Carcere di Sulmona, agenti della Polizia Penitenziaria sfrattati dalla caserma: Non sismicamente a norma

0
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!
Prima di leggere l' articolo perdi un secondo e metti mi piace sulla nostra pagina facebook

Il timore era fondato, la minaccia di chiusura della caserma agenti del carcere di Sulmona, come avevamo anticipato, è diventata operativa: l’ordine di servizio è stato diramato oggi nella tarda mattinata e con effetto immediato. “Si dispone la cessazione dell’alloggiamento del personale di polizia penitenziaria nelle camere della caserma situate nei piani fuori terra”. In altre parole restano attivi il bar e la mensa, perché il loro utilizzo è limitato a brevi periodi, ma da oggi stesso almeno una cinquantina di agenti dovranno trovarsi un alloggio e tra loro ce ne sono anche una decina circa che nella struttura avevano la loro abitazione e residenza.

A seguito delle perizie tecniche eseguite sulla palazzina, infatti, è risultato che “l’immobile benché realizzato con criteri antisismici in vigore all’epoca della costruzione – si legge nella relazione – non presenta caratteristiche sufficienti a soddisfare gli odierni parametri di resistenza agli eventi sismici”.
Tutti fuori, dove, però, è un interrogativo che resta, perché la Scuola di polizia penitenziaria, che era una delle possibili soluzioni alternative, ha dato una disponibilità di posti molto limitata (cinque camere).

LA CASERMA CHE OSPITA GLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA

La struttura, una palazzina di cinque piani dove si trovano la mensa, il bar e gli alloggi per gli agenti di polizia penitenziaria, avrebbe fatto infatti registrare carenze statiche e una vulnerabilità sismica che richiederebbe un intervento di adeguamento sismico.
La chiusura della caserma crea problemi seri alla gestione del carcere: tanto per la logistica degli agenti di Polizia Penitenziaria, quanto per la sicurezza, perché gli agenti che dormono nella struttura sono considerati comunque reperibili in caso di emergenza.
Le forze a disposizione sono d’altronde già scarse: un recente studio fatto dallo stesso dipartimento, prevede infatti che in via Lamaccio, per la quantità e qualità di detenuti ospitati (ad oggi 267), ci dovrebbero stare 386 agenti, a fronte dei 267 attuali.

ENTRO L ‘ANNO SARA’ APERTO UN NUOVO PADIGLIONE

E questo senza contare il nuovo padiglione la cui apertura è prevista entro l’anno e che porterà in dotazione 40 nuovi agenti di Polizia Penitenziaria e circa 250 detenuti, facendo diventare il carcere di Sulmona uno dei più importanti d’Europa, se non altro per la tipologia di reclusi che comprendono oggi As1 (ex 41 bis), As3 (reati associativi) e collaboratori di giustizia (che richiedono il doppio della sorveglianza), con il probabile arrivo prossimamente anche degli As2, ovvero i terroristi.
Ad usufruire della caserma agenti sono attualmente circa 150 poliziotti, alcuni in pianta stabile (che cioè vi alloggiano pagando un canone d’affitto), la maggior parte pendolari, per una media di 50 pernottamenti al giorno e punte di 100.

Fonte: ilgerme.it

Torna alla Home

About Author

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp