Categoria: diritto

Tra i delitti che il pubblico ufficiale può commettere contro la Pubblica Amministrazione figura, inserito nel libro secondo (rubricato “Dei delitti in particolare”), titolo II (rubricato “Dei delitti contro la pubblica amministrazione”), capo I (rubricato “Dei delitti dei Pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione”), l’art. 328 c.p. che statuisce “Il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. Fuori dei…

Torna alla Home

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc. amm.; sul ricorso numero di registro generale 15140 del 2018, proposto da -OMISSIS-, rappresentato e difeso dagli avvocati Gregorio Arena, Paolo Pascazi, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia; contro Ministero della Giustizia non costituito in giudizio; per l’annullamento – della nota recante data 04.10.2018 emessa dal Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, n. prot. GDAP 1196, per l’interpretazione contra legem dell’art. 8 del D.P.R. 15 marzo 2018 n.39…

Torna alla Home

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 10490 del 2017, proposto da  Valentina Canestrari, rappresentata e difesa dagli avvocati Teresa Calbi ed Elisabetta Musso, con domicilio eletto presso lo studio dell’avv. Teresa Calbi in Civitavecchia, via Salvatore di Giacomo 12; contro Ministero della Giustizia, in persona del ministro pro tempore, rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato, domiciliato in Roma, via dei Portoghesi, 12; per l’annullamento del Decreto del 09/08/17 del Ministero della Giustizia Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Direzione Generale…

Torna alla Home

Il reato di abuso d’ufficio, compreso tra i delitti perpetrati contro la pubblica amministrazione, è integrato dall’art. 323 c.p. che recita “Salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico sevizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto è punito con la reclusione da…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp