<

Categoria: aggressioni

Il sindacato Sappe protesta davanti agli istituti  per fermare un anno record: 3.545 casi nei primi sei mesi, con 571 feriti Le aggressioni in carcere, ai danni degli agenti della polizia penitenziaria, sono un fenomeno in continuo e forte aumento. Secondo i calcoli del Sappe, il Sindacato autonomo della polizia penitenziaria, le aggressioni erano state 4.688 nel 2015, 6.552 nel 2016, ed erano salite poi a 7.446 l’anno scorso, ma già nei primi sei mesi di quest’anno il livello è arrivato alla cifra record di 3.545. Il dato autorizza a stimare un totale vicino agli 8mila casi entro la fine dell’anno, anche perché in luglio…
E’ quanto denuncia il segretario aggiunto del Sappe, il sindacato della polizia penitenziaria, Battista Durante: “Diciamo basta a questa situazione di inaudita violenza nelle carceri” Ancora un’aggressione in un carcere calabrese. E’ accaduto ieri a Paola dove un detenuto di origini albanesi mentre si recava nell’apposito locale per effettuare una telefonata ha aggredito un poliziotto della Penitenziaria. “Una violenza – denuncia il Sappe, il sindacato della polizia penitenziaria – ingiustificata nei confronti di un assistente capo”. Un collega dell’agente è intervenuto per cercare di fermare l’aggressore e, nel frattempo, un altro detenuto albanese è uscito dalla saletta dove si trovava…
Nei giorni scorsi aveva aggredito e ferito alcuni agenti di polizia penitenziaria, ora il detenuto – ricoverato nel reparto psichitria del Santissima Trinità, Cagliari, ha ripetuto la stessa azione nei confronti di un altro agente. La denuncia arriva dal Sappe, il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria e a ricostruire l’intera vicenda è il segretario provinciale, Ignazio Pireddu. “Un’aggressione, l’ennesima, violenta ingiusta ed ingiustificata, che deve essere stigmatizzata e condannata senza alcun indugio e che merita severi e adeguati provvedimenti disciplinari e penali – si legge in una nota – . Il nostro collega, come anche gli altri feriti, sono stati colpiti…
Quel che è successo nelle ultime settimane nelle carceri italiane testimonia, se ancora ve ne fosse stato il bisogno, che la situazione è allarmante peggio di ogni pur funesta aspettativa. Aggressioni, colluttazioni, risse, ferimenti, tentati suicidi: non c’è un giorno nel quale non perviene da uno degli oltre 200 penitenziari per adulti e minori il segno tangibile della invivibilità delle nostre carceri, che vedono spesso gli appartenenti al Corpo vittime di queste costanti, continue ed inaudite violenze. Violenze, ripeto, continue e inaccettabili, che dovrebbero indurre il Ministero della Giustizia ed il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria a trovare al più presto soluzioni…
Ennesima aggressione ad un agente di Polizia Penitenziaria in Calabria, nella tarda serata di ieri un detenuto italiano ristretto nel circuito alta sicurezza della casa circondariale di Cosenza ha aggredito un assistente capo della Polizia penitenziaria che è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari dell’ospedale, dove hanno certificato una prognosi di 15 giorni. A denunciare la vicenda sono stati Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale. «L’episodio – affermano i sindacalisti – è avvenuto al rientro del detenuto in sezione dopo essere stato sottoposto ad una visita medica. Sembra, tra l’altro, che il soggetto,…
Ancora alta tensione nell’ospedale Santissima Trinità di Cagliari per l’aggressione a due poliziotti penitenziari da parte di un detenuto ricoverato con gravi problemi psichiatrici. L’episodio segue al fatto di ieri con un recluso che aveva ferito altri due agenti. Lo denuncia Ignazio Pireddu, segretario provinciale del Sindacato autonomo Polizia penitenziaria (Sappe). Pireddu ha inviato una lettera al proprio leader nazionale, Donato Capece, al ministro Alfonso Bonafede (M5s) e al Capo del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) perché si intervenga: “Quelle di Cagliari – si legge nella nota – sono gravi e intollerabili aggressioni ao poliziotti. La situazione nelle nostre carceri resta allarmante e la realtà è che…
A dare la notizia è Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “Ieri abbiamo registrato l’ennesima aggressione ad un Agente in servizio di Cassino da parte di un detenuto africano di circa 30 anni, già noto per comportamenti contrari al rispetto dell’ordine e della sicurezza e che era in possesso di lamette con le quali evidentemente tentare di porre in essere gesti violenti. Lo straniero pretendeva di parlare con il Comandante di Reparto o con un Ispettore di sorveglianza e, per farlo, ha aggredito l’Agente di servizio dicendo: “Ora vediamo se non mi riceve”. L’uomo ha ferito…
Ferrara, 4 ottobre 2018 – Ha afferrato per il collo il medico e gli ha puntato una lametta alla gola. Il tutto per ottenere il trasferimento in un altro penitenziario. Sono stati attimi di tensione quelli vissuti all’ora di pranzo di ieri nel carcere di via Arginone. Protagonista della vicenda è un detenuto italiano di 48 anni, tossicodipendente. L’uomo era andato a prendere il metadone in infermeria e, in quel frangente, ha dato in escandescenza. Ha dapprima spintonato l’agente in servizio nella stanza e poi ha sequestrato per circa trenta minuti il medico di guardia del carcere, una donna, tenendola per un braccio e puntandole una lametta alla gola. Solo…
Continuano le aggressioni al personale di Polizia Penitenziaria al carcere del capoluogo giuliano. Ieri sera – 2 ottobre – verso le 21 un detenuto quarantaseienne di nazionalità bosniaca, pluripregiudicato, in custodia cautelare per rapina, ha dato fuoco alla sua cella. Non sarebbe la prima volta. A dare la notizia è il segretario regionale per il Friuli Venezia Giulia del Sappe (Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria) Giovanni Altomare: «L’energumeno, a tarda sera, ha pensato di dare fuoco alla propria cella che già nei giorni precedenti si dilettava a distruggere lavabi, wc, suppellettili».  Per spegnere l’incendio »si è dovuto fare uso dell’idrante ed evacuare…
Il migrante soffrirebbe di problemi di natura psichica. Gli agenti, dopo l’aggressione, ne avranno per qualche giorno Un nuovo caso di aggressione ai nostri agenti di polizia penitenziaria, l’ennesimo, che fa salire ulteriormente il preoccupante numero di episodi che sempre più spesso si verificano all’interno delle carceri nostrane. Stavolta è toccato alla città di Ferrara, dove un detenuto nigeriano ha aggredito 5 agenti di polizia penitenziaria, i quali durante le fasi della colluttazione hanno riportato delle contusioni e delle ferite guaribili in qualche giorno. Secondo Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe (sindacato che si occupa di tutelare i poliziotti a stretto contatto quotidiano coi detenuti), il migrante…
Ancora violenza nel carcere Pagliarelli: un agente di polizia penitenziaria, ieri, è stato colpito in testa con un secchio da un detenuto. A dare la notizia è Lillo Navarra, segretario nazionale per la Sicilia del sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe: “Il detenuto, a marzo era stato assegnato al reparto di minorati psichiatrici a Barcellona ma non è stato ancora trasferito. L’episodio è grave e all’agente di polizia penitenziaria va la vicinanza e solidarietà del Sappe”. Fu sempre Navarra quattro mesi fa a denunciare un’altra aggressione sempre al Pagliarelli ai danni di tre agenti. Solo 17 giorni prima all’Ucciardone c’era stato un…
Il Sappe: «Queste continue aggressioni sono inaccettabili» VIBO VALENTIA – Il clima di tensione e le difficoltà gestionali all’interno delle carceri italiane non accenna a rientrare. Il sindacato della Polizia Penitenziaria Sappe, infatti, denuncia l’ennesima aggressione al personale di polizia penitenziaria avvenuta da parte di un detenuto. «Questa volta – denunciano Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale – si è verificata nel carcere di Vibo Valentia, in Calabria dove un detenuto di origine marocchina, già trasferito da altri istituti per i suoi comportamenti violenti, ha aggredito tre agenti di polizia penitenziaria». Secondo quanto chiarito…
Mentre il Sappe continua incessantemente a denunciare un evidente, quanto preoccupante, aumento della prepotenza, dell’arroganza e dell’insofferenza dei detenuti al rispetto delle norme che regolano la vita all’interno delle carceri due giorni fa, nel carcere di Foggia, altri agenti inermi e senza alcuna difesa hanno subito un’aggressione da un detenuto riportando contusioni con prognosi varie. In pratica, l’altro ieri mattina intorno alle ore 9.30 circa, un ristretto di origine ivoriana di 25 anni, detenuto in carcere poiché “sex offender” (parola elegante e politicamente corretta per dire che è un violentatore), mentre veniva fatto uscire  dalla sua stanza   dopo aver insozzato…
il direttore dell’istituto era a San Vittore per firmare un protocollo con il ministro Bonafede sul reinserimento dei detenuti nel mondo del lavoro. Il sindacato Sappe: “Fino a quando dobbiamo sopportare?” Nove agenti contusi, uno con una mano rotta e un materasso dato alle fiamme è il bilancio di una violenta protesta nel carcere di Busto Arsizio (Varese), seguita a una lite tra due detenuti. La notizia arriva dal segretario regionale del sindacato Sappe, Alfonso Greco. A quanto si è appreso, quando gli agenti della polizia penitenziaria sono intervenuti per bloccare l’alterco tra i due, circa una quindicina di altri…
WhatsApp Ricevi news su WhatsApp