Settembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Settembre 2017  
  Archivio riviste    
Un detenuto di Verona parlava al telefono con il fratello in Francia anche lui in carcere

Polizia Penitenziaria - Un detenuto di Verona parlava al telefono con il fratello in Francia anche lui in carcere


Notizia del 05/05/2016 - VERONA
Letto (2349 volte)
 Stampa questo articolo


Una festa di compleanno, due tavolini uniti e imbanditi con piatti e stoviglie di plastica, coca cola e fettine di torta. Un selfie collettivo, tra cui spunta anche Emanuel Demaj, boss albanese, ritenuto capo di una banda di rapinatori, a cui era già stato trovato un cellulare nel carcere di San Pio X a Vicenza.

Un’immagine che parla da sé e racconta frammenti di vita di quel mondo, dietro le sbarre, un tempo considerato a sè stante, lontano e irraggiungibile. Quella distanza, però, sembra ora sfumata via, perché nell’era della tecnologia digitale è sufficiente un telefono cellulare per mettere in connessione anche luoghi che non dovrebbero esserlo. In carcere, infatti, i cellulari sono vietati, come è vietato il collegamento Internet. Eppure Emanuel Demaj, è emerso dall’inchiesta della procura vicentina, chiacchierava tranquillamente con il fratello Erion, anche lui in cella a Lione. E questi non sono casi isolati.

Ed è poi possibile che in carcere, dove nell’immaginario collettivo, si sta in punizione in una cella, ci sia la possibilità di «socializzare» con feste di compleanno e banchetti?

«Da quando è stato introdotto il regime aperto, i detenuti possono stare almeno otto ore al giorno insieme nei corridoi, e controllarli è molto più difficile», racconta il segretario provinciale del Sappe Gerardo Notarfrancesco. «A pranzo e a cena vengono rinchiusi nelle celle, ma nel resto del tempo può capitare che si riuniscano e apparecchino due tavolini: purtroppo non ci può più essere la sorveglianza di una volta».

E se la «festa di compleanno» desta scalpore, ancora più grave è la presenza di telefonini nel penitenziario di Montorio: in media, secondo i sindacati, se ne ritrovano due al mese. I detenuti che vengono pizzicati con un cellulare rischiano come punizione l’isolamento fino a un massimo di 15 giorni, oltre ovviamente al sequestro del telefono. «In passato avevamo chiesto di schermare l’intera casa circondariale per farli smettere di funzionare, ma ci era stato risposto che non era possibile, perché ciò avrebbe limitato l’utilizzo dei dispositivi e l’accesso a Internet anche al personale che opera all’interno della struttura», prosegue Notafrancesco. «Purtroppo i canali per far entrare i cellulari sono molti e, nonostante i controlli, è difficile evitare che ciò accada».

Lo scorso anno era stata ritrovata una busta, lanciata nel cortile dall’esterno del carcere, con all’interno tre-quattro telefonini. Ma di una cosa, gli agenti di Polizia Penitenziaria sono certi. I pacchi con cibo e vestiti inviati o consegnati dai familiari ai detenuti vengono accuratamente controllati e passati anche al metal detector: difficile che qualcosa sfugga. Più probabile, nonostante le verifiche, che i telefonini entrino attraverso le numerose persone che ogni giorno varcano i cancelli di Montorio: parenti dei detenuti, avvocati, infermieri, insegnanti, persino gli stessi agenti di Polizia Penitenziaria.

larena.it

Detenuti del carcere di Verona Montorio festeggiano in cella, ma allora come ha fatto una foto a finire su Facebook?

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Poliziotto penitenziario ferito alla testa da un detenuto: è in gravi condizioni

2 Condannato a tre anni e due mesi ex Agente penitenziario: vendeva droga e telefonini nel carcere di Aosta

3 Detenuta evade dal cancello principale del carcere di Rebibbia: era appena arrivata

4 Quanto guadagna un poliziotto penitenziario?

5 Consegnava droga nel carcere di Brescia: arrestato Poliziotto penitenziario ora rinchiuso nel carcere militare

6 Pentito rivela: tutti i detenuti hanno un coltello nel carcere di Reggio Emila

7 DAP autorizza visite dei Radicali in 35 carceri per la prossima settimana

8 Detenuto autorizzato a lavorare all''esterno non rientra in carcere, il Garante: sono sorpresa

9 Ministro Orlando annuncia nuove assunzioni: 48 poliziotti in più nel 2017 e 57 come anticipo 2018

10 Invitati per un pranzo con Papa Francesco: due detenuti si danno alla fuga poco prima di arrivare


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Pasquale Di Lorenzo, Sovrintendente di Polizia Penitenziaria ucciso dalla mafia il 13 ottobre 1992

2 Detenuta arriva in carcere ma si nasconde tra la folla ed evade da Rebibbia

3 Dichiarazioni Andrea Orlando: caserme gratuite per la Polizia Penitenziaria e Decreto trasferimenti sedi extra moenia

4 Carceri, SAPPE: “Questo Governo toglie il pacco dono dell’Epifania ai poliziotti penitenziari per pagare l’aumento di stipendio dell’83% ai detenuti che lavorano: vergognoso!”

5 Gennaro De Angelis, Agente di Custodia ucciso dalla camorra il 15 ottobre 1982

6 In memoria di Francesco Di Maggio, Magistrato e Vice Capo DAP deceduto il 7 ottobre 1996

7 In memoria di Ignazio De Florio, Agente di Custodia ucciso in un agguato camorristico l''11 ottobre 1983

8 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei funzionari del Corpo e ispettori-funzionari. Ma i dirigenti penitenziari e gli altri funzionari civili, saranno contenti?

9 Decreto Orlando sulla mobilità del personale: ma perchè il Ministro invece di perder tempo coi videomessaggi non istituisce la direzione generale del Corpo?

10 Scomparso stamattina a Roma il Professor Lionello Pascone, generale in congedo del Corpo di Polizia Penitenziaria