Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Verso l’’approvazione del sesso in carcere per i detenuti: l’’Algeria si adegua agli altri Paesi Arabi

Polizia Penitenziaria - Verso l’’approvazione del sesso in carcere per i detenuti: l’’Algeria si adegua agli altri Paesi Arabi


Notizia del 11/11/2014 - ESTERO
Letto (1866 volte)
 Stampa questo articolo


Presto anche i detenuti algerini, al pari di quelli degli altri Paesi arabi, vedranno riconosciuti i loro 'diritti sessuali'. All'inizio del prossimo anno, infatti, il parlamento di Algeri prenderà in esame la creazione all'interno delle carceri di aree 'riservate' in cui i prigionieri potranno intrattenersi alcune ore con i rispettivi coniugi. Ne parla il quotidiano algerino 'Echorouk', che spiega come questa pratica sia già realtà nella maggior parte dei penitenziari arabi.

Il ruolo di avanguardia nel settore spetta all'Arabia Saudita, che già nel 1978 riconosceva e applicava quello che viene definito il diritto alla 'privacy legale' e nelle cui carceri esistono appositi spazi da destinare ad 'alcove' in cui i detenuti possono incontrare le proprie spose. Di recente, le autorità di Riad hanno deciso di mettere a disposizione delle coppie dei veri e propri appartamenti dotati di ogni comfort.

La pratica è diffusa anche in Kuwait, Yemen, Libia, Tunisia, Marocco, Qatar, Emirati Arabi Uniti ed Egitto, mentre la Giordania ha espresso l'intenzione di introdurre le visite coniugali al più presto, si legge sul giornale, secondo cui "l'Algeria è l'unico Paese arabo in cui la 'privacy legale' nelle carceri è vietata".

Ma per gli attivisti per i diritti umani, così come per gli specialisti e i rappresentanti dei detenuti, la pressione vissuta dai prigionieri che si vedono negare una vita sessuale soddisfacente rischia di trasformarsi in una "bomba ad orologeria" e di sfociare in varie forme di "devianza morale" cui di fatto si assiste all'interno delle carceri, soprattutto tra i detenuti più giovani. Dal canto suo, l'attivista per i diritti umani Fatima Zohra Ben Barham ha ricordato che "la questione non è nuova, se ne parlava già negli anni Ottanta del secolo scorso", puntando il dito contro le autorità delle carceri che, a suo avviso, "ignorano i diritti umani dei detenuti, come il diritto di voto o quello ad avere una vita sessuale con i legittimi sposi".

Ma secondo Yousef Hantabli, docente di sociologia all'Università di Blida, "la sanzione non ha senso se si permette al detenuto di avere rapporti con la moglie". Per Hantabli, "la filosofia stessa della sanzione prevede che chi commette un reato debba essere punito o con l'allontanamento dal gruppo, come accadeva nelle società tradizionali, o con il carcere, come previsto oggi".Di conseguenza, "se al detenuto vengono riconosciuti alcuni privilegi, come quello della 'privacy legale', allora significa che non vi è stato allontanamento dalla società e la pena non ha alcun senso", conclude.

adnkronos.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

9 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone

10 Lanciano, poliziotti penitenziari costretti a saltare i pasti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?