Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Uccise pensionato in casa sua: sconto di pena per aver subito il sovraffollamento in carcere

Polizia Penitenziaria - Uccise pensionato in casa sua: sconto di pena per aver subito il sovraffollamento in carcere


Notizia del 16/07/2017 - PISA
Letto (1526 volte)
 Stampa questo articolo


Una cella sovraffollata vale uno sconto di pena. Un giorno ogni dieci trascorsi in quelle che la legge definisce condizioni «inumane e degradanti». Per il detenuto Samuele Roviezzo, prima nel carcere di Pistoia e poi in quello di Pisa, aver vissuto in meno di tre metri quadrati significa incassare 117 giorni di riduzione su una pena a 15 anni e 4 mesi inflitta per concorso in omicidio. Una sentenza passata in giudicato a fine 2011.

Una storia di marginalità con balordi di paese che pensavano di fare un colpo a casa di un anziano solo perché sospettavano che avesse dei risparmi nascosti. Finì con la morte del pensionato di 84 anni colpito a sprangate. Era il febbraio 2008. Roviezzo, 44 anni, di Monsummano, condannato insieme al fratello e a un complice, fu arrestato quasi subito. Il suo conto con la giustizia è ancora aperto. Durante la detenzione, però, ha lamentato spazi ridotti e un sovraffollamento che, in certi periodi con i fisiologici picchi di ingressi, è stato tra le lacune più marcate del carcere Don Bosco.

Roviezzo aveva ottenuto soddisfazione dal magistrato di Sorveglianza nel 2016. La sua istanza era stata accolta sulla base di quanto previsto dalla normativa che risarcisce i detenuti con sconti di pena se ancora in carcere o con 8 euro se la pena è stata espiata. L’amministrazione penitenziaria aveva contestato la ricostruzione di Roviezzo presentando reclamo al Tribunale di Sorveglianza che aveva dato ancora ragione al detenuto. A quel punto è stata la Procura generale di Firenze a ricorrere in Cassazione contro lo sconto, ma la suprema corte ha detto no: il 44enne ha diritto a quei giorni di liberazione anticipata riparatoria per «la detenzione sofferta nella casa circondariale di Pistoia dal 23 marzo 2008 al 17 aprile 2008 e in quella di Pisa dal 25 marzo 2009 all’11 febbraio 2012».

L’equazione carcere affollato, sconto di pena è ormai un dato acquisito. All’origine ci sono i parametri della Convenzione europea per i diritti dell’uomo. Tutto nasce dalla sentenza Torreggiani, in cui la Corte Europea per i diritti dell’uomo ha condannato l’Italia e dato ragione a 7 detenuti di Busto

Arsizio e Piacenza, costretti a vivere in meno di 3 metri quadri a testa. Un verdetto che è pietra angolare dei numerosi ricorsi arrivati ai Tribunali di Sorveglianza e confermati in Cassazione. Roviezzo è ancora detenuto. Sul conto finale deve scalare quei 4 mesi come indennizzo dello Stato.

iltirreno.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico