possono manifestare direttamente il proprio dissenso».

Si rischia - affermano gli agenti nel documento - «una vera e propria paralisi a seguito degli ulteriori tagli che la manovra prevede. Pur comprendendo il particolare e difficile momento che il Paese sta attraversando, è incomprensibile come il governo abbia deciso, scientemente, di non ritenere prioritario il funzionamento delle forze di polizia, delle forze armate e del soccorso pubblico, come invece ha fatto per altri settori del pubblico impiego, e ha abbattuto le risorse dei capitoli di funzionamento di questi settori nevralgici per la vita democratica del nostro Paese con un ennesimo colpo di scure».

La situazione è drammatica tanto, aggiungono i sindacati, tanto «da affermare, volendo parafrasare il mondo dell'economia, che se questi settori fossero una spa sarebbero definiti in amministrazione controllata per la loro liquidazione. Pensare di ridurre ulteriormente le risorse è miope e da scellerati. Il disastro che vede le Volanti, le Gazzelle ed i mezzi di soccorso per il controllo del territorio ridursi sempre di più perché non ci sono i fondi per aggiustare le macchine rotte e per pagare la benzina, fa trasparire uno scenario apocalittico in cui, a breve quando i cittadini chiameranno il 113 (polizia), il 112 (carabinieri), il 117 (guardia di finanza) o il 115 (vigili del fuoco) avranno come risposta che si è impossibilitati ad intervenire».

Il rischio è di andare alla privatizzazione del settore e per questo «protestiamo col governo che mentre taglia i diritti, persevera negli sprechi». Il lungo elenco delle sigle, alcune politicamente orientate in modo opposto, è concorde nel lanciare un appello «ai cittadini per salvaguardare il loro diritto alla sicurezza chiedendo al governo un confronto nel quale discutere quali sprechi e duplicazioni tagliare, per recuperare risorse indispensabili ad eliminare il blocco delle promozioni e del tetto salariale anche per il 2012, che fa cadere il principio della catena di comando e delle responsabilità; di escludere il personale di questo comparto dalla decurtazione della retribuzione in caso di malattia, poiché questo frenerà l'autonomia di intervento degli operatori per paura della perdita della retribuzione, così come previsto nell'emendamento presentato dalla stessa maggioranza al Senato. Ecco perché oggi, in tutt'Italia, i sindacati dicono no al governo nel tagliare la sicurezza, la difesa e il soccorso pubblico ai cittadini, perché è un loro diritto inalienabile; sì al taglio degli sprechi e delle duplicazioni, attraverso la razionalizzazione del modello e la valorizzazione del percorso professionale del personale che porterà efficienza ed efficacia all'azione del Comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico».

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

6 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

7 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

8 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

9 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto