Alessandria, la commemorazione quarantacinque anni dopo la rivolta in carcere

0
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!
Prima di leggere l' articolo perdi un secondo e metti mi piace sulla nostra pagina facebook

Quarantacinque anni dopo il ricordo delle vittime

Quarantacinque anni fa. Era il 1974. Alessandria è ferita a morte da un fatto è rimasto impresso sulle pagine di cronaca e nel cuore di tutti: la rivolta nel carcere di piazza Don Soria. L’allarme scatta il 9 maggio, alle 10, è la vigilia del referendum per decidere se mantenere o meno la legge sul divorzio. Cesare Concu, Domenico Di Bona, Everardo Levrero, detenuti ritenuti tra i più pericolosi, guadagnano prima l’infermeria e poi i bagni, con loro tredici ostaggi. Quell’atto, dopo lunghissime trattative, finì in un bagno di sangue. Fu una pagina dolorosa per la città.

Questa mattina, alla presenza di tutte le massime autorità alessandrine, e i famigliari di una delle vittime, l’Associazione nazionale Polizia Penitenziaria, sezione di Alessandria, di cui è presidente Antonio Aloia ha deposto una corona di alloro in memoria delle vittime (la rivolta iniziò il 9 maggio e si concluse tragicamente il 10). Sul giornale di martedì tutti i particolari.

Leggi anche: In memoria dell’Agente di Custodia Rocco D’Amato assassinato da un detenuto il 13 maggio 1983

Fonte: ilpiccolo.net

Torna alla Home

About Author

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp