Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Un Poliziotto arrestato e tre indagati: la droga e i telefonini venivano lanciati nel carcere di Torino con le fionde

Polizia Penitenziaria - Un Poliziotto arrestato e tre indagati: la droga e i telefonini venivano lanciati nel carcere di Torino con le fionde


Notizia del 19/02/2016 - TORINO
Letto (2612 volte)
 Stampa questo articolo


I pacchi che contenevano telefonini e droga, ma che avrebbero potuto nascondere qualunque cosa, anche un’arma, perché sfuggivano a qualsiasi controllo, venivano lanciati di notte dentro le mura del carcere delle Vallette con il metodo della fionda. Il mattino dopo i giardinieri detenuti li raccoglievano e smistavano la merce ai destinatari. Secondo un copione perfezionato, dove ogni figura aveva il suo ruolo, i Poiziotti, i detenuti e i loro parenti, finché le soffiate di alcuni all’interno del penitenziario non hanno fatto scattare l’allarme.

E gli investigatori hanno deciso di temporeggiare: anziché sequestrare i cellulari illegali dietro le sbarre del carcere, hanno deciso di intercettarli e di seguire la pista alla quale portavano. Alle indagini ha collaborato passo dopo passo anche il direttore del carcere, Domenico Minervini. Così, ieri, dopo oltre un anno di indagini, gli uomini della squadra mobile insieme alla polizia giudiziaria della Polizia Penitenziaria hanno portato a termine l’operazione «Vallette» coordinata dal pm, Paolo Toso, portando all’arresto di sei persone tra cui l’agente di Polizia Penitenziaria Leonardo Cici, oltre che Ismet e Fadila Sulejmanovic, entrambi bosniaci di 27 e 43 anni, Antonio Dimeo, 27 anni, Andrea Micci di 31 e Simona Linguaglossa di 27, messa ai domiciliari.

Un cellulare dietro le sbarre valeva tra ottocento e mille euro. C’era chi lo chiedeva per utilizzarlo occasionalmente, qualcuno che lo aveva in uso a tempo pieno. I detenuti potrebbero comunicare con l’esterno solo attraverso telefonate dalla linea fissa, e a numeri autorizzati dal magistrato. Nel corso delle indagini alle Vallette, invece, sembra che i telefonini in qualche caso siano arrivati addirittura alle celle dei detenti in regime di massima sicurezza. Che il sistema fosse collaudato perfettamente, come una macchina che è in moto da tempo. E che si serviva della collaborazione dei parenti, ma anche del personale che entrava e usciva dal penitenziario.

Sono indagati altri tre dipendenti della Polizia Penitenziaria, indiziati anche di aver simulato lo stato di malattia per assentarsi dal lavoro. Sono stati sequestrati un chilo e mezzo di hashish, 50 grammi eroina e 10 telefoni cellulari, oltre ai carica batterie e medicinali.

torino.repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 Antonio Fullone nominato ufficialmente Direttore Generale: lascia la direzione del carcere di Poggioreale

3 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

4 Poliziotti penitenziari coinvolti nel caso Cucchi citano i Ministeri della Giustizia, Difesa e Interni: il GUP accoglie la richiesta

5 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

6 Catturato detenuto tunisino e islamico radicalizzato: era evaso da permesso premio, Poliziotto penitenziario lo riconosce in stazione

7 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis

8 Vacilla il Carcere modello di Bollate, detenuto con chiavi usb e coltelli. Il Direttore minimizza

9 Lucera, in fiamme auto di un poliziotto penitenziario

10 Carceri 41-bis: visita della Commissione Antimafia nelle carceri della Sardegna per verificare Cagliari Uta e Sassari


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

3 Il Consiglio dei Ministri approva definitivamente il Riordino delle Carriere

4 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

5 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

6 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?

7 Rems, se qualcuno avesse raccolto i nostri allarmi ...

8 Il Re è nudo! Ma forse anche cieco e sordo ...

9 Carceri e sanità, intesa del Sappe con i medici aderenti allo SMI

10 Qualcuno crede che Facebook sia come lo Speaker’s Corner di Hyde Park