Categoria: Cucchi

<< Lo sa che nessuno dei miei vertici mi ha mai fatto una telefonata? Noi siamo stati abbandonati a noi stessi completamente, mentre l’Arma cercava, in modo corporativo, di nascondere le proprie responsabilità. E anche ora che la buriana è passata, solo silenzio dal mio Ministero. Dopo l’assoluzione di primo grado, chiesi di poter incontrare il Ministro Severino. Lo domandai anche dopo che il Guardasigilli successivo, Cancellieri, espresse solidarietà alla famiglia Cucchi. Non ultimo, il 22 ottobre 2018, ho inviato una richiesta formale al Ministro Bonafede. Ma ancora aspetto. Io non vorrei nulla. Solo una stretta di mano.>> Questo il…

Torna alla Home

“Seguiamo con attenzione gli sviluppi giudiziari dell’inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi. Lo avevamo già detto e ribadito che ci sembrava del tutto evidente che in molti avevano tratto giudizi affrettati, senza validi elementi, e quindi più di qualcuno avrebbero dovuto chiedere scusa per le false accuse formulate al Corpo di Polizia Penitenziaria, linciato mediaticamente ed anche politicamente senza alcuna prova… In questo contesto, ci sembrano importanti le parole dette oggi dal carabiniere Francesco Tedesco, imputato insieme Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro con l’accusa di omicidio preterintenzionale nel processo bis che si svolge a Roma”. Lo dichiara Donato Capece,…

Torna alla Home

La testimonianza in aula di Nicola Minichini Io mi sono trovato da innocente in una cupola, in una rete senza via di uscita che è stata architettata nei nostri confronti. Io non riesco ancora a capire come sia stato possibile”. Si è sfogato così Nicola Minichini uno dei tre agenti della Polizia Penitenziaria imputati e poi assolti nel primo processo per la morte di Stefano Cucchi. Minichini, nei cui confronti le accuse sono cadute in tutti e tre i gradi di giudizio e “per non aver commesso il fatto”, parla in Corte di Assise nell’ambito del processo bis per la…

Torna alla Home

Si è aperta alla Corte di assise di Roma, con un nuovo e ultimo deposito, l’udienza del processo per la morte di Stefano Cucchi che vede imputati cinque carabinieri nell’ambito del nuovo filone di inchiesta sui falsi e sui depistaggi legati alle condizioni di salute del 32enne geometra arrestato la notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009 per droga e deceduto sei giorni dopo all’ospedale Sandro Pertini. Ma soprattutto è la giornata in cui verrà sentito come teste Vittorio Tomasone, all’epoca dei fatti comandante provinciale di Roma. In apertura di udienza il pm Giovanni Musarò prende la parola.…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp