Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Vigilanza dinamica: ad Avellino non serve a niente anzi, serve solo a delegittimare la Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Vigilanza dinamica: ad Avellino non serve a niente anzi, serve solo a delegittimare la Polizia Penitenziaria


Notizia del 23/01/2013 - AVELLINO
Letto (1857 volte)
 Stampa questo articolo


Il Sappe lancia una proposta per ridimensionare i problemi del penitenziario di Avellino. L’iniziativa è stata avanzata durante la conferenza stampa organizzata ieri mattina dal Sappe nel carcere di Bellizzi. I massimi rappresentanti del sindacato hanno puntato l’attenzione sulla vigilanza dinamica, che secono loro, serve a poco o niente per i detenuti del nuovo padiglione.

In effetti i rappresentati del Sappe ritengono che i detenuti ristretti nel nuovo padiglione devono scontare pene minime per le quali possono essere applicate misure alternative (servizi sociali o domiciliari). In questo modo si creerebbero posti letto e forza lavoro, riuscendo a risollevare le inefficienze del carcere, almeno in parte.

«La vigilanza dinamica dei penitenziari voluta per alleggerire l’emergenza carceraria è un vero flop – così ha esordito Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo Polizia Penitenziaria Sappe -. Pensare a un regime penitenziario aperto, a sezioni detentive sostanzialmente autogestite da detenuti previa sottoscrizione di un patto di responsabilità, favorendo un depotenziamento del ruolo di vigilanza della Polizia Penitenziaria, relegata ad un servizio di vigilanza dinamica, che vuol dire porre in capo ad un solo poliziotto quello che oggi lo fanno quattro o più agenti, a tutto discapito della sicurezza e mantenendo il reato penale della “colpa del custode”. Ebbene, tutto questo è fumo negli occhi».

«La realtà penitenziaria è che nelle carceri ci sono 45mila posti letto e nelle celle sono invece stipate 67mila persone; che la Polizia penitenziaria ha settemila agenti in meno, che i Baschi Azzurri non fanno formazione ed aggiornamento professionale. Come anche per le conseguenze di quell’effetto burn out dei poliziotti determinato dall’invivibilità di lavorare in sezioni detentive sistematicamente caratterizzate da eventi critici – suicidi, tentati suicidi, aggressioni, risse, atti di autolesionismo, colluttazioni».

«La circolare del Dap – prosegue Capece – è incredibilmente anacronistica, perché si rivolge ai detenuti con pene brevi da scontare che in tutta Europa scontano la pena fuori dal carcere. Dovrebbe essere così anche in Italia, e per questo dovrebbe lavorare l’amministrazione penitenziaria piuttosto che delegittimare la Polizia Penitenziaria e consegnare le carceri all’autogestione dei detenuti. Ci dicano come si fa il servizio dinamico nelle grandi carceri, ad esempio Napoli Poggioreale dove ci sono 2.800 persone in celle idonee ad ospitarne poco più di 1.500 e dove andrò questa mattina a portare la mia solidarietà e la mia vicinanza agli agenti del carcere, a Milano San Vittore che vede più di 1.600 detenuti stivati in celle per 700 posti o a Roma Regina Coeli, più di 1.000 presenze per 700 posti letto!».

Fin qui le affermazioni di Capace sulla situazione del carcere. Il segretario generale non si è limitato nel dire che il penitenziario di Avellino è in grande sofferenza con celle due metri per due e con un numero di agenti esiguo.

Pensare che per quanto riguarda le emergenze igieniche sanitarie c’è al momento un solo agente che si occupa della gestione manutenzione dei locali. E per la sorveglianza notturna esterna un solo agente che con l’auto impiega una mezzora per fare il giro completo della struttura.

avellino.ottopagine.net

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 Antonio Fullone nominato ufficialmente Direttore Generale: lascia la direzione del carcere di Poggioreale

3 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

4 Braccialetti elettronici: bando di gara per il noleggio di 12 apparecchi per i detenuti ai domiciliari

5 Vacilla il Carcere modello di Bollate, detenuto con chiavi usb e coltelli. Il Direttore minimizza

6 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

7 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis

8 Ivrea. Si finse morto in cella, poi sputi e insulti alla Polizia Penitenziaria.Detenuto condannato a 5 mesi

9 Funzionario PRAP Sicilia condannato a tre anni di reclusione: turbativa d''asta per i lavori nel carcere dell''Ucciardone

10 Indagini nel carcere di Padova: la redazione di Ristretti Orizzonti e le parole di Calogero Piscitello


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva definitivamente il Riordino delle Carriere

2 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

3 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

4 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

5 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?

6 Rems, se qualcuno avesse raccolto i nostri allarmi ...

7 Carceri e sanità, intesa del Sappe con i medici aderenti allo SMI

8 Qualcuno crede che Facebook sia come lo Speaker’s Corner di Hyde Park

9 L’Ordinamento Penitenziario minorile: le inerzie del legislatore

10 Ricorso avverso la classifica annuale