Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Un detenuto di Verona parlava al telefono con il fratello in Francia anche lui in carcere

Polizia Penitenziaria - Un detenuto di Verona parlava al telefono con il fratello in Francia anche lui in carcere


Notizia del 05/05/2016 - VERONA
Letto (2504 volte)
 Stampa questo articolo


Una festa di compleanno, due tavolini uniti e imbanditi con piatti e stoviglie di plastica, coca cola e fettine di torta. Un selfie collettivo, tra cui spunta anche Emanuel Demaj, boss albanese, ritenuto capo di una banda di rapinatori, a cui era già stato trovato un cellulare nel carcere di San Pio X a Vicenza.

Un’immagine che parla da sé e racconta frammenti di vita di quel mondo, dietro le sbarre, un tempo considerato a sè stante, lontano e irraggiungibile. Quella distanza, però, sembra ora sfumata via, perché nell’era della tecnologia digitale è sufficiente un telefono cellulare per mettere in connessione anche luoghi che non dovrebbero esserlo. In carcere, infatti, i cellulari sono vietati, come è vietato il collegamento Internet. Eppure Emanuel Demaj, è emerso dall’inchiesta della procura vicentina, chiacchierava tranquillamente con il fratello Erion, anche lui in cella a Lione. E questi non sono casi isolati.

Ed è poi possibile che in carcere, dove nell’immaginario collettivo, si sta in punizione in una cella, ci sia la possibilità di «socializzare» con feste di compleanno e banchetti?

«Da quando è stato introdotto il regime aperto, i detenuti possono stare almeno otto ore al giorno insieme nei corridoi, e controllarli è molto più difficile», racconta il segretario provinciale del Sappe Gerardo Notarfrancesco. «A pranzo e a cena vengono rinchiusi nelle celle, ma nel resto del tempo può capitare che si riuniscano e apparecchino due tavolini: purtroppo non ci può più essere la sorveglianza di una volta».

E se la «festa di compleanno» desta scalpore, ancora più grave è la presenza di telefonini nel penitenziario di Montorio: in media, secondo i sindacati, se ne ritrovano due al mese. I detenuti che vengono pizzicati con un cellulare rischiano come punizione l’isolamento fino a un massimo di 15 giorni, oltre ovviamente al sequestro del telefono. «In passato avevamo chiesto di schermare l’intera casa circondariale per farli smettere di funzionare, ma ci era stato risposto che non era possibile, perché ciò avrebbe limitato l’utilizzo dei dispositivi e l’accesso a Internet anche al personale che opera all’interno della struttura», prosegue Notafrancesco. «Purtroppo i canali per far entrare i cellulari sono molti e, nonostante i controlli, è difficile evitare che ciò accada».

Lo scorso anno era stata ritrovata una busta, lanciata nel cortile dall’esterno del carcere, con all’interno tre-quattro telefonini. Ma di una cosa, gli agenti di Polizia Penitenziaria sono certi. I pacchi con cibo e vestiti inviati o consegnati dai familiari ai detenuti vengono accuratamente controllati e passati anche al metal detector: difficile che qualcosa sfugga. Più probabile, nonostante le verifiche, che i telefonini entrino attraverso le numerose persone che ogni giorno varcano i cancelli di Montorio: parenti dei detenuti, avvocati, infermieri, insegnanti, persino gli stessi agenti di Polizia Penitenziaria.

larena.it

Detenuti del carcere di Verona Montorio festeggiano in cella, ma allora come ha fatto una foto a finire su Facebook?

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

6 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

3 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia