<

Categoria: evasioni

Brescia: evaso in fuga dal Tribunale, Marius Marmura arrestato sul treno per Milano La caccia all’uomo si è conclusa in poche ore: fuggito in mattinata, arrestato prima di sera. Marius Marmura è stato preso: era salito su un treno diretto a Milano, proprio sul treno gli agenti della Polizia Ferroviaria sono riusciti ad intercettarlo. A metà mattina era scappato da Brescia, dal Palazzo di Giustizia: era atteso in tribunale per la discussione sulla sua eventuale estradizione nel Paese natale, in Romania. La fuga a piedi, poi in treno Non si sa ancora come, gli accertamenti sono in corso: ma una…

Torna alla Home

Un detenuto è scappato dal tribunale di Brescia mentre attendeva l’inizio del processo. È accaduto questa mattina. L’uomo stava fumando una sigaretta all’esterno del tribunale quando si è allontanato di corsa scavalcando un muro e correndo verso la stazione ferroviaria. Ha fatto perdere le tracce. Si tratta di  un romeno di 31 anni. L’uomo era stato condannato a sette anni per rissa da un tribunale romeno e a Brescia avrebbe dovuto prendere parte all’udienza per l’esecuzione del mandato di cattura internazionale. L’uomo è fuggito scavalcando il muro del retro del Palazzo di giustizia, dove accedono i mezzi della polizia penitenziaria…

Torna alla Home

SAPPE: “APPREZZAMENTO A POLIZIA PENITENZIARIA, VIGILE ED ATTENTA” .FIRENZE, SVENTATA IN CARCERE A SOLLICCIANO LA CLAMOROSA EVASIONE DI UN DETENUTO STRANIERO. Ha tentato un evasione dal carcere di SOLLICCIANO questa mattina, ma l’attenta vigilanza della Polizia Penitenziaria ha scongiurato sul nascere il grave evento critico. A dare la notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE. Racconta DONATO CAPECE, segretario GENERALE del SAPPE: “Nel pomeriggio di oggi, intorno alle 14,00, un detenuto marocchino, arrestato nella giornata di ieri, è stato scoperto nel mentre cercava di arrampicarsi sul muro di cinta. Solo grazie all’attento e scrupoloso lavoro del poliziotto penitenziario addetto…

Torna alla Home

Scontava una condanna per omicidio ed era evaso dal carcere di Foggia, non facendo rientro da un permesso che lo autorizzava al lavoro esterno, l’uomo catturato ieri sera dagli uomini della Squadra Mobile e della Volante di Benevento. Il pregiudicato, di origini pugliesi, viaggiava a bordo di un’autovettura Volkswagen Golf, che era transitata appaiata ad un Suv Nissan, sul quale pendeva un rintraccio per appropriazione indebita. La rapida analisi dei transiti effettuata dalla Sala Operativa, aveva permesso di notare che entrambi i veicoli, provenienti dalla zona del foggiano, stessero viaggiando insieme. Allertate quindi le pattuglie della Squadra Mobile e della Volante, i…

Torna alla Home

Il Garante nazionale a seguito della cattura di una persona evasa a Campobasso, sottolinea positivamente la stigmatizzazione pubblica del comportamento di uno degli agenti fatta dal Capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria Francesco Basentini, che ha anche annunciato l’avvio degli accertamenti necessari per un’azione disciplinare nei confronti dell’agente di Polizia Penitenziaria coinvolto. La posizione assunta dall’Amministrazione in questa occasione lascia capire che nessun messaggio di impunità sarà dato nei confronti di chi abbia commesso comportamenti violenti o lesivi della dignità delle persone, una volta che queste siano private della loro libertà personale. Ciò a tutela della grande maggioranza del personale di Polizia…

Torna alla Home

Nei confronti dell’agente penitenziario che ha puntato la pistola alla fronte del detenuto, svolti gli accertamenti necessari, saranno immediatamente presi i provvedimenti del caso”. Così Francesco Basentini, capo del Dipartimento di amministrazione penitenziaria, nella serata di mercoledì commentava il video che riprendeva i momenti immediatamente successivi alla cattura di un detenuto che aveva tentato la fuga dall’ospedale di Campobasso dove era stato accompagnato per una visita medica. E a stretto giro, i provvedimenti sono stati adottati. Con un decreto emesso dal capo del Dipartimento, l’Assistente Capo è stato infatti sospeso dal servizio. Per il periodo della sospensione gli verrà garantito un…

Torna alla Home

Trent’anni circa, in cella per reati connessi alla tossicodipendenza. Spaccio di droga e rapina a mano armata. Romano di nascita, figlio di una coppia proveniente dal Marocco, ieri ha tentato la disperata fuga dal carcere di Campobasso. Diventata virale perché un uomo, che passava di lì ieri ad ora di pranzo, ha ripreso tutto con il suo telefonino. Raccontano alcuni testimoni del tentativo di evasione che lui, il detenuto, arrancava. Forse lo stato di astinenza ha dato vita al sogno di quella libertà, che sembrava essere a portata di mano. Si sarebbe allontanato non sapendo nemmeno quale direzione prendere. Allampanato,…

Torna alla Home

Non è semplice giudicare un fatto come quello che si è visto in relazione alla tentata evasione di un detenuto a Campobasso. Ma se è censurabile e ingiustificabile la reazione dell’Agente di Polizia Penitenziaria, seppur conseguenza della concitazione del momento e che non ha poi prodotto alcuna conseguenza al ristretto, va detto con chiarezza che le prime responsabilità della tentata evasione sono di chi ha giudicato quel detenuto non in grado di camminare. Cosa non vera, come si è chiaramente visto”. Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del SAPPE: “E’ solamente grazie alla Polizia Penitenziaria se si è impedita la clamorosa fuga…

Torna alla Home

“Come trasformare un’ottima notizia in una situazione deplorevole e inaccettabile”. Così il capo del Dap, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, stigmatizza le immagini del video, “probabilmente girato da un passante”, che riprendono i momenti immediatamente successivi alla cattura di un detenuto che aveva tentato di darsi alla fuga dopo l’uscita dall’ospedale di Campobasso, dove era stato condotto per una visita. Lo bloccano in tre, due hanno la pistola, uno, dopo avergli tirato uno schiaffo, gli punta l’arma alla fronte e successivamente gli tira un calcio mentre era a terra. È accaduto in centro a Campobasso tra un detenuto 37enne,…

Torna alla Home

Getta via le stampelle e tenta una fuga verso la libertà fuori da quelle sbarre che, nell’ultimo periodo, lo hanno sottratto dalla quotidianità di muoversi all’aria aperta e senza controllo: sembra la trama di un libro d’azione o di un film hollywoodiano ed invece è accaduto realmente.Ci troviamo a Campobasso, più precisamente nella casa circondariale del capoluogo. Il detenuto, di origini italiane, ha problemi di mobilità ed è costretto ad usufruire di un paio di stampelle per riuscire a camminare. All’improvviso avverte un malore e viene trasferito all’Ospedale Cardarelli per sottoporsi agli esami del caso. Poco dopo viene dimesso perché…

Torna alla Home

Aveva ottenuto un permesso premio ma, allo scadere del beneficio, non è rientrato nel carcere di Avellino, dove era ristretto, facendo perdere le sue tracce. “Tecnicamente si tratta di evasione, e questo non può che avere per lui gravi ripercussioni se non si costituisce al più presto”, spiega Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. Fattorello giudica la condotta del detenuto “un evento irresponsabile e gravissimo. L’uomo è un detenuto di origini siciliane, definitivo con fine pena 2025 per rapina ed altro fruiva di un permesso di tre giorni da trascorrere presso la Caritas cittadina. Questa…

Torna alla Home

Hanno tentato di evadere dal carcere di Firenze Sollicciano, ma l’attenta vigilanza della Polizia Penitenziaria ha scongiurato sul nascere il grave evento critico. A dare la notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE. Racconta Donato Capece, segretario generale del SAPPE: “Si tratta di 4 detenuti rumeni che stavano al Reparto Transito I in attesa di essere trasferiti perché erano stati partecipi di alcune risse avvenute la settimana scorsa. Il loro trasferimento tardava ad arrivare perché al Provveditorato regionale temporeggiavano, non erano d’accordo a trasferire 12 detenuti per una rissa… Ieri pomeriggio, verso le 16, è successo che solamente l’attenzione…

Torna alla Home

Stava scontando un residuo pena declassificato dal 416 bis quando ha deciso di non rientrare da un permesso e far perdere le proprie tracce PERUGIA – Era in permesso e sarebbe dovuto rientrare nel carcere Capanne di Perugia ma ha fatto perdere le sue tracce. «Tecnicamente si tratta di evasione, e questo non può che avere per lui gravi ripercussioni se non si costituisce al più presto», spiega Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe). «L’uomo è un detenuto italiano, calabrese per la precisione, M.F., con un residuo pena di 4/5 anni, declassificato dal 416…

Torna alla Home

Gennaro De Angelis, Agente di Custodia. Nato a Cesa (CE) il 26 ottobre 1945, in servizio presso la Casa circondariale di Napoli Poggioreale “G. Salvia”, dove era addetto al sopravitto, viene ucciso il 15 ottobre 1982 mentre si trovava in un circolo ricreativo nelle vicinanze della propria abitazione. Si arruola nell’ex Corpo Agenti di Custodia all’età di 21 anni ed è assegnato alla Casa Circondariale di Pisa, dove presta servizio per quattro anni. Viene poi trasferito, su sua richiesta, alla Casa Circondariale di Poggioreale, dove svolge, tra gli altri compiti d’istituto, anche quello della ricezione dei pacchi dei detenuti. La sera del 15…

