Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Un Poliziotto arrestato e tre indagati: la droga e i telefonini venivano lanciati nel carcere di Torino con le fionde

Polizia Penitenziaria - Un Poliziotto arrestato e tre indagati: la droga e i telefonini venivano lanciati nel carcere di Torino con le fionde


Notizia del 19/02/2016 - TORINO
Letto (3044 volte)
 Stampa questo articolo


I pacchi che contenevano telefonini e droga, ma che avrebbero potuto nascondere qualunque cosa, anche un’arma, perché sfuggivano a qualsiasi controllo, venivano lanciati di notte dentro le mura del carcere delle Vallette con il metodo della fionda. Il mattino dopo i giardinieri detenuti li raccoglievano e smistavano la merce ai destinatari. Secondo un copione perfezionato, dove ogni figura aveva il suo ruolo, i Poiziotti, i detenuti e i loro parenti, finché le soffiate di alcuni all’interno del penitenziario non hanno fatto scattare l’allarme.

E gli investigatori hanno deciso di temporeggiare: anziché sequestrare i cellulari illegali dietro le sbarre del carcere, hanno deciso di intercettarli e di seguire la pista alla quale portavano. Alle indagini ha collaborato passo dopo passo anche il direttore del carcere, Domenico Minervini. Così, ieri, dopo oltre un anno di indagini, gli uomini della squadra mobile insieme alla polizia giudiziaria della Polizia Penitenziaria hanno portato a termine l’operazione «Vallette» coordinata dal pm, Paolo Toso, portando all’arresto di sei persone tra cui l’agente di Polizia Penitenziaria Leonardo Cici, oltre che Ismet e Fadila Sulejmanovic, entrambi bosniaci di 27 e 43 anni, Antonio Dimeo, 27 anni, Andrea Micci di 31 e Simona Linguaglossa di 27, messa ai domiciliari.

Un cellulare dietro le sbarre valeva tra ottocento e mille euro. C’era chi lo chiedeva per utilizzarlo occasionalmente, qualcuno che lo aveva in uso a tempo pieno. I detenuti potrebbero comunicare con l’esterno solo attraverso telefonate dalla linea fissa, e a numeri autorizzati dal magistrato. Nel corso delle indagini alle Vallette, invece, sembra che i telefonini in qualche caso siano arrivati addirittura alle celle dei detenti in regime di massima sicurezza. Che il sistema fosse collaudato perfettamente, come una macchina che è in moto da tempo. E che si serviva della collaborazione dei parenti, ma anche del personale che entrava e usciva dal penitenziario.

Sono indagati altri tre dipendenti della Polizia Penitenziaria, indiziati anche di aver simulato lo stato di malattia per assentarsi dal lavoro. Sono stati sequestrati un chilo e mezzo di hashish, 50 grammi eroina e 10 telefoni cellulari, oltre ai carica batterie e medicinali.

torino.repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”