Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Uccise un Carabiniere durante traduzione e dopo 25 anni di carcere torna alle rapine con fucili a pompa e kalashnikov

Polizia Penitenziaria - Uccise un Carabiniere durante traduzione e dopo 25 anni di carcere torna alle rapine con fucili a pompa e kalashnikov


Notizia del 07/11/2014 - MILANO
Letto (2772 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo 25 anni di galera, più di due abbonati per «buona condotta», Giovanni Misso era tornato in libertà, nonostante avesse ammazzato un carabiniere.

Ma appena fuori, la condotta tornò immediatamente «cattiva» infilando una serie di rapine, ultima delle quali a Pescara per la quale era attivamente ricercato. La sua corsa è finita l'altro giorno a Caronno Pertusella, dove i carabinieri l'hanno bloccato, armato fino ai denti, mentre progettava nuovi assalti.

Misso, 60 anni, è un delinquente genovese, balzato agli onori della cronaca quando nel 1979 assaltò la scorta che seguiva la traduzione di un detenuto. Nella sparatoria che seguì il tentativo di evasione, venne ucciso un militare. Il pregiudicato venne arrestato e condannato all'ergastolo e rimase in carcere fino al 1990 quando ottenne i primi permessi premi. Fino a quando nel 1993 visto «l'ottimo comportamento «del soggetto che da anni ha aderito attivamente al trattamento penitenziario» i magistrati «scontati» due anni hanno ritenuto fosse il momento di rimetterlo in libertà.

E una volta fuori ha ripreso a commettere rapine, l'ultima a un portavalori a Pescara, sfuggendo per miracolo alla cattura. Le indagini dei carabinieri hanno permesso di individuarlo a Caronno, in compagnia di un pregiudicato, Davide Gallullo, 20 anni, e due incensurati: Damiano Chiaro, 24 anni, e Luciano Zaccagnino, 44 anni, proprietario del capannone dove l'uomo aveva trovato rifugio. L'altro giorno la trappola: 20 carabinieri armati fino ai denti, caschi e giubbetti antiproiettile e mezzi blindati, hanno bloccato i primi tre con un fucile a pompa, un kalashnikov, quattro pistole, taniche di benzina e inneschi. Il necessario per compiere nuovi assalti.

ilgiornale.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Commissione Antimafia: 41bis è insostituibile e convenzione tra DAP e Servizi segreti va riscritta, troppe ombre


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia