Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Verona, anche il reparto cinofili della Polizia Penitenziaria ha preso parte al blitz agli ex Tabacchi

Polizia Penitenziaria - Verona, anche il reparto cinofili della Polizia Penitenziaria ha preso parte al blitz agli ex Tabacchi


Notizia del 16/07/2014 - VERONA
Letto (2532 volte)
 Stampa questo articolo


Un blitz in piena regola, organizzato dalla questura di Verona, è stato portato avanti ieri mattina all’alba all’ex Manifattura Tabacchi di viale del Lavoro, a due passi dalla Fiera.

Una operazione congiunta tra polizia locale e polizia di Stato che, come recita la nota della questura, ha lo scopo di «combattere lo spaccio e il degrado». In quanto alla lotta allo spaccio, però, il blitz, non ha avuto fortuna, in quanto gli agenti non hanno rinvenuto droga nell’area abbandonata e in disuso da anni.
Gli agenti hanno trovato, invece, cinque persone - tutti stranieri, tre magrebini e due romeni - che nell’edificio abbandonato ci vivevano da qualche tempo, forse dall’ultimo blitz nell’area da parte delle forze dell’ordine.

I cinque sono stati accompagnati in quetura per gli accertamenti di rito e per verificare, nel caso dei nordafricani, se la loro permanenza sul territorio italiano è regolare. Nel frattempo le altre pattuglie di vigili e polizia, sia in borghese che in uniforme, coadiuvate da tre unità cinofile della Polizia Penitenziaria, scandagliavano ogni angolo dell’ex manifattura alla ricerca di sostanze illegali pronte per essere spacciate. Ma nulla: gli agenti hanno trovato solo «diversi frammenti di stagnola, solitamente usati per confezionare dosi di sostanza stupefacente».

I cinque «abusivi» che da qualche tempo avevano «arredato» con materassi e altri suppellettili alcune stanze delle palazzine abbandonate, sono stati quindi accusati solo di invasione di edificio privato, e sono stati rilasciati.

l'arena 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

6 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

7 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946