<

Categoria: arresti

Ha palpeggiato una ragazza di venti anni nelle parti intime ed è stato bloccato da un agente di polizia penitenziaria che ha assistito alla scena. L’episodio è accaduto a bordo di un pullman dell’Air proveniente da Ariano Irpino e diretto ad Avellino. L’uomo di cinquanta anni è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Avellino intervenuti in seguito alla segnalazione dell’agente penitenziario. Sono in corso ulteriori indagini da parte dei militari dell’Arma coordinate dalla Procura della Repubblica di Avellino. Il cinquantenne al momento si trova recluso presso il carcere di Bellizzi Irpino. I fatti sono accaduti quando il bus era…

Torna alla Home

Paura per una famiglia di abusivi. Avvisato dai vicini, il proprietario ha lasciato la struttura sanitaria dov’era ricoverato ed ha raggiunto la propria abitazione armato di pistola: è stato denunciato insieme agli occupanti Momenti di tensione in una palazzina di Villaseta, una frazione di Agrigento, dove una famiglia della zona ha occupato abusivamente uno stabile, ritrovandosi poi a dover fronteggiare la furia del legittimo proprietario. Soltanto il pronto intervento delle forze dell’ordine ha impedito che avvenisse una tragedia. Tutto è cominciato dalla telefonata di una dei componenti della sopra citata famiglia. La donna ha contattato le autorità locali per comunicare che lei ed i suoi congiunti…

Torna alla Home

Germana Stefanini prestava servizio in qualità di vigilatrice penitenziaria presso la casa circondariale Femminile di Roma Rebibbia. Il 28 gennaio 1983 veniva sequestrata da una cellula romana delle Brigate Rosse, inizialmente denominatasi “Nucleo per il Potere Proletario Armato”. Condotta in un appartamento romano, Germana fu sottoposta a un “processo” per estorcerle informazioni sull’organizzazione del carcere. Il “processo” si concluse con la sentenza di condanna a morte, eseguita con un colpo di pistola alla nuca. Il corpo di Germana Stefanini fu rinvenuto il successivo 31 gennaio nel cofano di un’autovettura. Il 12 settembre 2007 Germana Stefanini è stata insignita di Medaglia d’Oro…

Torna alla Home

Stazione Termini: 30enne evaso dal carcere di Avellino arrestato dalla polizia Lo hanno inseguito sui binari della stazione Termini. Ad essere fermato ed arrestato dalla polizia un 30enne, poi risultato evaso dal carcere di Avellino. È accaduto nel pomeriggio di martedì 22 gennaio quando l’attenzione dei poliziotti in servizio allo scalo ferroviario dell’Esquilino è stata richiamata da un giovane che si aggirava con fare sospetto lungo  i binari della stazione. Era ben curato ma senza bagagli e sembrava non avere una direzione precisa verso la quale orientarsi. Alla vista della pattuglia della Polfer, l’uomo è scappato via correndo in direzione opposta: i poliziotti lo hanno…

Torna alla Home

Il Nucleo Traduzioni e Piantonamenti della Casa Circondariale di Messina  ha ricevuto il 6 dicembre, presso l’aula magna dell’Università degli Studi di Messina, il Premio Speciale “Orione 2018” per il pregevole operato degli appartenenti in occasione della cattura di due detenuti evasi dalla Casa Circondariale di Barcellona P.G. in data 13 Luglio. Si legge nella motivazione che sprezzanti del pericolo e con grande prontezza ed intuito, grazie alla conoscenza dei luoghi e della personalità dei due evasi, per un verso presidiavano l’abitazione di un congiunto del detenutogiungendo alla cattura di quest’ultimo. Un ulteriore contingente grazie alla conoscenza del territorio ed…

Torna alla Home

Ha tentato di molestare una giovane nelle vicinanze di San Vittore ma gli è andata male: è stato immediatamente fermato dalla polizia penitenziaria. E’ successo giovedì 15 novembre intorno alle nove di sera. La giovane, a sua volta poliziotta penitenziaria in quel momento fuori servizio, era all’esterno del carcere vicino a un tabaccaio chiuso, quando l’uomo l’ha aggredita cercando di molestarla. La poliziotta non s’è persa d’animo e ha richiamato l’attenzione di tre colleghi – anch’essi fuori servizio – che sono accorsi in suo aiuto bloccando l’uomo dopo una breve colluttazione. E’ stato così sventato un tentativo di violenza sessuale. La…

Torna alla Home

Via Ferrarese: perde la testa sul bus e minaccia gli agenti Era visibilmente ubriaco il cittadino tunisino 29enne che ieri sera alle 19 è salito sull’autobus numero 25 in via Ferrarese. Ha iniziato a molestare una signora che ha subito cambiato posto, ma sul mezzo erano saliti anche alcuni agenti di Polizia Penitenziaria in abiti civili che non l’hanno perso di vista. Al culmine dello show, il 29enne, che ha alle spalle precedenti per maltrattamenti e per uso di droghe, li ha minacciati con una bottiglia di birra, così è stata chiamata la Polizia. Non è stato facile riportarlo alla…

Torna alla Home

Era solito occultare ingenti quantitativi di hashish al di sotto di una galleria ferroviaria della tratta Benevento-Napoli, nei pressi della stazione “Libertà” del capoluogo sannita, l’uomo arrestato nella tarda serata di ieri dagli uomini della Squadra Mobile.Gli agenti, dopo estenuanti servizi continuativi di appostamento effettuati all’interno del tunnel, in completa oscurità e muniti solo di un visore notturno, lo hanno sorpreso proprio mentre si accingeva a nascondere ben 12 panetti in alcune fessure presenti lungo le pareti. In seguito nell’abitazione dell’uomo, all’interno della sua cassetta postale, della cantina a lui in uso e di un sottoscala, con l’ausilio di un’unità…

Torna alla Home

Un’anziana se l’è vista brutta, pochi giorni fa, in via Dante, ad Alessandria: un uomo e una donna l’hanno affrontata, chiusa all’angolo e minacciata per farsi dare ciò che aveva nella borsa. La pensionata ha provato a balbettare che non aveva nulla, che la lasciassero in pace, che non le facessero del male, ma la coppia, con arrogante baldanza accesa dall’alcol e brandendo una bottiglia e un bastone come armi, era intenzionata a non desistere. Mancava poco alle 19, non era ancora buio, ma c’era poca gente per strada. La signora era spaventata dalle parole e dai gesti dei balordi, che…

Torna alla Home

Gennaro De Angelis, Agente di Custodia. Nato a Cesa (CE) il 26 ottobre 1945, in servizio presso la Casa circondariale di Napoli Poggioreale “G. Salvia”, dove era addetto al sopravitto, viene ucciso il 15 ottobre 1982 mentre si trovava in un circolo ricreativo nelle vicinanze della propria abitazione. Si arruola nell’ex Corpo Agenti di Custodia all’età di 21 anni ed è assegnato alla Casa Circondariale di Pisa, dove presta servizio per quattro anni. Viene poi trasferito, su sua richiesta, alla Casa Circondariale di Poggioreale, dove svolge, tra gli altri compiti d’istituto, anche quello della ricezione dei pacchi dei detenuti. La sera del 15…

Torna alla Home

Denunciato un uomo di 31 anni. Insieme a lui c’era un 38enne ferito da un colpo di pistola“ Ha costretto il conducente a fermare il bus al centro della strada. Poi, visibilmente fuori di sé, ha iniziato a prendere a calci, pugni e sputi il vetro del mezzo. Quindi, ha continuato a minacciare il dipendente Atm anche davanti agli agenti della polizia penitenziaria e ai carabinieri, che alla fine lo hanno bloccato. Serata di paura quella di mercoledì in via San Vigilio, teatro dello “spettacolo” di un uomo di trentuno anni di nazionalità marocchina, irregolare e con piccoli precedenti per droga. Il…

Torna alla Home

Un ladro è stato bloccato mentre rubava in un’auto parcheggiata alla stazione dopo aver infranto il finestrino. La zona è martoriata da furti di ogni genere Aveva appena infranto il finestrino di un’auto in sosta nel parcheggio della stazione per rubare all’interno del veicolo. Nonostante fosse appena l’alba, la scena non è però sfuggita ad una coppia di agenti della Polizia Penitenziaria, liberi dal servizio, che hanno bloccato il ladro e lo hanno consegnato al personale di una volante. E’ andata male al topo d’auto che all’alba di martedì 18 settembre, intorno alla 6,30, ha tentato un furto nel parcheggio della stazione di…

Torna alla Home

Blitz antidroga della Squadra Mobile nella zona del Triggio a Benvento, con l’ausilio di unità cinofile della Polizia Penitenziaria. A farne le spese un uomo con piccoli precedenti, di professione parcheggiatore abusivo. In casa il 44enne beneventano deteneva circa 250 grammi di hashish, dei quali 200 confezionati in grosse stecche ed i restanti già frazionati e pronti per la vendita. Gli uomini della Squadra Mobile hanno poi rinvenuto nell’abitazione un bilancino di precisione ed oltre 200 euro in banconote di vario taglio accanto alla sostanza, frutto della vendita dello stupefacente. Leggi anche: Portano in carcere la droga, ma non fanno i…

Torna alla Home

Agente di polizia penitenziaria e, nello stesso tempo, spacciatore di droga proprio all’interno del carcere. A smascherarlo sono stati i colleghi che, dopo una serie di indagini, lo hanno sorpreso mentre consegnava a un detenuto dell’hashish (la quantità è risultata essere pari a 10 grammi) nascosto in un pacchetto di sigarette. E’ successo a Torino nel carcere delle Vallette. Il presunto pusher, un assistente capo della polizia penitenziaria, è stato denunciato. leggi anche Lodi, traffico di droga in carcere: diciannove arresti, complice un agente della polizia penitenziaria Fonte: giornalelavoce.it

Torna alla Home

L’avvocato di Alice Sebesta  parla dei colloqui avvenuti con la detenuta: “Era in discussione la sua scarcerazione che sarebbe avvenuta proprio grazie ai figli. Il Ministro Bonafede si esprime sulla sospensione dei Vertici dell’istituto di Rebibbia Adesso i miei figli sono liberi, gli ho dato la libertà. Ora sono in Paradiso”. Con una lucida follia Alice Sebesta ha raccontato al suo avvocato difensore quanto compiuto nel reparto nido del carcere di Roma Rebibbia alle 12 di quel maledetto 18 settembre. Lì la 33enne georgiana nata in Germania, ha ucciso, sul colpo, la figlia più piccola, Faith nata a Monaco di Baviera il 7 marzo scorso. Il fratellino Divine,…

Torna alla Home

Ruba ai clienti in pizzeria, poi scappa: poliziotto penitenziario palermitano fuori servizio lo insegue e lo blocca E’ successo a Milano. Il protagonista della vicenda è Francesco Galluzzo, assistente capo della polizia penitenziaria: “Il mio intervento è stato dettato soltanto dal senso di responsabilità che caratterizza il Corpo cui appartengo”“ Il mio intervento è stato dettato soltanto dal senso di responsabilità che caratterizza il Corpo cui appartengo”. A parlare è Francesco Galluzzo, palermitano, assistente capo della polizia penitenziaria. Ieri sera, Galluzzo, mentre era fuori servizio ha sventato un furto in una pizzeria a Milano e ha consentito l’arresto del responsabile. E’ il ministero…

Torna alla Home

La polizia ha immobilizzato con il dispositivo a dardi un 45enne senegalese, durante una lite domestica. Salvini: «Va esteso a polizia locale, ferroviaria e penitenziaria» Primo utilizzo della pistola taser in Italia da parte della polizia: è successo lunedì sera a Reggio Emilia, quando gli agenti sono intervenuti per sedare una lite domestica. Aggrediti da un senegalese 45enne, con regolare permesso di soggiorno, sono stati costretti a utilizzare lo strumento esplodendo i dardi: l’uomo non ha subito alcuna lesione, è stato immobilizzato con l’elettroshock e arrestato. Il primo intervento in assoluto spetta però ai carabinieri, precisa il Viminale, e risale allo scorso…

Torna alla Home

Cinque detenuti avevano avviato un proficuo giro di spaccio, dentro e fuori dalla casa circondariale, versando mazzette ai due pubblici ufficiali. L’indagine è partita da un biglietto con istruzioni «in codice» alla madre di un carcerato Telefoni cellulari, droga, sim card nelle celle del carcere di Lodi. Tutta merce «ordinata» da cinque detenuti e introdotta nella casa circondariale grazie alla compiacenza di una guardia carceraria e di un’infermiera della struttura penitenziaria. I due, in cambio dei favori, prendevano mazzette attraverso intermediari amici o parenti dei detenuti. Traffico di stupefacenti e corruzione sono al centro di un’operazione della squadra mobile della…

Torna alla Home

E’ stato catturato il detenuto tunisino di 33 anni, Haji Moez, evaso la scorsa notte, dal pronto soccorso di Sanremo, dov’era ricoverato da venerdì scorso per aver ingerito degli oggetti – pile e lamette – forse proprio allo scopo di essere portato in ospedale e tentare la fuga. La dinamica dell’accaduto è ancora in fase di ricostruzione. L’uomo, con precedenti per droga e fine pena 2023, si trovava in una stanzetta del primo piano. Soggetto considerato particolarmente violento, doveva essere al più presto sottoposto a intervento chirurgico per la rimozione dei corpi estranei, ma pare che opponesse resistenza. Gli agenti…

Torna alla Home

E’ stato catturato a Carloforte, in Sardegna, Giuliano Bulgarelli che era evaso il 7 settembre scorso dal carcere di Isili. L’arresto, avvenuto nei pressi di una discoteca alle 11.30 di oggi dopo serrate attivita’ di polizia giudiziaria, si deve a un’operazione del Nucleo investigativo centrale (Nic) di Roma della polizia penitenziaria con il supporto del nucleo regionale di Cagliari e la collaborazione dei carabinieri di Sant’Antioco. L’uomo, che aveva con se’ 900 euro per la fuga dall’isola, sta per essere trasferito nel carcere di Cagliari a disposizione della procura. Nato a Bologna il 7 agosto 1949, Bulgarelli e’ stato condannato per…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp