Crossed Over, Oltre il dolore

Crossed Over, oltre il dolore è un film drammatico ispirato ad una storia vera, tratta dall’autobiografia della scrittrice Beverly Lowry, tuttora vivente negli Stati Uniti.

Lowry, dopo la perdita del suo unico figlio adolescente, ucciso da un pirata della strada che non sarà mai rintracciato nonostante la sua l’affannosa e ossessiva ricerca, entra nel tunnel di una profonda depressione, malgrado l’affetto e la vicinanza del marito.

La scrittrice riuscirà a guarire dalla depressione solo dopo essersi appassionata alla vicenda di una donna omicida condannata a morte, reclusa in un carcere del Texas.

La donna era Karla Faye Tucker, una americana condannata a morte per aver ucciso due persone con un piccone, durante un furto in una villa.

Beverly ne diventerà amica elargendole consigli, confidenze, fino alla sua morte per iniezione letale avvenuta nel 1998.

Il film porta una novità sul tema della morte di un figlio, ampiamente trattato in tante declinazioni cinematografiche, Lowry inspiegabilmente segue la sorte di un’assassina, riuscendo a trasmetterle fiducia in Dio e regalandole dignitosi ultimi scampoli di vita. 

Tuttavia, è difficile capire la motivazione psicologica e quale molla possa essere scattata nella mente di Beverly, conoscendo molto bene il grave delitto commesso. Tra l’altro, tutto quello che viene fatto per Karla è rimasto fine a se stesso perché non cambierà la sua sorte di  prima donna ad essere condannata a morte in Texas dopo quasi 100 anni.

Probabilmente il messaggio che si vuole mandare è che la persona che subirà l’iniezione letale è molto diversa, rispetto a quella che aveva commesso l’efferato omicidio.

Insomma, una forte condanna della pena capitale, che per sua natura non prevede alcun percorso di recupero e redenzione.

E’ altrettanto facile individuare nell’operato della Lowry una missione umana, anche se rimane misterioso il percorso psicologico che la portò ad effettuare questa scelta, come se la morte innaturale del figlio l’avesse spinta a fare qualcosa di importante sul piano sociale, per esorcizzare e lenire il dolore della perdita. 

Ottima l’interpretazione di Diane Keaton nella parte della scrittrice.

Regia: Bobby Roth

Altri titoli: Oltre il dolore –

Vite spezzate

Soggetto: Beverly Lowry (libro)

Sceneggiatura: John Wierick

Fotografia: Eric Van Haren Noman

Montaggio: Ralph Brunjes

Musiche: Asher Ettinger, 

Tony Kosinec

Costumi: Csilla Márki

Scenografia: Marlene Graham

Produzione: 

Alliance Atlantis Communications,

Spring Creek Productions

Distribuzione: 

CBS, 

Echo Bridge Home Entertainment 

Personaggi e interpreti: 

Beverly Lowry: Diane Keaton

Ethan Lowry: Maury Chaykin

Peter Lowry: Nick Roth

Henry Quinn: Karl Pruner

Dana Brown: Patrick Galligan

Karla Faye Tucker: 

Jennifer Jason Leigh

Kari Tucker: Alexa Gilmour

Deborah Thornton: Mika Ward

Joe Magliolo: Richard Eden

Cory: Tye Tyukodi

Danny Garrett: Sean Bell

Doug Garrett: Jake Simons

Jackson: Matthew Cooke

Nurse: Pragna Desai 

Surgeon: Terry Harford

il Ministro: Ian Downie

Genere: Drammatico

Durata: 92 minuti, 

Origine: Canada, 2002

  • SOCIAL SHARE :

Informazioni sull'autore

Giovanni Battista De Blasis

Nato a Roma il 26 agosto 1958 già Sostituto Commissario Coordinatore del Corpo di Polizia Penitenziaria. Laureato in giurisprudenza, un master in scienze criminologiche ed uno in scienze penitenziarie e dell’esecuzione penale. Giornalista pubblicista. Autore di pubblicazioni tecnico-giuridiche, professionali, saggistiche e satiriche. Avvocato praticante. Manager per i servizi di mediazione. Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Vice Presidente e Direttore del Comitato Scientifico dell’Accademia Europea Studi Penitenziari. Segretario Generale Aggiunto del Sappe e Vice Presidente Vicario dell’Anppe.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp