Base navale di Favignana: una chiusura ingiusta, antieconomica e insensata

0
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!
Prima di leggere l' articolo perdi un secondo e metti mi piace sulla nostra pagina facebook

L’hanno detto e l’hanno fatto.
A nulla sono valse le interrogazioni parlamentari e le decine di note sindacali. A nulla è valso l’esame costi benefici (che sicuramente nessuno ha fatto).
I politici del falso cambiamento hanno applicato pedissequamente la scellerata Legge Madia, quella che con un colpo di penna ha decimato gli organici della Polizia Penitenziaria e cancellato la Base Navale di Favignana dopo 34 anni di onorato servizio.
Nemmeno il Ministro della Giustizia nato in provincia di Trapani, né un Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nato a Trapani, si sono opposti alla chiusura, dando la sensazione – ai poliziotti penitenziari trapanesi e favignanesi che avevano votato il cambiamento – di essere politici deboli che nemmeno sanno difendere gli interessi del loro territorio.
Nemmeno l’esame obiettivo dei costi/benefici ha fatto cambiare idea ai vertici dipartimentali. Il 15 maggio 2019, nonostante la Commissione all’uopo delegata o meglio catapultata a Trapani dopo l’interrogazione dell’Onorevole Varchi (che a quanto pare ha dato molto fastidio al nostro Capo del DAP – così si sussurrava tra i corridoi del palazzo), è stata scritta la parola fine ad un presidio di sicurezza al servizio del Nucleo Traduzioni di Trapani.
Non è bastato nemmeno fornire i dati recenti delle traduzioni ovvero che nei primi 5 mesi dell’anno erano stati movimentati ben 100 detenuti. Niente … tutto inutile.
Meno di cento euro, con la pilotina, il costo di una traduzione da Trapani a Favignana e viceversa per portare i detenuti in Tribunale, all’ospedale ecc.  Da domani una traduzione con i mezzi di linea, sui quali la Polizia Penitenziaria non ha nessuno sconto (ma anzi viene vista di malocchio perché le traduzioni disturbano i turisti) costerà allo Stato circa 400 euro (un costo forfettario calcolato per biglietti, missioni, straordinari e buoni pasti).
E’ questo il risparmio che cercava la ministra Madia del PD ?
Chi è al governo oggi anziché ascoltare i poliziotti penitenziari e venire incontro alle loro esigenze non solo  non è riuscito a cambiare la Legge, ma non è riuscito nemmeno a prorogare i termini di chiusura della Base in attesa di una soluzione … e meno male che i supporters di questo Governo chiamano chi ha votato PD i PDioti …

 

Torna alla Home

About Author

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp