Categoria: aggressioni

Agenpress – A pochi giorni dalle rivolte nei penitenziari di Rieti e Napoli un altro grave evento critico vede coinvolta una struttura detentiva italiana, Roma Rebibbia. A darne la notizia è Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE che racconta quanto avvenuto nel carcere romano: “Ieri pomeriggio nella Casa circondariale nuovo complesso di Rebibbia, all’interno della sezione detentiva g12, si è consumata l’ennesima intollerabile aggressione a personale di Polizia Penitenziaria.  Protagonista un detenuto italiano,  già allontanato dal carcere di Campobasso per un’analoga aggressione ad altri Agenti. A Rebibbia un poliziotto penitenziario è finito in ospedale con due…

Torna alla Home

Ancora un’aggressione a Mammagialla. Ieri, nel primo pomeriggio, un detenuto ha sferrato un violento pugno contro un agente della polizia penitenziaria. L’uomo, italiano e da pochi giorni trasferito nel carcere viterbese, ha colpito il poliziotto in pieno volto. Coinvolti nell’aggressione anche altri due agenti, intervenuti per tentare di fermare il detenuto, che hanno riportato ferite alla spalla e allo zigomo. E sarebbe anche potuta andare peggio, visto che il recluso è stato poi trovato in possesso di un punteruolo rudimentale. In pochi minuti, erano da poco passate le 13, il detenuto è riuscito a colpire tutti coloro che tentavano di…

Torna alla Home

Domenica sera (9 giugno), nella Casa Circondariale di Cuneo, un detenuto extracomunitario, ventunenne, definitivo con fine pena nel 2022, in carcere per violazione alla legge sugli stupefacenti, minacce, resistenza ed altro, sottoposto a regime dell’art. 14 bis, ha devastato la cella del Reparto Cerialdo, dandole fuoco. La Polizia Penitenziaria è intervenuta per portare in salvo il detenuto dalle fiamme, ma lui ha reagito aggredendo gli agenti con calci e pugni. Leggi anche: Detenuto in carcere a Cuneo dà fuoco a lenzuola e coperte, agente intossicato Immediatamente il detenuto, tratto in salvo, è stato accompagnato nel reparto isolamento, dove però ha…

Torna alla Home

La denuncia da parte del sindacato Sappe circa quanto avvenuto ieri pomeriggio nel carcere di Modena“ Oggi pomeriggio (ieri), verso ore 14, nel carcere Sant’Anna di Modena, alcuni detenuti nordafricani hanno festeggiato la fine del ramadan assumendo alcool ricavato artigianalmente dalla frutta macerata. I detenuti ubriachi hanno scatenato una rissa tra di loro”. E’ quanto riferiscono Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del SAPPe e Francesco Campobasso, segretario nazionale del sindacato della Penitenziaria. A quanto si apprende il personale di Polizia Penitenziaria intervenuto sarebbe stato aggredito da due dei contendenti, uno dei quali aveva in mano una lametta, mentre…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp