Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Zagaria subito a carcere duro Luci sempre accese e pasti in cella

Notizia del 08/12/2011 - NOVARA

Zagaria subito a carcere duro Luci sempre accese e pasti in cella

letto 2398 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Subito al carcere duro. Non una parola, silenzio assoluto. Michele Zagaria, il superboss dei Casalesi, è arrivato ieri sera, mercoledì, nel carcere di Novara e per lui, nel primo giorno da detenuto, è già 41 bis. Agli agenti della Polizia penitenziaria dell'Ufficio matricola del carcere non ha detto nulla oltre a nome, cognome e data di nascita.

TRASFERIMENTO RAPIDISSIMO - Il suo trasferimento dalla Campania al carcere di Novara è stato rapidissimo. Al pari del controllo del verbale d'arresto, verifica dei documenti che ne certificano i vari ergastoli da scontare, esame delle ordinanze di custodia cautelare e poi le riprese fotografiche, di fronte e di profilo, per la scheda segnaletica, insieme alle impronte digitali. Tutto in silenzio assoluto, fino al trasferimento in una cella isolata. Il Ministro di Giustizia, Paola Severino, dopo l'arresto, l'ha disposto in pochissime ore, su richiesta dell'autorità giudiziaria.

CONTROLLATO A VISTA - Zagaria è controllato a vista, 24 ore su 24, dagli agenti del Gom, il Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria. Lo sorvegliano in diversi, almeno due agenti per volta e una luce nella sua cella, nella sua prima notte in carcere, è rimasta sempre accesa. Anche i pasti gli vengono portati in cella.
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!