Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Uccise il figlio e poi devastò la cella: assolta per i danneggiamenti al carcere

Polizia Penitenziaria - Uccise il figlio e poi devastò la cella: assolta per i danneggiamenti al carcere


Notizia del 08/07/2013 - MACERATA
Letto (1717 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo l'arresto per aver ucciso il figlio, una donna è stata prosciolta dai danneggiamenti alla cella del carcere: incapace di intendere e di volere.

Katia Reginella non era in grado di intendere e di volere quando nel luglio del 2011, poco dopo l'arresto, diede in esandescenze nel carcere di Teramo devastando mobili e suppellettili.

La giovane mamma abruzzese sotto processo, insieme al marito Denny Pruscino, davanti alla Corte d'assise di Macerata per l'uccisione del figlioletto Jason, era stata chiamata a rispondere del reato di danneggiamento, ma non può ritenersi imputabile.
Lo ha stabilito il gup di Teramo Giovanni De Renzis, che si era avvalso della consulenza del perito Gianferruccio Canfora.

Il gup ha pertanto dichiarato il non luogo a procedere perché il reato è stato commesso «da persona non imputabile al momento dei fatti perché in stato di mente tale da escludere la capacità di intendere e di volere».

Il giudice ha anche escluso la pericolosità sociale di Reginella, la quale, secondo quanto sostiene anche il suo difensore, l'avvocato Vincenzo Di Nanna, ha sostanzialmente bisogno soltanto di essere curata.

L'avvocato Di Nanna, alla ripresa delle udienze dinanzi alla Corte d'assise di Macerata, ovviamente chiederà di allegare la sentenza del gup teramano agli atti processuali per avvalorare la tesi che la donna non era in grado di intendere e di volere all'epoca dei fatti, cosa che peraltro dovrà accertare anche il perito che sarà nominato dalla Corte d'assise di Macerata il prossimo 15 luglio

primadanoi.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE MARCHE
Statistiche carceri Regione Marche







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

4 Due Agenti della Polizia Penitenziaria delle scorte soccorrono una bambina in preda ad una crisi epilettica

5 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

6 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

7 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

8 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

9 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

10 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946