Novembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2017  
  Archivio riviste    
Un detenuto di Verona parlava al telefono con il fratello in Francia anche lui in carcere

Polizia Penitenziaria - Un detenuto di Verona parlava al telefono con il fratello in Francia anche lui in carcere


Notizia del 05/05/2016 - VERONA
Letto (2417 volte)
 Stampa questo articolo


Una festa di compleanno, due tavolini uniti e imbanditi con piatti e stoviglie di plastica, coca cola e fettine di torta. Un selfie collettivo, tra cui spunta anche Emanuel Demaj, boss albanese, ritenuto capo di una banda di rapinatori, a cui era già stato trovato un cellulare nel carcere di San Pio X a Vicenza.

Un’immagine che parla da sé e racconta frammenti di vita di quel mondo, dietro le sbarre, un tempo considerato a sè stante, lontano e irraggiungibile. Quella distanza, però, sembra ora sfumata via, perché nell’era della tecnologia digitale è sufficiente un telefono cellulare per mettere in connessione anche luoghi che non dovrebbero esserlo. In carcere, infatti, i cellulari sono vietati, come è vietato il collegamento Internet. Eppure Emanuel Demaj, è emerso dall’inchiesta della procura vicentina, chiacchierava tranquillamente con il fratello Erion, anche lui in cella a Lione. E questi non sono casi isolati.

Ed è poi possibile che in carcere, dove nell’immaginario collettivo, si sta in punizione in una cella, ci sia la possibilità di «socializzare» con feste di compleanno e banchetti?

«Da quando è stato introdotto il regime aperto, i detenuti possono stare almeno otto ore al giorno insieme nei corridoi, e controllarli è molto più difficile», racconta il segretario provinciale del Sappe Gerardo Notarfrancesco. «A pranzo e a cena vengono rinchiusi nelle celle, ma nel resto del tempo può capitare che si riuniscano e apparecchino due tavolini: purtroppo non ci può più essere la sorveglianza di una volta».

E se la «festa di compleanno» desta scalpore, ancora più grave è la presenza di telefonini nel penitenziario di Montorio: in media, secondo i sindacati, se ne ritrovano due al mese. I detenuti che vengono pizzicati con un cellulare rischiano come punizione l’isolamento fino a un massimo di 15 giorni, oltre ovviamente al sequestro del telefono. «In passato avevamo chiesto di schermare l’intera casa circondariale per farli smettere di funzionare, ma ci era stato risposto che non era possibile, perché ciò avrebbe limitato l’utilizzo dei dispositivi e l’accesso a Internet anche al personale che opera all’interno della struttura», prosegue Notafrancesco. «Purtroppo i canali per far entrare i cellulari sono molti e, nonostante i controlli, è difficile evitare che ciò accada».

Lo scorso anno era stata ritrovata una busta, lanciata nel cortile dall’esterno del carcere, con all’interno tre-quattro telefonini. Ma di una cosa, gli agenti di Polizia Penitenziaria sono certi. I pacchi con cibo e vestiti inviati o consegnati dai familiari ai detenuti vengono accuratamente controllati e passati anche al metal detector: difficile che qualcosa sfugga. Più probabile, nonostante le verifiche, che i telefonini entrino attraverso le numerose persone che ogni giorno varcano i cancelli di Montorio: parenti dei detenuti, avvocati, infermieri, insegnanti, persino gli stessi agenti di Polizia Penitenziaria.

larena.it

Detenuti del carcere di Verona Montorio festeggiano in cella, ma allora come ha fatto una foto a finire su Facebook?

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Incidente stradale a Sassari, muore Agente di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Bancali

2 Detenuto infilza due Poliziotti penitenziari con un tubo divelto dal bagno: colpiti alla schiena e al braccio

3 Si costituisce nel carcere di Bollate, Giuseppe Morabito: era ricercato per traffico internazionale di droga

4 Collaboratore di giustizia rivela: in carcere ho scalato la gerarchia della ''ndrangheta e sono diventato padrino

5 E'' deceduto il detenuto ferito con cinque colpi di pistola all''uscita del carcere di Secondigliano

6 Ministro Orlando: non c''è nessun indebolimento del 41-bis. Allarme lanciato solo da un sindacato di Polizia Penitenziaria

7 Riforma Madia, drastico taglio del personale di Polizia Penitenziaria in Lombardia

8 Trovati due telefoni cellulari nel carcere di Milano Bollate

9 Detenuti o in misura alternativa al lavoro nei Tribunali. Sappe: non sarebbe meglio impiegarli in altri lavori?

10 Arrestata la moglie di Salvino Madonia: teneva i contatti con i 41-bis per riorganizzare cosa nostra


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Assistente Capo della Polizia Penitenziaria si è suicidato con la pistola d''ordinanza nel carcere di Tolmezzo

2 L''unica speranza del Corpo: l''unificazione con la Polizia di Stato

3 Finalmente il DAP ammette la propria inettitudine. " ... siamo sterili, fini a noi stessi e senza obiettivi.”

4 Gianfranco De Gesu e Anna Internicola, marito e moglie ai vertici del Provveditorato Sicilia: interrogazione parlamentare Onorevole Polverini

5 Polizia Penitenziaria arresta islamico in carcere il giorno della sua scarcerazione: algerino istigava altri detenuti al jihad nel penitenziario di Nuoro

6 Lavorare insieme per il cambiamento: la collaborazione tra Polizia Penitenziaria e Area educativa

7 Ho visto cose che voi umani …

8 Decreto Legislativo n.81/2008: Priorità all''ordine e alla disciplina ma senza tralasciare la sicurezza del posto di lavoro

9 Deputato PD Roberto Rampi, interrogazione parlamentare a favore delle visite in carcere dell''ex terrorista Sergio Segio e contro le dichiarazioni dei Sindacati di Polizia Penitenziaria

10 Chi non riesce a contraddire il ragionamento, aggredisce il ragionatore