<

Categoria: diritto

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc. amm.; sul ricorso numero di registro generale 15140 del 2018, proposto da -OMISSIS-, rappresentato e difeso dagli avvocati Gregorio Arena, Paolo Pascazi, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia; contro Ministero della Giustizia non costituito in giudizio; per l’annullamento – della nota recante data 04.10.2018 emessa dal Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, n. prot. GDAP 1196, per l’interpretazione contra legem dell’art. 8 del D.P.R. 15 marzo 2018 n.39…

Torna alla Home

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 10490 del 2017, proposto da  Valentina Canestrari, rappresentata e difesa dagli avvocati Teresa Calbi ed Elisabetta Musso, con domicilio eletto presso lo studio dell’avv. Teresa Calbi in Civitavecchia, via Salvatore di Giacomo 12; contro Ministero della Giustizia, in persona del ministro pro tempore, rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato, domiciliato in Roma, via dei Portoghesi, 12; per l’annullamento del Decreto del 09/08/17 del Ministero della Giustizia Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Direzione Generale…

Torna alla Home

Il reato di abuso d’ufficio, compreso tra i delitti perpetrati contro la pubblica amministrazione, è integrato dall’art. 323 c.p. che recita “Salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico sevizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto è punito con la reclusione da…

Torna alla Home

Nella categoria dei delitti contro la Pubblica Amministrazione, la corruzione (artt. 318 e ss. codice penale) è un reato plurisoggettivo e, più precisamente, bilaterale a concorso necessario: del reato di corruzione rispondono tanto il corrotto (pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, quest’ultimo per effetto della norma estensiva di cui all’art. 320 c.p.: trattasi, dunque, di reato proprio) che il corruttore (privato cittadino – art. 321 c.p.). Specificatamente la corruzione si verifica nel momento in cui un privato e un pubblico funzionario si accordano affinché il primo corrisponda al secondo un compenso (non dovuto!) per un atto in vario modo…

Torna alla Home

La concussione è un tipico reato proprio, in quanto può essere commesso esclusivamente da un pubblico ufficiale o incaricato di un pubblico servizio, cioè si parla di un esercente di una pubblica funzione. La fattispecie delittuosa può descriversi come una estorsione qualificata dalla natura del colpevole. Non è necessario che l’azione compiuta dal soggetto attivo del reato sia legittima o illegittima, lecita o illecita, potendo il requisito essere integrato anche attraverso la prospettazione del compimento di un atto doveroso, connotandosi questo di illegittimità quando sia impiegato come mezzo per conseguire fini illeciti (Cass. pen., Sez. VI, 12 luglio 2001, n.…

Torna alla Home

Nessuna “compromissione” di diritti: la videosorveglianza nella cella del boss Giuseppe Madonia e’ una misura legittima. La Cassazione ha annullato senza rinvio la decisione del tribunale di sorveglianza di Bologna di accogliere il reclamo del detenuto, sottoposto al 41 bis, secondo il quale i suoi diritti erano stati “lesi” dai controlli effettuati dall’amministrazione penitenziaria “tramite videosorveglianza continua” con una “telecamera nella cella di pernottamento con inquadratura verso il locale bagno”. I giudici bolognesi avevano osservato che “lo strumento di controllo” non rispondeva ai “necessari requisiti funzionali” per essere ammissibile: si trattava infatti di una “telecamera funzionante a bassa risoluzione e,…

Torna alla Home

Il reato di malversazione a danno dello Stato è perseguibile d’ufficio con competenza del Tribunale collegiale, contenuto tra i delitti dei Pubblici Ufficiali contro la Pubblica Amministrazione, ed è previsto e punito dall’art. 316 bis del codice penale, che disciplina: “Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità Europee contributi, sovvenzioni o finanziamenti destinati a favorire iniziative dirette alla realizzazione di opere od allo svolgimento di attività di pubblico interesse, non li destina alle predette finalità, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni [32quater]”. La norma sanziona quei comportamenti illeciti che derivano dalla regolare percezione del…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp