Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Villa del Ministro Severino: 400mila euro di impianti di sicurezza a carico dello Stato

Polizia Penitenziaria - Villa del Ministro Severino: 400mila euro di impianti di sicurezza a carico dello Stato


Notizia del 26/01/2013 - ROMA
Letto (2699 volte)
 Stampa questo articolo


Misure di sicurezza, a carico dello Stato. Così pochi mesi fa si è provveduto a "blindare" la villa del ministro della Giustizia Paola Severino. Nella dimora sull'Appia Antica, con parco e piscina, è stato installato un impianto di videosorveglianza, costato circa 150 mila euro.

Inoltre per migliorare la protezione della tenuta sono stati realizzati altri interventi, come le vetrate corazzate: la spesa complessiva a carico della presidenza del Consiglio pare sia stata di poco inferiore ai 400 mila euro.

Il tutto deciso e completato nonostante mancasse una manciata di mesi alla scadenza della legislatura e dell'esecutivo tecnico. Il guardasigilli è di certo una delle figure più esposte del governo, ma anche quella che ha denunciato i redditi più alti grazie alla sua attività di avvocato: 7 milioni di euro l'anno. Solo la villa ha un valore stimato in 10 milioni, adesso migliorato dall'antifurto a carico dei contribuenti.

RISPONDE IL MINISTRO:

Con riferimento alla notizia riportata dal settimanale L’Espresso dal titolo “Severino blindata”, il ministro della Giustizia precisa quanto segue:
“1 – Il provvedimento che ha disposto le misure di sicurezza nella mia abitazione, così come tutti gli altri inerenti tale materia, è stato assunto, in totale autonomia e senza alcun mio intervento, dopo una lunga istruttoria, il 28 giugno 2012, dal direttore dell’Ucis (Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale), previa autorizzazione della Commissione centrale consultiva per l’adozione delle misure di sicurezza, essendo io sottoposta al primo livello di sicurezza, il massimo previsto.
2 – La tipologia di intervento mi è stata imposta senza che io potessi in alcun modo interferire su di essa, se non dando indicazioni di scegliere il preventivo meno costoso. Dalle uniche verifiche ex post a me accessibili ho constatato che la spesa autorizzata era di circa 141mila euro.

3 – Altre spese necessarie per completare gli interventi di sicurezza sono state da me personalmente sostenute.

4 – La mia costante attenzione al tema delle spese a carico dello Stato è testimoniata dai miei numerosi interventi in materia di limitazione delle scorte presso il Ministero (diminuite di 81 unità) e di limitazione del periodo di scorta per gli ex ministri (passata da un anno a tre mesi), oltre che dal continuo controllo che ho fatto esercitare per gli straordinari delle scorte al Ministero (con un risparmio, dal primo marzo al 31 dicembre 2012, di 16.149 ore), e per i soggiorni in missione.

5 – Quando gli organi competenti mi diranno che le esigenze di sicurezza sono cessate, non avrò problemi nel restituire apparecchiature e materiali che potranno essere utilizzati per la protezione di altri soggetti tutelati.

6 – Quanto al valore della mia abitazione, ringrazio il settimanale L’Espresso per essersi preso la briga di dare ad essa una valutazione basata su non so quali criteri.

7 – Infine, a proposito del mio reddito 2010, nuovamente riportato dal settimanale, ho già avuto modo di precisare che dei 7 milioni di euro guadagnati sono oltre 4 milioni quelli versati per tasse e contributi vari. Con una minima parte di essi lo Stato ha evidentemente provveduto a interessi pubblici quali la tutela di un Ministro”.

Ringraziamo il ministro Severino per aver confermato quanto da noi pubblicato.

espresso.repubblica.it

 

Sicurezza del Ministro a rischio: sono state installate apparecchiature in casa sua senza che lei potesse rifiutare

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Detenuto evade da ospedale: arrestato dopo qualche ora

4 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

8 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

9 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

10 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Carceri al collasso. La soluzione? Uova, uova di quaglia per tutti