Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Vietato il colloquio in carcere tra i due Riina: vietata anche la trasferta in Sicilia per la presentazione del libro dei figlio

Polizia Penitenziaria - Vietato il colloquio in carcere tra i due Riina: vietata anche la trasferta in Sicilia per la presentazione del libro dei figlio


Notizia del 15/06/2016 - MILANO
Letto (1945 volte)
 Stampa questo articolo


Giuseppe Salvatore, terzogenito del boss aveva chiesto di andare nel carcere milanese di Opera Vietata anche la presentazione del libro in Sicilia. A giorni il tribunale deciderà sulla sua libertà vigilata. Così nel 2000 Ninetta Bagarella rincuorava "u picciriddu", Giuseppe Salvatore Riina, terzogenito e figlio prediletto di Totò, il capo dei capi di Cosa nostra. Da allora ne è passato di tempo. Salvuccio ha scontato quasi otto anni di carcere e sta cercando di rifarsi una vita a Padova nonostante il regime di libertà vigilata. Ma il sangue è sangue e l'ormai trentottenne figlio del boss non ha mai rinnegato la famiglia. Anzi. Una quindicina di giorni fa ha chiesto di poter incontrare suo padre nel carcere milanese di Opera dove è detenuto. Il giudice di sorveglianza gliel'ha vietato. Vietata anche la tanto desiderata trasferta in Sicilia per la presentazione del libro "Riina Family Life" pubblicato dalla casa editrice trevigiana Edizioni Anordest. A giorni il tribunale di sorveglianza si pronuncerà anche sull'impugnazione della proroga di due anni della libertà vigilata, istanza firmata dall'avvocato di fiducia di Riina junior, Francesca Casarotto.

Che Giuseppe Salvatore Riina fosse stato scelto come successore dal padre, è circostanza nota ma che il rapporto tra i due sia ancora vivo lo dimostra la recente richiesta per avere finalmente un incontro. Il legale di fiducia ha infatti compilato una dettagliata relazione al giudice di sorveglianza per ottenere una visita al carcere di Opera: un incontro tra padre e figlio, cosa che non accade da molti anni ormai. Dopo un'attenta valutazione è stato risposto che no, l'incontro non può essere concesso. Non è escluso che i presupposti per cui è stato negato siano gli stessi che hanno generato la proroga della libertà vigilata.

Riina junior viene menzionato infatti varie volte nel provvedimento con il quale i sostituti procuratori di Palermo Caterina Malagoli, Sergio Demontis e Gaspare Spedale hanno disposto il fermo di alcuni presunti esponenti di spicco del mandamento mafioso di Corleone. È l'inchiesta che portò a ipotizzare un possibile attentato al ministro dell'Interno Angelino Alfano "colpevole", a loro dire, di avere aggravato il regime di carcere duro al 41 bis. Giuseppe Salvatore Riina non è indagato ma, secondo i carabinieri di Monreale, alcuni indagati gli avrebbero garantito aiuti economici. Non solo. Il trentottenne viene indicato come l'unico in grado di fare da garante ai patti stipulati anni prima tra i Riina e la famiglia Di Marco. L'avvocato Casarotto le ha definite "illazioni basate su intercettazioni vecchie".

Il regime di libertà vigilata gli impone di condurre una vita con orari ben definiti, senza guidare, senza uscire la sera, senza frequentare pregiudicati e firmando ogni mattina in Questura. Il suo sogno di vivere a Padova finalmente da uomo libero è sfumato lo scorso mese di febbraio con la nuova proroga di due anni della sorveglianza speciale. La stessa che ora gli impedisce di tornare nella sua terra a presentare il libro di cui ha parlato persino nel salotto televisivo di "Porta a Porta".

Il Mattino di Padova

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto

10 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane