Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Viterbo, con due telefonini nella loro cella gestivano traffico di droga all'esterno

Polizia Penitenziaria - Viterbo, con due telefonini nella loro cella gestivano traffico di droga all'esterno


Notizia del 08/05/2014 - VITERBO
Letto (1289 volte)
 Stampa questo articolo


Continuavano a gestire i loro traffici illeciti comodamente dalla cella di Mammagialla. E lo facevano usando un cellulare di vecchia generazione e uno smartphone con connessione internet attiva.

Le indagini sono ancora in corso ma il sospetto è che i due detenuti (italiani) rinchiusi all'interno del reparto di media sicurezza continuassero a smistare all'esterno partite di stupefacenti. La scoperta è avvenuta ieri mattina, durante le perquisizioni ordinarie che quotidianamente vengono effettuate da parte di alcuni agenti della Polizia Penitenziaria. Le notizie, al momento, filtrano col contagocce. Impossibile ottenere conferme ufficiali. Certo è che il sequestro non è avvenuto dopo una soffiata.

“L’operazione – ha detto Luca Floris (Sappe) – è stata portata avanti in maniera brillante dagli agenti della polizia che hanno dimostrato grande professionalità”.

I controlli nelle celle vengono fatti a campione ogni giorno. A volte si trovano oggetti come lame e coltelli, stavolta il bottino è stato più grosso, visto che ai detenuti è vietato ogni contatto con l'esterno, salvo quelli rappresentati dai colloqui con i famigliari. Ebbene, ieri mattina, i poliziotti hanno scoperto nascosti dentro la cella i due telefonini, entrambi con scheda sim inserita e funzionanti. Significa che da quei cellulari partivano chiamate e messaggi.

Per fare cosa? Di sicuro, aggirare la sorveglianza e le norme penitenziarie che prevedono l'isolamento. Telefonate e sms ora verranno passate al setaccio. Il sospetto, però, è che i due continuassero a gestire da dietro le sbarre il traffico di stupefacenti.

ilmessagero 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico