Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Visita a sorpresa del Ministro Cancellieri nel carcere di Viterbo

Polizia Penitenziaria - Visita a sorpresa del Ministro Cancellieri nel carcere di Viterbo


Notizia del 09/01/2014 - VITERBO
Letto (1746 volte)
 Stampa questo articolo


“Mammagialla diventerà un carcere modello per il Lazio”. La ministra della Giustizia Anna Maria Cancellieri esce dall’istituto penitenziario di Viterbo con in testa un progetto per migliore la struttura e la vita di detenuti e agenti. O almeno così sembra ascoltando le parole della guardasigilli.

La ministro è arriva nel capoluogo nel pomeriggio per una visita a sorpresa nel carcere, dove il giorno di capodanno è scoppiata una violenta rissa tra detenuti, con un bilancio di dodici feriti. Il fatto ha destato molto clamore, tanto che la guardasigilli ha deciso di venire a vedere di persona cosa succede a Mammagialla.

“Il problema di questo carcere non è il sovraffollamento – ha detto al termine della visita – qui non ci sono le situazione drammatiche per cui l’Europa ci sta colpendo, nessuno ha meno di i tre metri di spazio vitale. Il vero problema è la mancanza di spazi sociali. Questo carcere ha enormi possibilità e si può lavorare per migliorare la vita di tutti. Anche degli agenti penitenziari che stanno facendo un grossissimo sforzo in questo istituto, io penso che se ci mettiamo tutti insieme a lavorare, e potremmo fare cose interessanti”.

La ministro durante la visita a Mammagialla ha incontra la direttrice dell’istituto Teresa Mascolo con la quale ha parlato a lungo per capire la situazione di vivibilità.

“Mammagialla è una struttura solida con grandi potenzialità e ne faremo un modello per il Lazio. Diventerà sicuramente un carcere pilota. Il mio impegno sarà di totale di attenzione”.

Sulla rissa che ha sconvolto la vita all’interno del carcere la ministra lascia solo una battuta: “Si tratta di fenomeni complessi, ma non bisogna assolutamente arrendersi di fronte alle difficoltà ma comprenderne le motivazioni”.

Intanto lunedì 13 gennaio gli agenti della Polizia Penitenziaria preoccupati dopo la mega rissa hanno indetto un sit-in di protesta di fronte ai cancelli del carcere.

tusciaweb.eu

Rissa per il presunto controllo del carcere: questi i motivi della rissa a Viterbo

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico