Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Un mese di condanna per due colleghi accusati di essersi addormentati in servizio a Mamone

Polizia Penitenziaria - Un mese di condanna per due colleghi accusati di essersi addormentati in servizio a Mamone


Notizia del 02/11/2012 - NUORO
Letto (3760 volte)
 Stampa questo articolo


Sono stati condannati a un mese di carcere (pena sospesa) due agenti penitenziari della colonia penale di Mamone accusati di aver abbandonato il servizio cui erano addetti (posto di guardia, controllo dei detenuti con orario dalle 23,50 alle 8). Il giudice Morra li ha assolti dal capo B, ossia dal reato di cui all’art. 340 c.p. per avere, con il comportamento descritto nel primo capo d’imputazione, turbato la regolarità del servizio della casa circondariale di Mamone. Ieri A. N. prima e S. M. poi, hanno deposto in aula raccontato la loro versione dei fatti.

“Quella sera dopo che facemmo la conta dei detenuti andammo nel nostro “ufficio” e quando l’ispettore suonò al campanello ci stavamo cambiando. Ecco perché abbiamo tardato un po’ ad aprire. Non abbiamo mai lasciato il locale di nostra pertinenza, quindi non possiamo aver abbandonato il nostro servizio”.

Si sono difesi così i due imputati mentre il loro legale, l’avvocato Nazarena Tilocca, ha depositato agli atti una dichiarazione spontanea dell’ispettore che effettuò il controllo, con la quale sottolineava che non avrebbe mai immaginato che da quella situazione potesse scaturire una processo penale.

Ma per l’accusa, il 4 dell’ottobre 2007, anziché fare la conta dei detenuti e controllare se tutti erano presenti nelle loro celle, N. e M., si erano addormentati in uno stanzino di una delle diramazioni della colonia penale di Mamone, non rispettando il regolamento. Il pm Bocciarelli aveva chiesto la condanna a tre mesi.

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Altra incredibile follia della Amministrazione: camorrista ergastolano in cattedra alla scuola di Polizia Penitenziaria di Cairo.

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

7 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

4 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 La perquisizione straordinaria

7 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Lo stress dell’agente penitenziario: momento ancora possibile di cambiamento

10 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco