Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Violentò una sedicenne mentre era in permesso premio: condannato a sei anni e otto mesi detenuto del carcere di Bollate

Polizia Penitenziaria - Violentò una sedicenne mentre era in permesso premio: condannato a sei anni e otto mesi detenuto del carcere di Bollate


Notizia del 22/09/2016 - MILANO
Letto (1226 volte)
 Stampa questo articolo


Sei anni e 8 mesi di carcere. È la condanna che dovrà scontare Alessandro Merico, 38enne detenuto del carcere di Bollate che lo scorso aprile, durante un permesso premio, violentò e rapinò una ragazza di 16 anni ad Assago, vicino Milano. Merico si trovava nel carcere di Bollate (uno dei penitenziari modello in Italia) per scontare una condanna a 3 anni e 3 mesi per due rapine. Avrebbe finito di scontare la sua pena il 31 ottobre di quest'anno. Lo scorso 28 aprile, però, aveva beneficiato di un permesso premio.

L'uomo aveva anche rapinato la ragazzina.

Proprio in quell'occasione il 38enne aveva pedinato una ragazzina di 16 anni, aggredendola sul pianerottolo della sua casa ad Assago. Sotto la minaccia di un coltello aveva costretto la minorenne a entrare in casa e lì l'aveva violentata più volte. Poi aveva rovistato nei cassetti dell'abitazione scappando con cento euro. Merico era stato arrestato qualche giorno dopo l'aggressione. Era stato lui stesso, rivelando di conoscere un amico del fratello della vittima, ad aiutare involontariamente gli inquirenti nelle indagini. Adesso è arrivata la sentenza con rito abbreviato (che prevede lo sconto di un terzo della pena): il giudice ha riconosciuto le aggravanti chieste dalla procura: la minore età della vittima e il fatto di aver commesso il reato mentre il 38enne beneficiava di una misura alternativa al carcere.

milano.fanpage.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

3 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

8 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia