<

Categoria: carceri italia

Ancora droga e telefonini in possesso di detenuti nelle carceri campane. La denuncia è del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, che segnala gli ultimi eventi accaduti nelle carceri della regione. Emilio Fattorello, segretario campano del SAPPE, denuncia: “Ieri pomeriggio sono stati rinvenuti, come qualche giorno addietro, micro telefonini e sostanza stupefacente tipo hashish. Questa volta i detenuti del Reparto S 4 accortisi dell’arrivo del personale e dei Cinofili della Polizia Penitenziaria per una improvvisa perquisizione, hanno pensato bene, di lanciare dalle finestre delle celle alcuni cellulari e dosi di sostanza stupefacente, illegalmente detenuti ed in loro possesso. Si può affermare che piovessero dal…
Una donna aversana, 50 enne, è stata arrestata giovedì scorso, con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.  Ida S. in occasione della visita al compagno convivente, Pasquale F. presso la struttura detentiva  è stata trovata nel possesso di sostanze stupefacenti. Sono stati i cani antidroga a far cadere su di lei i sospetti e in seguito ad ulteriori controlli, gli agenti della polizia penitenziaria hanno rinvenuto 2,9 grammi di hashish all’interno degli slip che la donna indossava.  A quel punto, è stato vano il tentativo della donna  di “disfarsi” dello stupefacente mangiandolo, essendo stata bloccata dalla penitenziaria. In seguito alla perquisizione, sempre…
Il tafferuglio è scoppiato durante il consueto spettacolo settimanale. Secondo il sindacato di polizia, un uomo è rimasto ferito ed è stato ricoverato in ospedale Dopo la rivolta del carcere di Sanremo, un altro grave episodio si è registrato negli istituti liguri: una violenta rissa è divampata tra detenuti albanesi e nord africani all’interno del teatro del carcere di Marassi. Il tafferuglio è scoppiato durante la consueta rappresentazione teatrale. Leggi anche: Chi smentisce le aggressioni ai poliziotti penitenziari o dice bugie o non sa niente di quello che succede in carcere Secondo il sindacato di polizia, nella rissa un detenuto è rimasto ferito ed…
Gennaro De Angelis, Agente di Custodia. Nato a Cesa (CE) il 26 ottobre 1945, in servizio presso la Casa circondariale di Napoli Poggioreale “G. Salvia”, dove era addetto al sopravitto, viene ucciso il 15 ottobre 1982 mentre si trovava in un circolo ricreativo nelle vicinanze della propria abitazione. Si arruola nell’ex Corpo Agenti di Custodia all’età di 21 anni ed è assegnato alla Casa Circondariale di Pisa, dove presta servizio per quattro anni. Viene poi trasferito, su sua richiesta, alla Casa Circondariale di Poggioreale, dove svolge, tra gli altri compiti d’istituto, anche quello della ricezione dei pacchi dei detenuti. La sera del 15…
Dieci giorni di prognosi ai due agenti aggrediti Roma, 14 ott. (askanews) – “Saranno prontamente trasferiti in istituti penitenziari di altre regioni e per alcuni di loro scatterà il regime di sorveglianza particolare previsto dall’articolo 14 bis dell’Ordinamento penitenziario, i 13 detenuti che si sono resi protagonisti la notte scorsa nella casa circondariale di Sanremo dei danneggiamenti e del lancio di bombolette di olio che hanno incendiato alcuni degli arredi”: è quanto ha disposto il Capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini, subito informato dei fatti dal direttore dell’istituto ligure. Potrebbe interessarti: Nuove disposizioni sui trasferimenti dei detenuti per motivi…
A darne notizia è il Sappe, il sindacato della polizia penitenziaria.Calma all’alba grazie a Penitenziaria dopo lunga trattativa. Due agenti feriti. Appello al ministro Bonafede. La struttura può ospitare 190 detenuti, ce ne sono 270 Rivolta la scorsa notte nel carcere di Sanremo. I detenuti della prima sezione, una quindicina, intorno alle 2 hanno iniziato a lanciare tv, mobili e suppellettili e le bombolette a gas accese nel cortile interno. Ne dà notizia il Sappe, sindacato di polizia penitenziaria. La protesta è iniziata intorno alle 21, in modo pacifico, per poi riprendere in piena notte. Gli agenti hanno riportato alla calma…
Droga e micro telefonini venivano introdotti nel carcere di Trapani, un detenuto è stato arrestato, adesso è caccia ai complici che dall’esterno hanno introdotto nella casa circondariale sostanza stupefacente e cellulari. La scoperta è stata fatta dalla Polizia penitenziaria. Gli agenti del comandante Giuseppe Romano hanno eseguito controlli e perquisizioni nelle celle, e alla fine il sostituto procuratore Giulia Mucaria ha disposto il fermo per un insospettabile detenuto, Orazio Giuffrida, originario di Acireale, 54 anni, in carcere per rapina detenzione di armi e sequestro di persona. Il pm ha chiesto al gip una ordinanza di custodia cautelare . Il detenuto…
Il carcerato di origine etiope è stata trasportato in ospedale con l’elisoccorso. I sette agenti subito ricoverati in infermeria Un detenuto etiope si è dato fuoco nel pomeriggio di lunedì nel carcere dei Piccolini di Vigevano. Al momento non sono note le motivazioni che hanno portato l’uomo ad appiccare l’incendio nella sua cella. Sul posto sono subito intervenuti gli uomini della polizia penitenziaria di Vigevano che hanno cercato di spegnere le fiamme. Il detenuto si è salvato in extremis, ma i sette agenti di polizia penitenziaria che sono intervenuti per portargli i primi soccorsi hanno rimediato un’intossicazione e sono stati…
Gravi disagi a seguito del violento nubifragio di ieri sono stati registrati anche al carcere di Uta. “In poco tempo – spiega Luca Fais, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonomo della Polizia penitenziaria – l’intera zona del carcere di Cagliari Uta è stata sommersa da oltre un metro d’acqua, con il serio rischio di una possibile evacuazione della struttura. L’acqua entrava dappertutto e anche il personale di Polizia penitenziaria ha collaborato con l’utilizzo dei secchi fino al ripristino delle condizioni di sicurezza”. “Per alcune ore – aggiunge – anche la strada di accesso al carcere era di fatto impraticabile…
Nuovo appello del Sappe: «Non lasciateci soli, altrimenti è impossibile andare avanti». Droga e cellulari in carcere ad Ariano Irpino (Avellino). All’alba di questa mattina gli agenti di polizia penitenziaria, durante una ispezione, hanno rinvenuto tre micro-cellulari funzionanti e di circa 50 grammi di hashish. I telefonini e le Sim erano nascosti uno nel cestino dei rifiuti di una sala dove si incontrano i detenuti, un altro addosso a un carcerato e l’altro all’interno di una cella. Decisivo, durante il controllo, il supporto del che, grazie al fiuto del cane “King “, ha permesso di scoprire piccole dosi di sostanza stupefacente,…
“Secondino muori”. Questa è solo una delle scritte ingiuriose contro la Polizia Penitenziaria e le forze dell’ordine comparse ieri notte nei pressi del carcere Villa Andreini della Spezia. Venti persone sono state identificate dai Carabinieri dalla Polizia e l’ipotesi di reato, al momento, è di manifestazione non autorizzata. Le forze dell’ordine sono al lavoro da ieri notte quando sono arrivate le segnalazioni per un folto gruppo di persone, provenienti da tutta Italia, che armate di bombolette spray hanno scritto e imbrattato tutta l’area circostante alla piazza intitolata ai giudici Falcone e Borsellino. Stando a quanto si apprende, nel corso della…
Poliziotti e due medici indagati per truffa e falso Certificati falsi sarebbero stati emessi da un medico, 65enne di Città di Castello – in servizio alla guardia medica e incaricato dell’assistenza dei detenuti del carcere di Capanne – per almeno 4 agenti di polizia penitenziaria che si sarebbero assentati dal lavoro in virtù delle fasulle prescrizioni che attestavano, peraltro, la «causa di servizio riconosciuta» e quindi non dovevano nemmeno sottostare alle visite fiscali, altrimenti previste. E’ quanto ha scoperto l’indagine svolta dallo stesso Reparto di polizia dell’amministrazione penitenziaria dopo un accertamento interno sollecitato dal direttore del penitenziario perugino. Potrebbe interessarti:…
Il sottosegretario alla Giustizia della Lega, Jacopo Morrone, ha fatto visita alla Casa circondariale di Terni e al ‘Nuovo complesso penitenziario Capanne’ di Perugia. Morrone, accompagnato dai parlamentari leghisti Riccardo Augusto Marchetti e Virginio Caparvi, ha visitato le strutture carcerarie, intrattenendosi per uno scambio di riflessioni con il personale che opera al loro interno. Importante e significativa la partecipazione degli agenti di Polizia Penitenziaria che hanno espresso al sottosegretario, oltre ai ringraziamenti per l’interesse dimostrato nei loro confronti, alcune annose problematiche relative allo svolgimento del lavoro e al mantenimento dei canoni di sicurezza all’interno delle carceri. “Stiamo già lavorando in…
il sottosegretario della Giustizia Jacopo Morrone pubblica un post sulla visita degli istituti umbri: “Proseguono le visite programmate nelle carceri italiane, oggi due appuntamenti importanti in Umbria: – “Casa Circondariale” di Terni dove ho particolarmente apprezzato la sala operativa e la tecnologia dei nuovi sistemi di sicurezza. – Nuovo complesso penitenziario ‘Capanne’ a Perugia dove durante il confronto abbiamo riflettuto sulla possibilità di insediare una unità cinofila. Ringrazio tutto il personale presente e anche tutti i rappresentanti sindacali, solo uniti e compatti potremo abbattere i pregiudizi e migliorare insieme le condizioni di chi lavora nell’ambiente carcerario. Grazie alle autorità presenti…
Il virus dell’epatite C è il più diffuso: dai 25 ai 30mila detenuti, uno su tre, dovrebbero essere trattati con i nuovi farmaci altamente attivi contro il virus Hcv Ogni anno nei 190 istituti penitenziari italiani transitano circa 100mila detenuti. Circa il 70% di loro ha una malattia cronica (o anche più di una), ma poco meno della metà ne è consapevole. I dati ufficiali del Ministero della Giustizia indicano che oltre il 50% dei soggetti ha meno di quarant’anni e che un detenuto su tre è straniero. E le carceri si confermano un concentrato di malattie infettive, psichiatriche, metaboliche,…
In ritardo di circa un anno sulla tabella di marcia, dovrebbe essere operativa a partire da dicembre ad Empoli una nuova Rems. Si tratta di una ‘Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza’, una cioè di quelle strutture destinate, dopo la chiusura degli Opg (quello di Montelupo ha chiuso i battenti nel febbraio 2017), ai detenuti con problemi psichiatrici. La piccola struttura sorgerà nell’ex carcere femminile della città. Ad annunciarlo è Franco Corleone, garante dei detenuti della Toscana, dopo il sopralluogo di martedì 2 ottobre. “I lavori del primo lotto, iniziati a maggio 2018, sono stati più onerosi del previsto a causa della situazione di degrado…
A fronte dell’indifferenza dell’amministrazione penitenziaria, sono mesi che denunciamo che gli istituti penitenziari della Puglia sono stracolmi, con un sovraffollamento al 165% e il più basso rapporto poliziotti/detenuti della nazione. Nonostante questa drammatica situazione, che mette seriamente a rischio la sicurezza delle carceri pugliesi,  i vertici del DAP – a partire dal dirigente  generale Pietro BUFFA – continuano a schernirsi e fare spallucce alle richieste di aiuto che giungono dalla nostra regione. E purtroppo,   anche l’elezione di un dirigente penitenziario  a Senatore della Repubblica  non è stata molto proficua,  perchè invece di intervenire in maniera positiva  sulla situazione penitenziaria pugliese…
Questa mattina, nel carcere di Turi, il sindaco di Bari Antonio Decaro è intervenuto alla cerimonia, promossa dal movimento Diritti civili di Puglia e dal comitato Un busto per Pertini, per lo scoprimento di una scultura raffigurante Sandro Petrini a quarant’anni dalla sua elezione a Presidente della Repubblica. “Questo è un luogo simbolo – ha dichiarato Decaro -, e sono tanti nella terra di Bari, che ci ricordano l’impegno, il sacrificio e, a volte, il martirio dei socialisti che si sono battuti contro il fascismo, per la libertà e i diritti dei lavoratori, per la difesa degli ultimi. Questo edificio è un…
Ho letto, nelle scorse settimane, il resoconto di una intervista di Giulia Merlo, giornalista de Il Dubbio. Mi hanno colpito molto i toni apocalittici usati dall’intervistato, che sentenzia: «Gli italiani sono razzisti ma, proprio come i razzisti che incontrai nel ‘ 38, nessuno vuole ammettere di esserlo». Sono sobbalzato sulla sedia. Razzisti? Gli italiani? Come nel 1938, anno di promulgazione delle leggi razziali? Ma ecco alcune altre “perle” dell’intervistato. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha negato che esista un’emergenza razzismo. Secondo lei, invece, i singoli fatti vanno letti come parte di un fenomeno? Le notizie non si devono mai…
Si trattava di circa 230 grammi di hashish, veniva immediatamente informata la Procura della Repubblica di Benevento di Benevento il quale disponeva l’arresto della donna Una iniziativa che non è certo passata inosservata. Ieri nel settore Colloqui c’è stata una grande operazione antidroga che ha consentito ai poliziotti penitenziari di scoprire un astuto raggiro. Sono stati scoperti dal personale di Polizia Penitenziaria addetto al controllo dei pacchi dei familiari in entrata 14 pezzi abilmente occultati all’interno dei pezzi di carne al sugo. Secondo quanto ricostruito la mamma avrebbe voluto far avere al figlio detenuto, un 40 enne della provincia di…
WhatsApp Ricevi news su WhatsApp