Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Zagaria subito a carcere duro Luci sempre accese e pasti in cella

Notizia del 08/12/2011 - NOVARA

Zagaria subito a carcere duro Luci sempre accese e pasti in cella

letto 2248 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Subito al carcere duro. Non una parola, silenzio assoluto. Michele Zagaria, il superboss dei Casalesi, è arrivato ieri sera, mercoledì, nel carcere di Novara e per lui, nel primo giorno da detenuto, è già 41 bis. Agli agenti della Polizia penitenziaria dell'Ufficio matricola del carcere non ha detto nulla oltre a nome, cognome e data di nascita.

TRASFERIMENTO RAPIDISSIMO - Il suo trasferimento dalla Campania al carcere di Novara è stato rapidissimo. Al pari del controllo del verbale d'arresto, verifica dei documenti che ne certificano i vari ergastoli da scontare, esame delle ordinanze di custodia cautelare e poi le riprese fotografiche, di fronte e di profilo, per la scheda segnaletica, insieme alle impronte digitali. Tutto in silenzio assoluto, fino al trasferimento in una cella isolata. Il Ministro di Giustizia, Paola Severino, dopo l'arresto, l'ha disposto in pochissime ore, su richiesta dell'autorità giudiziaria.

CONTROLLATO A VISTA - Zagaria è controllato a vista, 24 ore su 24, dagli agenti del Gom, il Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria. Lo sorvegliano in diversi, almeno due agenti per volta e una luce nella sua cella, nella sua prima notte in carcere, è rimasta sempre accesa. Anche i pasti gli vengono portati in cella.
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera