Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Tutti assolti i manifestanti no-tav: "lanciarono petardi in carcere ma non volevano fare danni"

Polizia Penitenziaria - Tutti assolti i manifestanti no-tav:


Notizia del 26/06/2015 - CUNEO
Letto (1333 volte)
 Stampa questo articolo


Dei nove simpatizzanti No Tav che parteciparono alla manifestazione del 14 luglio 2012 a Cuneo l’unico condannato a due mesi d’arresto è stato il cuneese G.M. promotore del corteo non autorizzato diretto verso il centro città. Ieri il tribunale di Cuneo ha assolto tutti gli altri: R.D.D., F.N., G.A., C.F.,M.P., A.S., piemontesi e lombardi imputati per danneggiamento aggravato, e G.S. e F.D.B. accusati di essere anch’essi i promotori del corteo. Prove insufficienti.

Il procuratore capo Francesca Nanni aveva chiesto invece la condanna per quasi tutti a 5 mesi di carcere, e due mesi di arresto per G.M., chiedendo l’assoluzione per G.S. e F.B.

Le indagini avevano individuato gli imputati fra i presenti che si erano dati appuntamento nella stessa data del 14 luglio presso la casa circondariale di Cuneo per un “presidio di solidarietà” contro il trattamento di un loro compagno, inquisito dopo le  manifestazioni NoTav in Valsusa. Le immagini delle videocamere di sorveglianza intorno alla zona del carcere li avrebbero ripresi mentre lanciavano pietre contro le finestre del Cerialdo e danneggiavano alcune auto della Polizia Penitenziaria.

Invece per le difese il lancio di petardi aveva come unica finalità quella di farsi sentire dai detenuti all'interno del carcere e non certo quella di danneggiare.

targatocn.it

Manfestazione no-TAV davanti al carcere di Cuneo: imbrattato il carcere auto dei poliziotti danneggiate

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

4 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

8 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

9 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

10 Poliziotto penitenziario trasportato d''urgenza in ospedale dopo aggressione da parte di un detenuto del carcere di Ariano Irpino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 Terrorismo islamico: Polizia Penitenziaria armata anche fuori dal servizio. Emanata circolare DAP

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

7 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

8 Noi, vittime della Torreggiani

9 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

10 Le proteste pretestuose