Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Vuole tornare in carcere perchè non sopporta più la moglie

Polizia Penitenziaria - Vuole tornare in carcere perchè non sopporta più la moglie


Notizia del 22/10/2012 - ASCOLI PICENO
Letto (4568 volte)
 Stampa questo articolo


Un uomo, agli arresti domiciliari, sceglie di tornare in carcere perchè non sopporta più la moglie e i loro continui litigi. Questa è l'incredibile storia accaduta che hanno vissuto i poliziotti penitenziari al carcere di Ascoli. (ndr)

C'è chi fa di tutto per evadere dal carcere e chi fa di tutto... per tornarci. Attenzione: non stiamo parlando di un delinquente abituale che, a causa delle sue condotte illecite, fa avanti e indietro dall'accogliente casa circondariale di Marino del Tronto. Ben diversa è la storia di Marco V., 45enne ascolano, agli arresti domiciliari da febbraio per reati legati allo spaccio di stupefacenti. Non è del tutto chiaro cosa sia successo la notte scorsa, certi sono soltanto l'incipit e l'epilogo della storia. In mezzo tanti 'rumors'.

Andiamo per ordine. La notte scorsa i carabinieri della compagnia di Ascoli arrivano a casa dell'uomo per un normale controllo teso a verificare il rispetto della misura cautelare. All'arrivo nell'appartamento, però, il 45enne non c'è. Ci sono la moglie e i figli, ma di lui nessuna traccia. Come accade in questi casi, i carabinieri si mettono sulle tracce dell'evaso che, qualora venga 'beccato' fuori, finisce di nuovo dritto dritto in carcere.

Non c'è bisogno, però, di tanto impegno da parte dei militari dell'Arma. Ieri, infatti, di buona mattina, l'uomo si presenta di fronte ai cancelli della casa circondariale di Marino del Tronto. Va dagli agenti della Polizia Penitenziaria, fornisce le sue generalità e si costituisce. Manca la valigetta, ma è pronto per tornare dietro le sbarre. Anomala condotta.

E qui arrivano i rumors. Il tam tam del carcere parla di una 'fuga' volontaria da casa. «Non ci riusciva più a stare a causa dei continui litigi con la moglie» si dice. Scappato dalla consorte, insomma, perché quella casa che condivideva con lei era diventata più angusta di una galera. E allora, di corsa dentro, di nuovo, per riconquistare un po' di tranquillità, lontano dai troppi pensieri domestici. Sembra una scena del film «Totò e le donne» di Monicelli e Steno, con il principe De Curtis che si rifugia in soffitta per non subire le continue critiche della moglie Ave Ninchi. Questa volta, senza temere di esagerare, possiamo dire che la realtà ha superato il cinema.

http://www.ilrestodelcarlino.it 

STATISTICHE CARCERI REGIONE MARCHE
Statistiche carceri Regione Marche







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario