Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Veri Agenti Penitenziari arrestano finti poliziotti che falsficavano buste paga per ottenere prestiti

Polizia Penitenziaria - Veri Agenti Penitenziari arrestano finti poliziotti che falsficavano buste paga per ottenere prestiti


Notizia del 11/12/2012 - VARESE
Letto (4436 volte)
 Stampa questo articolo


Due truffatori napoletani sono stati arrestati dopo un’inchiesta delle Polizia Penitenziaria di Varese e del pm Tiziano Masini. I due utilizzavano i dati di ignari cittadini, in particolare agenti di Polizia Penitenziaria, per chiedere finanziamenti al fine di acquistare autovetture, presentando dunque documenti che garantissero stipendi sicuri (l’impiego statale era perfetto) e una buona situazione economica. In realtà, usavano dati come il codice fiscale, o altri, e assumevano una falsa identità a scapito di persone vere.

In due casi, a Trecate e Gallarate, la truffa è riuscita, e c’è stato subito il tentativo di rivendere la macchina, ma sono almeno una trentina le truffe tentate dai due soggetti arrestati. Si tratta di Coletti Raffaele classe 1971 nato a Napoli (già detenuto nel carcere di Velletri) e De Falco Oreste classe 1965. L’indagine è iniziata nel 2010, quando una concessionaria ha telefonato al carcere di Varese e ha chiesto lumi su un agente della Polizia Penitenziaria: «Un vostro dipendente ha chiesto un finanziamento per un’auto, vi risulta?». La circostanza è sembrata dubbia, anche perché l’agente aveva già un’auto pressoché nuova.

La busta paga presentata alla concessionaria era falsa. La parte più misteriosa dell’inchiesta è chei due napoletani, avevano acquisito i dati di diversi appartenenti al corpo di Polizia Penitenziaria. L’ipotesi degli inquirenti è che abbiano avuto accesso a una banca dati esterna che ha mischiato sia dati di agenti che di cittadini di diversa estrazione. I due giravano l’Italia con buste paga, crs, carte di identità, codici fiscali, ricevute di gas e bollette. Gli autosaloni vittime del tentato raggiro erano a Mesenzana, Trecate, Saronno, Olgiate Olona, Legnano, San Vittore Olona, Cocquio Trevisago, Germignaga, Gallarate, Provincia di Arezzo. Le truffe hanno avuto luogo in tre regioni, Lombardia, Piemonte e Toscana. Oltre 40 le carte di identità contraffatte. Sono state perquisite 5 persone (2 a Varese, 3 in Campania), sequestrati supporto informatici utilizzati per contraffare documenti, e numerose sim card.

www3.varesenews.it

Rubavano identità di comuni cittadini e agenti della polizia penitenziaria per farsi finanziare l'acquisto di vetture in pronta consegna: truffa scoperta dalla polizia penitenziaria di Varese. In due sono finiti in manette su ordinanza di custodia cautelare in carcere chiesta dal pubblico ministero Tiziano Masini: in manette Oreste De Falco, 47 anni, e Raffaele Coletti, 40 anni, entrambi napoletani entrambi maghi della truffa con precedenti alle spalle. Coletti addirittura, è riuscito a gestire gli affari per un periodo mentre era ai domiciliari.

L'indagine parte nell'ottobre 2010: «Quando - ha spiegato il commissario Alessandro Croci, comandante della polizia penitenziaria di Varese - I due utilizzarono la busta paga falsificata di un nostro vero agente per l'acquisto di una vettura in pronta consegna in una concessionaria della zona». De Falco e Coletti, si scoprirà poi, erano in possesso di un super database contenente dati estremamente privati appartenenti a cittadini e agenti. Dati impossibili da reperire su internet; compresi i numeri di matricola (oltre a nomi, cognomi e luoghi di lavoro) di appartenenti al corpo di polizia penitenziaria in servizio in ogni parte d'Italia.

«L'errore commesso in quell'occasione dai due fu di giocare d'anticipo - ha spiegato Croci - All'epoca il ministero aveva appena cambiato i modelli per le nostre buste paga. Il cambio sarebbe entrato in vigore da lì a un mese. Loro hanno usato il nuovo modulo e dalla concessionaria è scattato un accertamento». L'agente, ovviamente, non aveva nulla a che fare con l'acquisto. Da lì, attraverso intercettazioni e tabulati telefonici, la penitenziaria di Varese ha ricostruito le mosse dei due esperti di phishing.

«Falsificavano tutto in modo perfetto - ha spiegato Croci - Carta dei servizi, documenti di identità, buste paga, ma anche sim card che poi utilizzavano per le truffe. Uno dei due entrava nella concessionaria, dichiarava di avere l'auto guasta e di volerne acquistare una in pronta consegna. Quindi consegnava tutta la falsa documentazione». Due le truffe riuscite: una a Gallarate (l'auto è stata mandata all'estero), l'altra a Trecate (l'auto è stata venduta più volte sino a farne perdere le tracce). Trenta le truffe tentate tra Lombardia (in provincia a Tradate, Germignaga, Mesenzana, Olgiate Olona e Saronno), Piemonte e Toscana. «Se la finanziaria impiegava più di 48 ore a concedere il finanziamento - ha detto Croci - I due sparivano temendo accertamenti troppo approfonditi». Resta da capire dove i due abbiano preso il database.

www.laprovinciadivarese.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

5 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

8 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

9 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

10 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

4 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

8 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

9 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

10 Salvatore Riina riamarrà in carcere al 41-bis: lo ha deciso il Tribunale di Sorveglianza che ha rigettato le richieste dei suoi avvocati