Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Visite sospette in carcere, quarantuno indagati tra gli amici di Totò Cuffaro

Polizia Penitenziaria - Visite sospette in carcere, quarantuno indagati tra gli amici di Totò Cuffaro


Notizia del 12/12/2015 - PALERMO
Letto (1467 volte)
 Stampa questo articolo


Da Totò andavano tutti: la solidarietà tutta siciliana (ma non solo siciliana) verso gli amici in cattive acque portava nel carcere romano di Rebibbia, in visita al detenuto modello Salvatore Totò Cuffaro, sottosegretari, ex ministri, parlamentari nazionali, europei e regionali siciliani. Ognuno, come consente la legge, si portava appresso un collaboratore. Solo che non si trattava di segretari o assistenti, ma di amici, in gran parte anche loro politici, dell’ex presidente della Regione Sicilia. Dalla solidarietà al reato il passo è breve, perché adesso in 41 rischiano un processo, nella Capitale, per avere attestato il falso: l’indagine è chiusa, la richiesta di rinvio a giudizio scontata. Il paradosso di questa storia è che l’avviso di conclusione delle indagini viene notificato a una settimana scarsa dalla data prevista di scarcerazione di Cuffaro (che dovrebbe uscire mercoledì prossimo).  

L’ex governatore siciliano sta finendo di scontare sette anni (in realtà, con gli sconti previsti dalla legge, sono stati poco meno di cinque) per favoreggiamento aggravato dall’agevolazione di Cosa nostra. E l’altro dato curioso è che a far finire nei guai tutti i suoi amici, fra i quali ci sono il sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari, gli ex ministri Saverio Romano e Calogero Mannino, l’ex senatore antirenziano del Pd Mirello Crisafulli, è la Procura oggi coordinata da Giuseppe Pignatone. Che fu pm nel processo Talpe in Procura, concluso con la condanna di Totò. La vicenda è un mix di sfacciataggine e di convinzione di essere al di sopra della legge. Perché, se è vero che i deputati nazionali ed europei hanno diritto di entrare liberamente, «per ragioni del loro ufficio», nelle carceri, gli accompagnatori devono essere effettivamente segretari e assistenti degli uomini politici. Ma come si fa a dire, ad esempio, che l’allora senatore del Pd Mirello Crisafulli, noto per le sue polemiche contro Matteo Renzi, il 4 maggio del 2011 era a Rebibbia in compagnia del suo «assistente» Cataldo Salerno? Salerno è in realtà il presidente dell’università Kore di Enna, in tempi recenti finita su tutti i giornali perché, su iniziativa proprio di Crisafulli, stava per aprire una facoltà di Medicina in rumeno. E sì che si potrebbe ironizzare, sulla qualità di Salerno di assistente dell’allora senatore. Cuffaro finì in cella il giorno della sentenza di Cassazione, il 22 gennaio 2011. Subito iniziarono le visite di amici solidali: come Simona Vicari, oggi sottosegretario in quota Ncd, che dichiarò – con un’analoga attestazione dell’interessato – che Giampaolo Ciani aveva «un rapporto di collaborazione stabile e continuativo, consistente nel ruolo di assistente», quando in realtà si tratta di un avvocato. 

E che dire di Calogero Mannino, l’ex ministro del Mezzogiorno, padrino in senso politico di Cuffaro, fresco di assoluzione al processo sulla trattativa Stato-mafia? Si è portato appresso, nel tempo, un ex deputato regionale (che in quanto tale non aveva titolo per entrare da solo nel penitenziario), Nunzio Cappadona, e poi Antonina Saitta, Attilio Tripodi, Antonio Marino e Bruno Mariani, persone che in realtà, secondo il pm Barbara Zuin, non hanno alcun rapporto di collaborazione con Mannino. Il verdiniano Saverio Romano, ex ministro dell’Agricoltura, dichiarò che Nino Dina, fedelissimo di Totò ed ex presidente della commissione Bilancio siciliana, era un suo collaboratore politico. E pur di entrare anche un’altra volta, Dina disse di essere collaboratore pure di un altro deputato ex Udc come lui, Pippo Gianni. Sotto inchiesta pure l’ex eurodeputato Antonello Antinoro e Renato Farina, già condannato per avere fatto visita con un falso collaboratore a Lele Mora. Nella lista dei 41 anche un cugino omonimo di Salvatore Cuffaro e tre esponenti di Forza Italia: l’ex senatore Pino Firrarello, l’ex deputato regionale Salvo Fleres, l’ex europarlamentare Salvatore Iacolino, ma anche dirigenti della Regione e di ministeri, amici o comunque legati a Cuffaro. 

 

Fonte: lastampa.it

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

2 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

3 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

4 Poliziotto Penitenziario di Milano si suicida con la pistola d''ordinanza: era in servizio presso il Nucleo NTP di Milano Opera

5 Agente Polizia Penitenziaria uccide la moglie e si suicida: illesa la figlia diciottenne presente in casa, il padre le ha detto di allontanarsi

6 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

7 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

8 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

9 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

10 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Due suicidi nella Polizia Penitenziaria a distanza di poche ore: Dipartimento amministrazione penitenziaria continua a tergiversare sul disagio dei Poliziotti

6 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

7 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

8 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato