Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Walter Lavitola torna in carcere: telecamera lo filma fuori casa, ma il braccialetto elettronico non lo segnala

Polizia Penitenziaria - Walter Lavitola torna in carcere: telecamera lo filma fuori casa, ma il braccialetto elettronico non lo segnala


Notizia del 13/10/2013 - ROMA
Letto (1241 volte)
 Stampa questo articolo


Valter Lavitola affronterà da detenuto il processo di secondo grado per la presunta estorsione a Silvio Berlusconi. L'ex direttore dell'Avanti!, infatti, da oggi è di nuovo in carcere, a Regina Coeli: l'inasprimento della misura cautelare è stato deciso dalla Corte d'appello, davanti alla quale il giornalista comparirà il 30 ottobre, poiché Lavitola è evaso dagli arresti domiciliari.

Lo scorso agosto una telecamera installata nel cortile del palazzo romano in cui abita lo ha filmato mentre camminava fuori dal suo appartamento. Uno spostamento minimo: il braccialetto elettronico che il giornalista porta addosso da maggio non ha neppure inviato il segnale di allarme ai carabinieri, incaricati della sorveglianza. Ma tanto è bastato perché i giudici gli revocassero i tanto sospirati domiciliari, conquistati lo scorso maggio dopo 13 mesi di detenzione. Sono stati i finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Napoli a scoprire che il giornalista era uscito dall'appartamento e a informare la Procura generale.

Probabilmente temevano che il detenuto potesse incontrarsi con qualcuno nello spazio di pertinenza del braccialetto elettronico: circostanza che non si può escludere, anche perché, pochi secondi dopo aver filmato Lavitola in cortile, la telecamera è stata distrutta da un'altra persona che gli investigatori ora stanno cercando di identificare. La vicenda sembra dunque tingersi di giallo: c'era qualcuno con l'ex direttore dell'Avanti! quel giorno di agosto? E chi? Perché la telecamera è stata distrutta?

Tutto chiaro, invece, per l'avvocato Gaetano Balice, che in questo processo assiste il giornalista. "A partire da maggio, quando Lavitola è tornato a casa - spiega Balice - negli spazi condominiali sono stati ritrovati diversi microfoni e telecamere, peraltro collocati in modo da essere facilmente visti. Ogni volta sono stati informati i carabinieri, addetti alla sorveglianza del detenuto, e ogni volta, non essendo chiaro chi li avesse messi e per quale scopo, si è provveduto a disattivarli". Per la tentata estorsione a Silvio Berlusconi, Valter Lavitola è stato condannato in primo grado lo scorso 4 marzo dal gup Francesco Cananzi, che aveva accolto la richiesta dei pm Henry John Woodcock e Vincenzo Piscitelli.

Ansa

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

7 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

8 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

9 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946