Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Uno Bianca; respinta la richiesta di sconto di pena par Fabio Savi

Polizia Penitenziaria - Uno Bianca; respinta la richiesta di sconto di pena par Fabio Savi


Notizia del 04/12/2014 - TERNI
Letto (2983 volte)
 Stampa questo articolo


"Non sussistono gli estremi per l'accoglimento dell'istanza" perché "difettano i presupposti relativi al principio della retroattività o della ultrattività in mitius". Così la Corte d'Assise di Bologna (due giudici togati e quattro popolari) si è espressa in merito all'istanza presentata da Fabio Savi, il "lungo" della banda della Uno Bianca: il 54enne, detenuto nel carcere di Spoleto, chiedeva di usufruire, a posteriori, del rito abbreviato e del relativo sconto, che avrebbero portato la pena dall'ergastolo a 30 anni e, in sostanza, lo avrebbero fatto uscire dal carcere. In particolare il legale del forlivese, Ada Maria Barbanera, si rifaceva nell'istanza a una sentenza della Corte Costituzionale e a una della Corte europea (Scoppola contro Italia).

L'avvocato sostiene nella richiesta che "per il principio di uguaglianza, la modifica mitigatrice della legge penale debba riverberarsi anche a vantaggio di coloro che hanno posto in essere la condotta in un momento anteriore". Lo scorso 5 novembre nel corso dell'incidente di esecuzione, a Bologna perché quella bolognese è l'ultima delle tre sentenze passate in giudicato dopo Pesaro e Rimini, il pm Valter Giovannini, procuratore aggiunto di Bologna e coordinatore vent'anni fa delle indagini, aveva chiesto che l'istanza venisse respinta dichiarandola inammissibile.

La corte (presidente Michele Leoni, relatore Paola Passerone) ha accolto la richiesta ma al contempo dichiarato l'istanza della difesa ammissibile. La banda della Uno Bianca, così chiamata dal tipo dell'auto utilizzata nella maggior parte dei delitti, per sette anni, dal 1987 al 1994, seminò il panico tra Emilia-Romagna e Marche, facendo 24 morti e oltre 100 feriti. L'unico non poliziotto dei fratelli Savi (gli altri sono Roberto e Alberto) non ha mai chiesto perdono per quanto commesso. Venne condannato all'ergastolo come i fratelli e Marino Occhipinti, mentre a Pietro Gugliotta e Luca Vallicelli, elementi minori della gang, vennero comminati rispettivamente 28 anni (diventati poi 18) e, patteggiati, 3 anni e 8 mesi di carcere.

La Presse

STATISTICHE CARCERI REGIONE UMBRIA
Statistiche carceri Regione Umbria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”