Categoria: nic

nucleo investigativo centrale

Nella mattina di venerdì 11 maggio, il personale del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria – Articolazione Regionale di Napoli – al termine di una complessa attività di indagine, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Salerno Dott.ssa Maria Zambrano, su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di tre indagati (A.L., D.V., P.L.), già ristretti per altro negli istituti penitenziari di Salerno e Trento, responsabili a vario titolo di una violenta aggressione ai danni di altro ristretto presso la Casa Circondariale di Salerno (M.G.), nonché, di concorso in estorsione ai danni…

Torna alla Home

Allo scopo di prevenire la radicalizzazione e il proselitismo in carcere, in Italia è in funzione, da alcuni anni, un sistema di monitoraggio dei detenuti. Lo ha riferito, intervenendo alla conferenza internazionale  sulla deradicalizzazione, Augusto Zaccariello comandante del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria (NIC). “Avvalendosi del Nucleo Investigativo Centrale, l’amministrazione penitenziaria da alcuni anni assicura il monitoraggio dei detenuti per reati di terrorismo internazionale e dei soggetti segnalati in ambito penitenziario”, afferma Zaccariello. Il quale spiega che si tratta di detenuti “inseriti nel circuito penitenziario di Alta Sicurezza 2, che prevede la rigorosa separazione dalla restante popolazione detenuta”. Una condizione che “non comporta alcuna deminutio nella titolarità dei…

Torna alla Home

Martedì la conferenza “Bridg&” (Bringing Radicalized Individuals to Disengag&) promossa dal governo e dall’intelligence italiana per discutere della radicalizzazione, dei giovani, dell’uso del web. Presente anche la Polizia Penitenziaria Ormai da qualche anno sappiamo che il pericolo si nasconde in casa, il pericolo dei radicalizzati sul web, di qualche esaltato che si lascia suggestionare da scenari apocalittici, di soggetti difficili da scovare se non seguendo il filo di un piccolo indizio o monitorando costantemente il mondo di Internet. In gran parte dell’Occidente si cerca di lavorare sulla prevenzione oltre che sulla repressione e l’Italia su questo ha molto da insegnare.…

Torna alla Home

Gaetano Oglialoro è stato catturato. L’uomo, che ieri mattina era evaso durante una sosta tecnica all’autogrill di Caltagirone (Catania) nel corso del servizio di traduzione fino a Messina, è stato catturato a casa di un parente, nel comune di Palagonia. Le ricerche erano scattate subito dopo la fuga di Oglialoro. Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, ha subito predisposto il piano operativo e messo in atto tutte le attività di polizia giudiziaria necessarie a rintracciare l’uomo. Alla imponente e rapida attività investigativa, svoltasi in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri e protrattasi ininterrotamente sino alla cattura, hanno preso parte unità…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp