<

Categoria: stipendi

La Corte dei Conti ha riconosciuto ad un maresciallo della Guardia di Finanza il diritto alla riliquidazione della pensione secondo parametri più vantaggiosi; ecco perché il militare ha diritto a delle aliquote di rendimento migliori. Segnaliamo un’importante sentenza della Corte dei Conti – Regione Calabria – che potrebbe rivoluzionare il sistema di calcolo delle pensioni per le Forze Armate. Con la sentenza numero 12/2018, infatti, la Corte dei Conti si è espressa in favore di un maresciallo aiutante della Guardia di Finanza il quale aveva chiesto il ricalcolo dell’assegno previdenziale secondo parametri più vantaggiosi. Nel dettaglio, il maresciallo ha presentato ricorso contro la decisione dell’Inps di calcolare la quota…

Torna alla Home

La Legge di Bilancio 2019 è arrivata finalmente in Parlamento; il testo ufficiale della manovra finanziaria pensata dal Governo, quindi, è stato svelato insieme alle novità previste per le Forze Armate, di Polizia e Vigili del Fuoco. Nel dettaglio, per quanto riguarda le Forze dell’Ordine la Legge di Bilancio si muove in tre direzioni:  assunzioni straordinarie Forze di Polizia (articolo 30) e Vigili del Fuoco (articolo 31);  rinnovo contrattuale 2019-2021 (articolo 34);  riordino dei ruoli e delle carriere (articolo 36). Obiettivo primario, quindi, è quello di incrementare gli organici delle Forze dell’Ordine e nel contempo di valorizzare economicamente il personale in servizio procedendo con il rinnovo contrattuale, visto che il precedente accordo è in scadenza il 31…

Torna alla Home

Con la presentazione della manovra e la conversione del d.l. sicurezza in Parlamento, si iniziano a chiarire le intenzioni del governo sul comparto sicurezza e difesa. Capitolo contratto. Per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego (settore Stato) la manovra stanzia (in milioni di euro): 1.100 (di cui 140 residuali dal 2018) nel 2019, 1.425 nel 2020 e 1.775 a decorrere dal 2021. Con queste cifre, l’incremento medio ottenibile è pari all’1,3% (31 euro lordi) nel 2019, all’1,65% (40 euro lordi) nel 2020 e all’1,95% (47 euro lordi) a decorrere dal 2021. Si tratta di incrementi del tutto in linea con l’indice IPCA stimato…

Torna alla Home

La manovra 2019 è stata bollinata dalla Ragioneria di Stato ed è stata inviata al Quirinale per la firma. Lo comunica via Twitter lo stesso premier Giuseppe Conte, commentando: “Stiamo lavorando per far crescere il nostro Paese, avanti così”. E tra il 29 e il 30 novembre la legge di Bilancio approderà nell’Aula della Camera secondo quanto deciso dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio.In particolare per il rinnovo contrattuale 2019/2021 dei dipendenti pubblici sono stanziate risorse per 4,3 miliardi di euro. Ecco cosa prevede la legge di bilancio 2019: “Per il triennio 2019-2021 gli oneri posti a carico del bilancio statale per la contrattazione collettiva…

Torna alla Home

Le risorse che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi in un articolo in anteprima con la bozza della legge di bilancio per il 2019, erano apparse sin da subito insufficienti. Con aumenti di circa €6 da aprile 2019 e circa €10 a partire da luglio 2019. Nell’ultima bozza della manovra, peró, sono aumentate le risorse per i contratti degli statali: rispetto alla versione precedente ci sarebbe oltre 1 miliardo in più. Dunque non più 3,2 miliardi nel triennio ma 4,3 miliardi di euro, di cui 1 miliardo e 100 milioni nel 2019.1Per il triennio 2019-2021 gli oneri posti a carico del bilancio…

Torna alla Home

La prossima manovra economica stanzierà 3 miliardi e 250 milioni di euro in un triennio per l’aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici. Lo si legge nella bozza della manovra, in possesso di Infodifesa, approvata dal Consiglio dei Ministri, ma ancora suscettibile di modifica. Nello specifico, “per il triennio 2019-2021 gli oneri posti a carico del bilancio statale per la contrattazione collettiva nazionale e per i miglioramenti economici del personale statale in regime di diritto pubblico sono determinati in 1.050 milioni di euro per il 2019, 1.075 milioni di euro per il 2020 e 1.125 milioni di euro a decorrere dal 2021″.Il ministro…

Torna alla Home

Come noto a marzo 2018 è stato sottoscritto, dopo quasi 10 anni di blocco e per la sola parte relativa all’aspetto economico, il nuovo contratto collettivo nazionale per le Forze di Polizia valevole per il triennio 2016-2018. Tuttavia, nonostante le numerose promesse fatte dal precedente Governo prima della sottoscrizione dell’accordo, e i tanti anni intercorsi dall’ultimo contratto (triennio 2006-2009), gli stipendi delle Forze di Polizia continuano ad essere tra i più bassi d’Europa. Con il rinnovo si è ottenuto un modestissimo aumento dei salari, i quali, grazie anche agli effetti della riparametrazione stipendiale avvenuta con il D.Lgs. 95/2017 (c.d.…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp