<

Categoria: nic

nucleo investigativo centrale

La lotta al terrorismo internazionale e alla radicalizzazione jihadista rappresenta una priorità nell’agenda politica nazionale ed internazionale che richiede un’azione coordinata, determinata e ferma, per garantire risposte concrete ad un pericolo che non deve e non può essere in alcun modo sottovalutato. Dal lato normativo sono stati fatti molti passi in avanti, adeguando il nostro impianto sanzionatorio con la previsione di quattro nuove norme incriminatrici ed andando ad ampliare il campo applicativo di quelle che già erano vigenti nel nostro sistema. Una spinta decisiva, in questo senso, è giunta dalle istituzioni comunitarie che, nell’ambito dell’Agenda europea sulla sicurezza per il…

Torna alla Home

E’ stato arrestato uno dei poliziotti in servizio nel carcere milanese di San Vittore accusate del pestaggio di un detenuto tunisino che aveva denunciato una serie di furti e vessazioni avvenute all’interno del penitenziario di Velletri. Sono stati gli stessi agenti del nucleo investigativo della Polizia Penitenziaria a eseguire l’ordine di arresto disposto dal gip Chiara Valori su richiesta del pm Leonardo Lesti. L’agente penitenziario è stato arrestato in Puglia, nel suo paese d’origine, dove si trovava in ferie in questi giorni, e sarà trasferito nel carcere di Pavia. L’accusa, per lui, è intralcio alla giustizia e falso. Il suo…

Torna alla Home

Una scheda dati da utilizzare in uno smartphone per la connessione internet, tre antenne per la captazione di un segnale wifi e droga: è il materiale sequestrato all'interno dell'Istituto di detenzione minorile di Airola (Benevento) in seguito ad una serie di perquisizioni da parte degli agenti del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria con il supporto dei colleghi di Napoli, su disposizione della Procura di Benevento che coordina le indagini su una serie di episodi registrati nei mesi scorsi all'interno dell'istituto di pena minorile sannita. LEGGI IL COMUICATO STAMPA DELLA PROCURA Le indagini hanno preso il via dopo il ritrovamento…

Torna alla Home

Sono stati catturati i tre detenuti che erano evasi dal carcere di Favignana. Si trovavano ancora sull’isola. La cattura si deve ad un’operazione congiunta del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria e dei carabinieri di Favignana e Trapani. La notizia della cattura e’ stata confermata dal direttore del carcere, Renato Persico. I tre reclusi, che erano evasi nella notte di sabato scorso segando le sbarre della loro cella e calandosi dal muro di cinta del penitenziario di massima sicurezza, stanno adesso per essere trasferiti a Trapani con una motovedetta. Gli evasi sono tre detenuti di “peso”: si tratta di Adriano…

Torna alla Home

Oggi, 2 ottobre 2017, abbiamo avuto modo di leggere una nota di una sedicente segreteria locale di Monza del sindacato UILPA – Polizia Penitenziaria che se la prende con il SAPPE per aver pubblicato una notizia riguardante l’arresto del Sindaco di Seregno Edoardo Mazza, accusato dagli inquirenti di corruzione con esponenti della ‘ndrangheta. Per lui il Gip ha deciso la misura degli arresti domiciliari. "In tutto sono 27 le misure cautelari – 21 delle quali in carcere, tre ai domiciliari e tre sospensioni dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio – firmate dai gip di Monza e Milano Pierangela Renda…

Torna alla Home

E' stato catturato questa sera poco dopo le 21 in zona Borghesiana a Roma Marku Osvaldi, evaso insieme a un altro detenuto dal carcere di Civitavecchia il 30 luglio. Albanese, come l'altro evaso, Luca Leke, che era gia' stato preso poche ore dopo la fuga, Osvaldi, nato il 19 marzo 1995, era in carcere per rapina e furto e in passato era evaso anche dall'istituto di custodia minorile di Bari. Gli agenti del Nic, il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria lo hanno catturato dopo circa due mesi di appostamenti e attivita' tecniche nell'ambito dell'operazione denominata "Amorino" per il fatto…

Torna alla Home

Il detenuto evaso lo scorso 5 settembre dall'istituto penitenziario Gozzini di Firenze, Petrescu Vlad, romeno, è stato catturato dal Nic- nucleo investigativo della Polizia Penitenziaria. L'uomo era detenuto per rapina aggravata e doveva scontare 7 anni e sei mesi di reclusione. Il 38enne romeno era ammesso al regime dei lavori esterni al carcere, ma il 5 settembre scorso non aveva fatto rientro. Gli agenti del Nic lo hanno ritrovato a Bolzano in un bar e lo hanno tradotto nel locale carcere. Le indagini sono state un'operazione congiunta dei nuclei regionali di Firenze e Padova. Nel momento in cui è stato ritrovato,…

Torna alla Home

Come è possibile che atti interni riservati dell’Amministrazione Penitenziaria vengano pubblicati da Rita Bernardini sul proprio profilo Facebook? C’è una talpa al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, già nell’occhio del ciclone dopo la diffusione di un provvedimento del Capo Dipartimento Santi Consolo che autorizzava lo spostamento dal carcere di Opera a quello di Rebibbia di 40 mafiosi per consentire loro la partecipazione al congresso di Radicali? Se lo chiede il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo della Categoria, che chiede “chiarezza” al Ministro della Giustizia Andrea Orlando, al quale si chiede di valutare l’avvicendamento di Santi Consolo alla…

Torna alla Home

Nel Bollettino Ufficiale n. 15 del 15 agosto 2017 sono stati pubblicati quattro decreti ministeriali che riordinano e riorganizzano alcune articolazioni del Corpo. Con la normativa appena pubblicata, appare subito evidente l'intento di ridimensionare e circoscrivere le funzioni del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, del Gruppo Operativo Mobile, del Servizio per l’approvvigionamento e la distribuzione dell’armamento e del vestiario e del Servizio di vigilanza sulla sicurezza per l’amministrazione della giustizia. In particolare, non sono sfuggite alcuni punti cardine dello "smantellamento": 1) La direzione del SADAV viene tolta alla Polizia Penitenziaria e affidata ad un dirigente penitenziario; 2) il NIC diventa…

Torna alla Home

Abbiamo più volte scritto in questi mesi della deriva in cui stanno scivolando l’amministrazione penitenziaria e il Corpo di Polizia Penitenziaria, e quindi le carceri, a causa di scelte politico/amministrative sbagliate. Purtroppo, le scelte di politica penitenziaria e della sicurezza delle carceri, che coinvolgono inevitabilmente la sicurezza nazionale, in questi ultimi tempi, vengono fatte da persone che hanno una visione non adeguata, rispetto alle esigenze del Paese. Si tratta, spesso, di amministratori e politici che hanno una visione esclusivamente ideologica del governo di certi fenomeni. Sono quelli che ritengono che tutti i delinquenti possono essere recuperati, che non serve imporre…

Torna alla Home

Gli uomini del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, con il supporto operativo della diramazione regionale del Piemonte e della Toscana alle ore 19.30 di oggi 25 luglio 2017, hanno catturato ed arrestato il pericoloso latitante MASTINI Giuseppe, noto come “Johnny lo Zingaro”, che era evaso lo scorso 30 giugno allorquando nella stessa mattinata, uscito dalla Casa Circondariale di Fossano ammesso all'articolo 21 doveva recarsi alla scuola di Cairo Montenotte, dove lavorava. Le complesse indagini del NIC hanno permesso di accertare che Johnny lo Zingaro, dopo aver lasciato il penitenziario di Fossano, ha raggiunto la città ligure di Genova con un…

Torna alla Home

A poche ore dall'importante operazione che ha portato all'arresto dei favoreggiatori dell'evasione di Rebibbia, il NIC ha arrestato SMIROLDO Vittorio, evaso alle 2,45 di ieri dall’istituto penitenziario di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), insieme ad altri due detenuti. L' evaso è stato tratto in arresto alle ore 13.50 vicino al porto di Messina. L'operaziine, diretta e coordinata dal Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, è stata eseguita in collaborazione con la diramazione regionale del NIC di Palermo. Nel frattempo, si sta stringendo il cerchio anche attorno agli altri due evasi. Arrestato uno dei tre evasi dal carcere di Barcellona Pozzo…

Torna alla Home

L' articolazione regionale di polizia giudiziaria del prap di Palermo, diretta dal Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, con il supporto operativo del personale di Polizia Penitenziaria del Nucleo Traduzioni di Messina , alle ore 16,30 nel corso di mirati servizi e attività info-investigative, ha catturato il secondo evaso da Barcellona, ROSSITTO Emanuele. L'arresto è avvenuto a Messina, nei pressi dell’abitazione della convivente. Su disposizione del P.M. di turno, dr.ssa Federica Rende – Sost. Proc. presso il Tribunale di Messina – l’evaso è stato associato alla Casa Circondariale di Messina. Nelle stesse ore anche il terzo evaso, SCIACCHITANO Gaetano, è stato catturato dai Carabinieri.…

Torna alla Home

Arrestato uno dei tre detenuti evasi la notte tra mercoledì e giovedì scorsi dal carcere Madia di Barcellona Pozzo di Gotto. Dalle prime indiscrezioni sembra che il giovane sia stato bloccato a Messina mentre stava tentando di traghettare. Al momento non si sa nulla degli altri due evasi. sicilians.it Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G. Tre detenuti evadono dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto, Sappe: cercate i responsabili tra i colletti bianchi

Torna alla Home

All'alba di oggi il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria in collaborazione con la squadra mobile di Roma e Milano ha dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della DDA di Roma, nei confronti di quattro albanesi: O. A., 26 anni, già ristretto presso la casa circondariale di Regina Coeli; M. A., 23 anni, già agli arresti domiciliari nella provincia di Cremona; M. K., 21 anni; S. M., 40 anni, tutti responsabili, in concorso tra di loro, del reato di procurata evasione. I provvedimenti sono stati eseguiti a Roma…

Torna alla Home

A pochi giorni dal decennale gli uomini del NIC della Polizia Penitenziaria sono impegnati nell'operazione condotta dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Reggio Calabria, che ha portato all’esecuzione di 116 provvedimenti di fermo, emessi dalla procura distrettuale DDA Reggio Calabria, nei confronti di 116 indagati per associazione mafiosa, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, truffa ed altri reati, tutti aggravati dalla finalità di agevolare l’organizzazione mafiosa denominata ‘ndrangheta. I provvedimenti scaturiscono da un’indagine diretta dalla procura reggina in direzione delle più importanti “locali” ‘ndranghetiste ricomprese nel “mandamento” ionico, ritenuto il cuore pulsante…

Torna alla Home

Il personale della diramazione regionale del Nucleo Investigativo Centrale, nel corso di un’articolata e complessa attività d’indagine delegata dalla Procura della Repubblica di Velletri hanno tratto in arresto un soggetto di Colleferro e denunciato a piede libero un altro di Velletri. Nel corso dell’attività sono stati sequestrati 19 mila euro in contanti, 680 grammi di mannite, diverse dosi di hashish e di cocaina, 2 piante di "maria" alte circa 30 cm. e diverso materiale per il confezionamento. Responsabili, due giovani incappati in una pattuglia mista composta da agenti della Polizia di Stato e della Polizia Penitenziaria, nel comune di Lariano. I…

Torna alla Home

In occasione del decennale del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, istituito con DM del 14 giugno 2007, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha promosso il convegno Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria a dieci anni dalla sua istituzione. Specificità nell’azione di contrasto al terrorismo di natura confessionale. Il convegno si terrà martedì’ 27 giugno 2017 a Roma, presso la Scuola di Formazione “Giovanni Falcone”, in via di Brava 99, ore 10,00-12,00. Programma Saluto Gianfederica Dito – Direttore dell’Ufficio Attività ispettiva e di controllo Relazione Augusto Zaccariello – Comandante Nucleo Investigativo Centrale Dieci anni di attività del Nucleo Investigativo Centrale…

Torna alla Home

Il provvedimento è stato emesso dopo il rigetto da parte della corte di cassazione del ricorso presentato dagli indagati a una sentenza emessa dalla corte d’appello di Napoli.La sentenza è divenuta irrevocabile: gli arrestati hanno riportato condanne dai 4 anni agli 8 anni e 8 mesi e sono stati riconosciuti appartenenti al clan camorristico “cesarano”, operante tra Castellammare di Stabia e Pompei. Tra gli arrestati, anche due poliziotti penitenziari infedeli. I carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata e delle compagnie di Castellammare e Castello di Cisterna hanno dato esecuzione ad alcune ordinanze di custodia in carcere emesse dal Gip di torre…

Torna alla Home

Nel pomeriggio di ieri, 31 maggio, gli agenti della Polizia di Stato hanno accompagnato alla frontiera un cittadino marocchino, E.F.A. di anni 32, in esecuzione del decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Modena il 29 maggio. Il nordafricano è stato materialmente accompagnato all'Aeroporto Marconi di Bologna e imbarcato su un volo per il Marocco, a seguito di un'accusa particolarmente grave. Lo straniero, infatti, dal 10 aprile scorso era finito sotto la lente di ingrandimento degli investigatori del Nucleo Investigativo centrale del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del Ministero di Giustizia. Gli accertamenti svolti hanno etichettato il magrebino come un soggetto a…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp

SUPPORTO

WHATSAPP

Vuoi Assistenza su Concorsi e Pensioni?

Abbiamo dedicato un esperto che ti assisterà per i CONCORSI ed un altro esperto che ti darà supporto per quanto riguarda le PENSIONI.