Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Vestiti di Bernardo Provenzano intrisi di urina fino alle spalle: il figlio presenta denuncia ai Carabinieri

Polizia Penitenziaria - Vestiti di Bernardo Provenzano intrisi di urina fino alle spalle: il figlio presenta denuncia ai Carabinieri


Notizia del 01/07/2013 - PARMA
Letto (4371 volte)
 Stampa questo articolo


Il figlio di Bernardo Provenzano denuncia ai Carabinieri lo stato di abbandono e degrado sanitario del padre: "panni intrisi di urina fino alle spalle".

La decisione di sporgere denuncia l'ha presa dopo aver ritirato l'ultimo pacco con la biancheria del padre, sporca, bagnata e che emana cattivo odore tanto da diventare anche il corpo del reato. La prova che il padre, il boss Bernardo Provenzano, detenuto al 41 bis nel carcere di Parma, sarebbe tenuto in uno stato di totale degrado e abbandono. Per questo il figlio Angelo ha deciso di rivolgersi ai carabinieri lasciando loro, a dimostrazione dei suoi sospetti, un capo di abbigliamento dell'anziano capomafia.

E' l'ultimo capitolo della lunga battaglia che il legale Rosalba Di Gregorio e i familiari del padrino di Corleone, vecchio e malato, hanno intentato contro la decisione del ministero della Giustizia di non revocare il carcere duro al boss. Da mesi Provenzano entra ed esce dal reparto detenuti dell'ospedale di Parma: danni neurologici gravi, un ematoma cerebrale operato, problemi cardiaci, una recidiva del tumore alla prostata e, nelle ultime settimane, una grave infezione dalle cause ancora incerte hanno costretto il carcere a disporne il ricovero. Le facolta' mentali del vecchio mafioso sono compromesse: tanto che il gup, che avrebbe dovuto giudicarlo nel processo sulla trattativa Stato-mafia, ha sospeso il procedimento ritenendo l'imputato non in grado di partecipare coscientemente alle udienze. Provenzano non cammina piu' da solo, si nutre grazie alle flebo.

All'ultimo colloquio avvenuto nel reparto detenuti dell'ospedale non ha riconosciuto ne' la moglie Saveria Palazzolo ne' il figlio Angelo, tenuti rigorosamente lontani dal capomafia da una fila di banchetti usati come divisorio. L'incontro e' stato videoregistrato come quelli di mesi fa, trasmessi poi dal programma Servizio Pubblico che mostro' un Provenzano irriconoscibile. Dopo il colloquio Angelo Provenzano ha deciso di andare dai carabinieri e ha denunciato ''lo stato di degrado, di abbandono fisico, l'assenza di igiene'' in cui versa il padre ''trattato - si legge nell'esposto - in dispregio a tutti i criteri minimi di umanita'''. Dal penitenziario gli hanno consegnato la biancheria del padre che - dice la denuncia - e' ''in condizioni igieniche incompatibili con il minimo senso di decenza, testimoniando l'abbandono igienico totale in cui versa''.

''La biancheria - si legge nell'esposto - era intrisa di urine e macchiata fin sulla parte che copre le spalle, risultando palesemente bagnata, oltre che piena di macchie gia' presumibilmente asciugatesi, nonche' emanante un insopportabile fetore''. Provenzano jr ha fatto, inoltre, presente ''che negli ultimi tempi, su disposizione del carcere, non sono stati piu' fatti entrare ne' accappatoi, ne' asciugamani (poiche', si dice, sia impossibile fare la doccia al detenuto)''.

Tutti elementi che spiegherebbero, secondo i familiari del boss, le infezioni di cui soffre. ''Se qualcuno ha ritenuto di doversi vergognare vedendo il video - dice l'avvocato Di Gregorio - ora si dovrebbe sotterrare''.

ANSA

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)