Torna alla Home

In data odierna il Personale del Reparto di Polizia Penitenziaria dell’IPM Malaspina, da giorni impegnato nella gestione di un difficile ricovero di un detenuto sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio, ha scongiurato il tentativo di evasione posto in essere dal ristretto mentre si trovava ricoverato in un luogo esterno di cura. La prontezza di riflessi e la professionalità del Personale al comando del Dott. Cerami, Commissario Coordinatore Penitenziario, ha impedito che il tentativo di evasione sortisse negativi effetti. Fonte:redazione Potrebbe interessarti: Foggia, detenuto tenta evasione durante trasferimento in ospedale bloccato Penitenziaria

Torna alla Home

Doveva essere trasportato presso gli Ospedali Riuniti di Foggia per venire sottoposto ad una visita specialistica. Il trasferimento, scortato dalla polizia penitenziaria, deve essere sembrata un’occasione ghiotta di evasione per un detenuto ristretto al carcere di Foggia che, con un pizzico di ingenuità o incoscienza, ha tentato la fuga. Il fatto è successo intorno alle 13, nell’area del nosocomio foggiano: il tentativo di evasione, però, è durato pochissimi istanti. Gli agenti della penitenziaria, infatti, sono riusciti a riacciuffare l’uomo ancora nel perimetro ospedaliero. Il detenuto non avrebbe comunque avuto scampo poiché in pochissimi secondi erano sopraggiunti, in zona, ulteriori rinforzi di polizia dalla…

Torna alla Home

Il tribunale di Roma ha anche disposto l’assoluzione dell’ex direttore del carcere e di altre due persone. I fuggiaschi erano tre albanesi fra i quali un ergastolano Nove agenti della polizia penitenziaria a processo e tre assoluzioni. Questa la decisione del tribunale di Roma nel procedimento sull’evasione dal carcere romano di Rebibbia di tre arrestati albanesi avvenuta quasi due anni fa: il 27 ottobre scorso del 2016. Tra gli assolti spiccano i nomi dell’ex direttore del carcere di Rebibbia, Mauro Mariani; e quello che all’epoca era il capo dell’ufficio detenuti del Provveditorato regionale, Claudio Marchiandi, entrambi accusati del reato di…

Torna alla Home

Detenuto tenta fuga durante l’ora d’aria: bloccato in extremis dalla polizia penitenziaria il 16 settembre 2018 L’uomo, di origine magrebina, è stato bloccato dagli agenti. Nella mattinata di domenica alla casa circondariale di Venezia SMM un detenuto di origini tunisine ha tentato di evadere nel bel mezzo dell’ora d’aria. Il detenuto di origine magrebina era intento a passeggiare nel cortile dei passeggi quando ha scavalcato il muro di cinta tentando la fuga. Leggi anche: Lanciano: detenuto tenta di evadere con la complicità di altri. Sventato dalla Penitenziaria La polizia penitenziaria ha dato immediatamente l’allarme e l’uomo è stato bloccato nei pressi…

Torna alla Home

E’ stato catturato il detenuto tunisino di 33 anni, Haji Moez, evaso la scorsa notte, dal pronto soccorso di Sanremo, dov’era ricoverato da venerdì scorso per aver ingerito degli oggetti – pile e lamette – forse proprio allo scopo di essere portato in ospedale e tentare la fuga. La dinamica dell’accaduto è ancora in fase di ricostruzione. L’uomo, con precedenti per droga e fine pena 2023, si trovava in una stanzetta del primo piano. Soggetto considerato particolarmente violento, doveva essere al più presto sottoposto a intervento chirurgico per la rimozione dei corpi estranei, ma pare che opponesse resistenza. Gli agenti…

Torna alla Home

E’ stato catturato a Carloforte, in Sardegna, Giuliano Bulgarelli che era evaso il 7 settembre scorso dal carcere di Isili. L’arresto, avvenuto nei pressi di una discoteca alle 11.30 di oggi dopo serrate attivita’ di polizia giudiziaria, si deve a un’operazione del Nucleo investigativo centrale (Nic) di Roma della polizia penitenziaria con il supporto del nucleo regionale di Cagliari e la collaborazione dei carabinieri di Sant’Antioco. L’uomo, che aveva con se’ 900 euro per la fuga dall’isola, sta per essere trasferito nel carcere di Cagliari a disposizione della procura. Nato a Bologna il 7 agosto 1949, Bulgarelli e’ stato condannato per…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp