Lug/Ago 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2018  
  Archivio riviste    
Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

Polizia Penitenziaria - Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale


Notizia del 17/04/2018 - MILANO
Letto (1840 volte)
 Stampa questo articolo


Renato Vallanzasca, esponente della mala milanese condannato a 4 ergastoli e 296 anni di carcere, ha avuto un "cambiamento profondo, intellettuale ed emotivo. Non potrebbe progredire con altra detenzione e si ritiene che possa essere ammesso alla liberazione condizionale", cioè che possa concludere la pena fuori dal carcere in libertà vigilata. Lo scrive l'equipe di osservazione del carcere di Bollate in una nota inviata al tribunale di Sorveglianza.

Renato Vallanzasca, oggi 67enne, aveva già ottenuto la semilibertà nell'ottobre del 2013, ma durante un permesso premio era stato sorpreso da un vigilante di un supermercato di Milano mentre tentata di rubare due paia di boxer, delle cesoie e del concime per le piante per un valore di circa 70 euro. Episodio che gli è valso una condanna a 10 mesi per tentata rapina impropria e soprattutto il ritorno al regime carcerario. Nell'agosto del 2017, poi, Vallanzasca ha aggredito un agente a Bollate, nell'area colloqui, in presenza di altri detenuti e familiari. Ora però, spiega l'avvocato Davide Steccanella "confido che il Tribunale accolga un'istanza che alla luce di quanto scrive il carcere di Bollate appare del tutto legittima dopo mezzo secolo di carcere".

I primi anni - Nato nel 1950, due mogli, diverse storie sentimentali vere o presunte, 4 ergastoli e 296 anni di reclusione, Vallanzasca è diventato un personaggio per la sua carriera criminale, che inizia all'età di 18 anni. Appena maggiorenne entra nel giro dei malavitosi del quartiere Comasina. A 22 il primo arresto per una rapina in un supermercato: condannato a 10 anni, fugge corrompendo un agente. Nel 1976 arriva il salto di qualità, la lotta col clan di Turatello. Poi il sequestro di Emanuela Trapani, figlia di un imprenditore, e dell'imprenditore del legno Rino Balconi.

Gli omicidi - Latitante, a ottobre uccide a un casello l'agente della polstrada Bruno Lucchesi. Pochi giorni dopo ammazza un medico, Umberto Premoli, pare per rubargli l'auto e continuare la fuga. Il 6 febbraio 1977, in una sparatoria a Dalmine vicino Bergamo, uccide due agenti della stradale: ferito a una gamba viene arrestato nove giorni dopo. Nell'aprile 1980 tenta di evadere da San Vittore, poco tempo dopo partecipa alla rivolta nel carcere di Novara e uccide il detenuto Massimo Loi, facendone trovare la testa in una cella. Nel 1984 nuova mancata fuga da Spoleto. Ci riesce tre anni dopo a Genova con un'evasione rocambolesca dall'oblò della nave con cui stava per essere trasferito all'Asinara. La fuga dura alcune settimane. Ne tenterà un'altra nel 1995 da Novara. A partire dal 2010 più volte, non senza polemiche, ottiene l'ammissione al lavoro esterno, per poi rientrare in carcere nel 2014 dopo il tentativo di furto al supermercato. Ora la decisione sulla libertà vigilata spetta al tribunale di Sorveglianza, mentre una cooperativa e una comunità hanno già manifestato la disponibilità, come anche in passato, a far svolgere al 67enne delle attività, anche lavorative.

Fonte:tgcom24.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze Armate, Salvini promette maggiori investimenti: per cosa saranno utilizzate le risorse?

2 Lutto nella Polizia Penitenziaria, si è spento a 58 anni l’ispettore Francesco Conte

3 NoiPA, le date di luglio 2018: quando arrivano in busta paga i rimborsi del 730/2018?Ecco le date.

4 Carcere, Bonafede: Detenuti stranieri via anche senza consenso

5 Carcere di Regina Coeli fuori controllo: Rissa e taglio alla gola tra detenuti e braccio fratturato a Poliziotto Penitenziario

6 Bari, agente 27enne morì dopo tre interventi. Il padre: Dopo 4 anni nessuna giustizia

7 Agenti Penitenziari aggrediti in tribunale durante l''udineza

8 Aggredisce autista dell’autobus e Poliziotto Penitenziario libero dal servizio intervenuto:Arrestato Giovane di 36 anni

9 Carcere, dopo gli scontri sotto accusa le celle aperte Chieste espulsioni per stranieri

10 Messaggi cifrati nei vestiti dei detenuti: Polizia Penitenziaria scopre il codice Gionta, sentenza definitiva


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Mobilità dei commissari quasi conclusa: in arrivo problemi di conflitto per violazione del principio di gerarchia

2 Bye, bye Santi Consolo ... almeno potevi evitarci il saluto di commiato

3 Il suicidio “in e dal” carcere. Il desiderio di evasione degli agenti di Polizia Penitenziaria

4 Correttivi al riordino: ritornano i vecchi giochi di prestigio

5 Cerimonia di insediamento del Capo Dipartimento Francesco Basentini

6 … Aspettando la nascita della Direzione Generale della Polizia Penitenziaria

7 Video arrivo nuovo Capo Dipartimento Francesco Basentini e discorso di insediamento

8 Vorremmo una rassegna stampa del Dap più pluralista

9 L’addio di Consolo

10 Memoria, nessuna confusione tra vittime e carnefici!