<

Categoria: ministro giustizia

Si rafforza la cooperazione giudiziaria tra Italia e Repubblica Dominicana. Con la firma degli accordi bilaterali in materia di estradizione e di assistenza giudiziaria da parte del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e del ministro degli Esteri dominicano, Miguel Vargas Maldonado, diviene più stretto e incisivo l’impegno comune nel contrasto alla criminalità organizzata e al narcotraffico. Si tratta di un passo avanti significativo considerata l’intensificazione della collaborazione tra i due Paesi:  tra il 2016 e il 2018, le autorità italiane hanno, infatti, presentato alle competenti autorità dominicane 12 richieste di estradizione. Nello stesso periodo, nel settore dell’assistenza giudiziaria, le autorità italiane hanno…

Torna alla Home

Definisce il disegno di leggio anticorruzione «una rivoluzione epocale», prova a spegnare i timori che la ‘legittima difesa’ rivisitata dalla Lega (e sostenuta dai Cinque Stelle) possa tradursi in un Far West e insiste sulla linea di ‘zero sconti’ a chi finisce in carcere per scontare una condanna. «Gli indulti dimostrano il loro fallimento nel momento in cui dopo che il numero dei detenuti diminuisce improvvisamente, l’anno dopo ritorna a quello iniziale». Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, interviene a Bologna a margine del Congresso dell’Unione nazionale avvocati amministrativi e si sofferma, per rispondere alle domande dei giornalisti, su alcuni…

Torna alla Home

Il 14 gennaio scorso con un volo proveniente da Santa Cruz, in Bolivia, atterrava nello scalo romano di Ciampino, dopo 40 anni di fuga, l’ex terrorista Cesare Battisti. Si vestirono da poliziotti: accusati di non aver tutelato la dignità del detenuto. I ministri Salvini e Bonafede da almeno una settimana sono a conoscenza del fatto che, per il loro comportamento in seguito all’arresto del terrorista rosso Cesare Battisti, è stato aperto un fascicolo presso la Procura di Roma, che ha deciso di fare domanda di archiviazione. Il 14 gennaio scorso con un volo proveniente da Santa Cruz, in Bolivia, atterrava…

Torna alla Home

Contro il sovraffollamento carcerario “stiamo valutando su tutto il territorio nazionale l’individuazione di caserme dismesse che possono essere convertite in penitenziari nell’arco di poco tempo”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede a Firenze parlando coi cronisti dopo l’inaugurazione dell’anno giudiziario. Contro il sovraffollamento carcerario “stiamo valutando su tutto il territorio nazionale l’individuazione di caserme dismesse che possono essere convertite in penitenziari nell’arco di poco tempo”. Bonafede ha parlato anche del carcere fiorentino di Sollicciano dicendo che è “uno dei penitenziari peggiori in termini strutturali in Italia, è stato costruito malissimo e è stato concepito malissimo e conseguentemente le problematiche sono più gravi a livello strutturale”. “Per restituire…

Torna alla Home

Il messaggio del Ministro Alfonso Bonafede postato sulla propria pagina Facebook sulla brillante operazione della Polizia Penitenziaria di Spoleto. Ogni giorno di più la Polizia Penitenziaria dimostra quanto sia prezioso il contributo che garantisce alla sicurezza e alla prevenzione del crimine, a beneficio di tutti noi. Quello che è successo a Spoleto lo dimostra. La prontezza d’intervento e la professionalità degli agenti in servizio nell’istituto umbro hanno, infatti, permesso di bloccare sul nascere una situazione di pericolo, neutralizzando un detenuto tunisino che aveva in tasca un coltello rudimentale e si accingeva a entrare nella cappella dell’istituto dove il vescovo di Spoleto-Norcia, Renato…

Torna alla Home

“Quando per le strade incontrate un uomo in divisa, un servitore dello Stato, stringetegli la mano e ringraziatelo, perché sicuramente sta svolgendo un lavoro preziosissimo e troppo spesso trascurato nella storia della Repubblica italiana”. Con queste parole il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, ha concluso il convegno Il Contrasto alla criminalità organizzata ed al terrorismo nell’ambito dell’esecuzione penale in un’ottica di coordinamento tra forze di poliziaoggi nella Sala Zuccari del Senato. Soffermandosi sul ruolo che la Polizia penitenziaria svolge in termini di contrasto alla criminalità, il Guardasigilli ha aggiunto: “Dobbiamo ringraziare sempre le donne e gli uomini che con professionalità e spirito…

Torna alla Home

È l’accusa del segretario dei Radicali, Riccardo Magi. Abbiamo controllato la normativa vigente Il segretario dei Radicali e deputato di +Europa Riccardo Magi ha affermato il 15 gennaio in una nota che «il Ministro Bonafede (…) pubblicando sulla propria pagina Facebook un video di quasi 4 minuti – montato professionalmente e con colonna sonora – in cui si ripercorreva il rientro in Italia di Cesare Battisti circondato e scortato da agenti della polizia penitenziaria – fisicamente tenuto per le braccia da due di loro – (…) ha violato la legge». È un’affermazione probabilmente corretta. Il video diffuso da Bonafede Il video…

Torna alla Home

L’affissione su un chiosco di fiori del lungotevere de’ Cenci è stata rivendicata dal Collettivo Militant: “due tronfi inquisitori di fronte ad una gogna” Un manifesto rappresentante Matteo Salvini, Alfonso Bonafede e Cesare Battisti alla gogna con la scritta “L’ostesione del mostro”. È quanto affisso nella notte del 17 gennaio su un chiosco di fiori di lungotevere de’ Cenci, nella zona del Ghetto, in Centro Storico. A rivendicarlo il collettivo Militant, con chiaro riferimento ai due ministri (dell’Interno e della Giustizia) che hanno atteso l’arrivo all’aeroporto militare di Ciampino  del terrorista rosso estradato dal Sud America dopo essersi allontanato dal Brasile dove aveva trovato asilo politico per poi essere catturato in Bolivia ed estradato in Italia. Allertate le forze dell’ordine,…

Torna alla Home

Maria Teresa Trovato Mazza, la giovane agente penitenziaria da tutti conosciuta come Sissy, ci ha lasciati domenica. La sua è stata una lunga battaglia tra la vita e la morte dopo che due anni fa era stata trovata priva di sensi in un ascensore dell’Ospedale civile di Venezia, gravemente ferita alla testa da un colpo di arma da fuoco esploso in circostanze ancora oscure, che l’aveva ridotta in stato vegetativo irreversibile. Il ministro Alfonso Bonafede, poco dopo aver saputo della notizia, ha chiamato il padre di Sissy, Salvatore, per esprimere “vicinanza e sostegno” in un momento così doloroso garantendo “il massimo impegno…

Torna alla Home

Le immagini rivelano l’identità di un agente che, accorgendosi dell’inquadratura, si copre il volto con la sciarpa. Imbarazzo tra le forze dell’ordine. Il garante dei detenuti: “Rimuoverlo. Il Paese non ha bisogno di queste tensioni” Il video con lo sbarco show a Ciampino dell’ex latitante in fuga Cesare Battisti, divulgato dal trionfante ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, sta creando notevole imbarazzo tra i poliziotti perché mostra in volto anche agenti che non dovrebbero mai apparire. Osservando il video, diversi siti di informazione hanno messo in evidenza il comportamento in particolare di un agente che, accorgendosi della telecamera che si gira verso di…

Torna alla Home

Mauro Palma critica la scelta del ministro di postare un filmato che ripercorre la latitanza, la cattura e l’arrivo in Italia dell’ex terrorista. Censurata anche l’espressione “marcire in galera”, più volte utilizzata dal ministro dell’Interno Salvini La cattura dell’ex terrorista Cesare Battisti (CHI È) e le dichiarazioni ed esternazioni da parte del ministro dell’Interno Salvini e del ministro della Giustizia Bonafede continuano a creare polemiche. A cominciare dal video postato dal ministro della Giustizia, che ripercorre i momenti della cattura (LA STORIA DELLA CATTURA) e dell’arrivo di Battisti in Italia: “Pubblicato sulla rivista online ministeriale purtroppo si aggiunge a quel riferimento al ‘marcire’ che…

Torna alla Home

Dopo Pietro Ioia anche il Ministro Bonafede ha indossato la gloriosa divisa della Polizia Penitenziaria. In un crescendo Rossiniano, mentre Salvini si cambiava d’abito con la stessa velocità di un Brachetti nella migliore forma, passando dalla divisa dei VV.FF. a quella della Polizia di Stato, il nostro Ministro, per non sfigurare indossava al volo una giacca a vento della Polizia Penitenziaria, rendendo orgoglioso un intero Corpo fino ad oggi dimenticato, lasciato a se stesso, aggredito e vilipeso, umiliato fino a pochi giorni fa da un ex detenuto novello attore di docufiction. Certo, un senso di orgoglio si è impadronito della maggior parte degli agenti, gli stessi che…

Torna alla Home

Sull’indossare le divise delle forze dell’ordine, come abitudine del ministro dell’Interno, Matteo Salvini “non c’e’ alcuna gara”: a dirlo e’ il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ritratto stamattina in una foto mentre vestiva quella della Polizia Penitenziaria. “Io ho incontrato gli agenti e, per dare un segno di vicinanza, dentro il ministero ho indossato la giacca con orgoglio” ha precisato Bonafede stasera rispondendo alle domande dei cronisti mentre entrava al carcere di San Vittore a Milano.”Non pensavo nemmeno che quella immagine uscisse: e’ uscita e comunque voglio sottolineare che vado orgoglioso di averla indossata” ha concluso il Guardasigilli. Leggi anche: Salvini…

Torna alla Home

La foto del ministro della Giustizia ha suscitato lʼironia, ma anche apprezzamenti sul web Matteo Salvini e le uniforme, una passione che ora fa proseliti. Questo volta tocca al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, immortalato con la divisa della polizia penitenziaria. Non sono mancate, ovviamente, le reazioni sul web tra chi ironizza (“pare Carnevale!”, “è gara di gelosia tra lui e Salvini”) e chi sembra apprezzare. Come gli agenti penitenziari: “Che eleganza il nostro ministro!”, scrivono infatti su Facebook. Particolarmente “ironico” l’ex PD, Giuseppe Civati: “Non è secondino a nessuno”. “Dopo 41 anni di servizio, per la volta vedo un’alta carica istituzionale quale…

Torna alla Home

Cesare Battisti, Bonafede: “Ha cercato protezione dalla Bolivia ma non l’ha trovata” Il ministro della Giustizia intervistato da Sky Tg24 commenta gli accordi conclusi dal suo predecessore Orlando che escludono l’ergastolo per l’ex terrorista: “Era l’unica condizione”. Poi aggiunge: “Dalla Bolivia piena collaborazione” Parlare del passato non ha senso: in quel momento è stata fatta una valutazione dall’allora ministro della Giustizia e si è ritenuto che era meglio averlo per fagli scontare una pena di 30 anni piuttosto che non averlo: era l’unica condizione da accettare”. Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, intervistato da Sky TG24, commenta così gli accordi…

Torna alla Home

Carceri, denuncia del SAPPE: “Per il Ministero della Giustizia siamo tornati ‘Agenti di Custodia’. Gli effetti del Ministro Bonafede sono che la Polizia Penitenziaria è tornata indietro di cinquant’anni” Torna alla carica il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE contro il Ministero della Giustizia retto da Alfonso Bonafede. Sotto accusa sono le modalità di comunicazione e immagine che il Ministero riserva al Corpo di Polizia Penitenziaria. “Siamo al ridicolo! Per il profilo ufficiale del Corpo di Polizia Penitenziaria su Facebook, che da notizia della accertata pericolosità di un detenuto del carcere di Padova sospettato di terrorismo, siamo tornati – c’è scritto…

Torna alla Home

Il ministero si occupa della Giustizia italiana, non di casting per film o documentari. Sulle agenzie, infatti, rimbalza la polemica di alcune sigle sindacali sulla presenza di un ex detenuto in veste di interprete in un film le cui riprese si sono svolte davanti all’istituto penitenziario napoletano di Poggioreale. Ma andiamo con ordine. In data 4 gennaio 2019 è stato inviato alla Direzione della casa circondariale di “Napoli Poggioreale” il nulla osta per la richiesta avanzata dalla società “Archimede Srl” di poter effettuare riprese per una scena del film “Nevia”. La scena autorizzata è “ambientata in esterno, prevede la presenza…

Torna alla Home

La morte suicida di un agente penitenziario di 41 anni, in servizio nel carcere ‘San Vittore’ di Milano, come riporta il Cosp, (Coordinamento sindacale penitenziario), impone al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede una risposta urgente, forte e concreta alle difficoltà quotidiane della polizia penitenziaria”: lo afferma in una nota Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei Deputati e parlamentare di Fdi. “Sarebbe inaccettabile se il ministro Bonafede restasse in silenzio anche davanti alla morte di un agente” – continua Cirielli “Siamo fiduciosi che, dopo la tragedia, il ministro cominci a preoccuparsi non solo delle condizioni dei detenuti ma anche dello stato di…

Torna alla Home

“In queste settimane ho parlato spesso degli investimenti per riavviare la macchina della giustizia, una macchina che finora è andata avanti, nell’indifferenza dei governi, soltanto grazie ai magistrati, avvocati, cancellieri e tutti gli operatori che, nel ministero e in ogni sua articolazione, lavorano in un settore così importante”. Questo uno dei passaggi più significativi del messaggio postato dal Guardasigilli Alfonso Bonafede, sul suo profilo facebook, con cui commenta l’approvazione della Legge di bilancio avvenuta domenica alla Camera dei deputati. “Con la manovra – scrive Bonafede – sono state destinate risorse per realizzare un programma assunzionale straordinario triennale che la giustizia…

Torna alla Home

“La situazioni di agenti penitenziari e detenuti è stata spesso trascurata a causa di una visione miope del mondo carcerario”. Con queste parole il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede è intervenuto alla cerimonia di presentazione del 36° calendario del corpo di Polizia Penitenziaria. All’evento, che si è tenuto nella Scuola di formazione e aggiornamento “Giovanni Falcone” del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, il Guardasigilli ha poi aggiunto: “Lo Stato dovrebbe dire agli agenti penitenziari ‘grazie’ e ‘scusate per le condizioni in cui vi abbiamo costretto a lavorare'”. “Ci sarà un piano straordinario di ingressi – ha precisato il ministro – con 1.300 nuovi agenti…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp