Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Uno Bianca; respinta la richiesta di sconto di pena par Fabio Savi

Polizia Penitenziaria - Uno Bianca; respinta la richiesta di sconto di pena par Fabio Savi


Notizia del 04/12/2014 - TERNI
Letto (2791 volte)
 Stampa questo articolo


"Non sussistono gli estremi per l'accoglimento dell'istanza" perché "difettano i presupposti relativi al principio della retroattività o della ultrattività in mitius". Così la Corte d'Assise di Bologna (due giudici togati e quattro popolari) si è espressa in merito all'istanza presentata da Fabio Savi, il "lungo" della banda della Uno Bianca: il 54enne, detenuto nel carcere di Spoleto, chiedeva di usufruire, a posteriori, del rito abbreviato e del relativo sconto, che avrebbero portato la pena dall'ergastolo a 30 anni e, in sostanza, lo avrebbero fatto uscire dal carcere. In particolare il legale del forlivese, Ada Maria Barbanera, si rifaceva nell'istanza a una sentenza della Corte Costituzionale e a una della Corte europea (Scoppola contro Italia).

L'avvocato sostiene nella richiesta che "per il principio di uguaglianza, la modifica mitigatrice della legge penale debba riverberarsi anche a vantaggio di coloro che hanno posto in essere la condotta in un momento anteriore". Lo scorso 5 novembre nel corso dell'incidente di esecuzione, a Bologna perché quella bolognese è l'ultima delle tre sentenze passate in giudicato dopo Pesaro e Rimini, il pm Valter Giovannini, procuratore aggiunto di Bologna e coordinatore vent'anni fa delle indagini, aveva chiesto che l'istanza venisse respinta dichiarandola inammissibile.

La corte (presidente Michele Leoni, relatore Paola Passerone) ha accolto la richiesta ma al contempo dichiarato l'istanza della difesa ammissibile. La banda della Uno Bianca, così chiamata dal tipo dell'auto utilizzata nella maggior parte dei delitti, per sette anni, dal 1987 al 1994, seminò il panico tra Emilia-Romagna e Marche, facendo 24 morti e oltre 100 feriti. L'unico non poliziotto dei fratelli Savi (gli altri sono Roberto e Alberto) non ha mai chiesto perdono per quanto commesso. Venne condannato all'ergastolo come i fratelli e Marino Occhipinti, mentre a Pietro Gugliotta e Luca Vallicelli, elementi minori della gang, vennero comminati rispettivamente 28 anni (diventati poi 18) e, patteggiati, 3 anni e 8 mesi di carcere.

La Presse

STATISTICHE CARCERI REGIONE UMBRIA
Statistiche carceri Regione Umbria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo

5 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto

10 Nuovo carcere di Nola. Aggiudicata la gara di appalto per la realizzazione del penitenziario da 1200 posti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente di Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza. Sposato, con tre figli, era in servizio nel carcere di Padova

2 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

3 Il Messaggero: stanziati fondi per rinnovo contratto polizia, dovrebbero essere circa 100 euro a regime

4 Congedo programmato e malattia

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?